Apatheia

Rom e stranieri, corsi e ricorsi

Non amano l'acqua, molti di loro puzzano...

Generalmente sono di piccola statura e di pelle scura. Non amano l'acqua, molti di loro puzzano anche perché tengono lo stesso vestito per molte settimane. Si costruiscono baracche di legno e alluminio nelle periferie delle città dove vivono, vicini gli uni agli altri.

Quando riescono ad avvicinarsi al centro affittano a caro prezzo appartamenti fatiscenti. Si presentano di solito in due e cercano una stanza con uso di cucina. Dopo pochi giorni diventano quattro, sei, dieci. Tra loro parlano lingue a noi incomprensibili, probabilmente antichi dialetti. Molti bambini vengono utilizzati per chiedere l'elemosina ma sovente davanti alle chiese donne vestite di scuro e uomini quasi sempre anziani invocano pietà, con toni lamentosi o petulanti. Fanno molti figli che faticano a mantenere e sono assai uniti fra di loro.

Dicono che siano dediti al furto e, se ostacolati, violenti. Le nostre donne li evitano non solo perché poco attraenti e selvatici ma perché si è diffusa la voce di alcuni stupri consumati dopo agguati in strade periferiche quando le donne tornano dal lavoro. I nostri governanti hanno aperto troppo gli ingressi alle frontiere ma, soprattutto, non hanno saputo selezionare fra coloro che entrano nel nostro Paese per lavorare e quelli che pensano di vivere di espedienti o, addirittura, attività criminali.

Naturalmente non la penso esattamente cosi. Questa è una relazione, come molti già sapranno, dell'Ispettorato per l'immigrazione del congresso americano, redatta nell'ottobre del 1912 a proposito degli immigrati italiani. Continua così: «Propongo che si privilegino i veneti e i lombardi, tardi di comprendonio e ignoranti ma disposti più di altri a lavorare. Si adattano ad abitazioni che gli americani rifiutano pur che le famiglie rimangano unite e non contestano il salario. Gli altri, quelli ai quali è riferita gran parte di questa prima relazione, provengono dal sud dell'Italia. Vi invito a controllare i documenti di provenienza e a rimpatriare i più. La nostra sicurezza deve essere la prima preoccupazione».
  • Immigrati
Altri contenuti a tema
Progetto "Sprar", prorogata la chiusura delle domande Progetto "Sprar", prorogata la chiusura delle domande Nuovo termine ultimo venerdì 22 gennaio alle ore 12. Necessario il curriculum
Accoglienza rifugiati, si cerca un soggetto per ospitarli Accoglienza rifugiati, si cerca un soggetto per ospitarli Pubblicato l'avviso per il progetto Sprar
Luciana Di Meo: «Io, l’amica degli immigrati» Luciana Di Meo: «Io, l’amica degli immigrati» La NarraVita di oggi affronta lo scottante tema dell’immigrazione…
Cittadinanza italiana, da oggi basta un click per la richiesta Cittadinanza italiana, da oggi basta un click per la richiesta L'iniziativa messa a punto dalla direzione centrale del dipartimento per l'Immigrazione
Spazio Migranti, questa mattina confronto interculturale a Trani Spazio Migranti, questa mattina confronto interculturale a Trani L'incontro alle 9.00 presso la sede provinciale di viale De Gemmis
Comunità e intercultura, martedì il quinto appuntamento di "Spazi Migranti" Comunità e intercultura, martedì il quinto appuntamento di "Spazi Migranti" Il progetto Bat, volto per favorire l'integrazione dei cittadini stranieri sul territorio
Integrazione sociale, a Trani il secondo seminario promosso dalla Bat Integrazione sociale, a Trani il secondo seminario promosso dalla Bat “Il lavoro di rete come dialogo interculturale”, appuntamento martedì 23 in viale De Gemmis
Laboratorio dell'emigrazione del Gal ponte lama Laboratorio dell'emigrazione del Gal ponte lama Fino al 31 maggio si reperiranno le testimonianze storiche legate al fenomeno
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.