Blatta Obey
Blatta Obey
Dardo

Blatta "OBEY" o "30 minuti"

Una serata barese

28.08.2022. Primo giorno di residenza barese dopo dieci anni vissuti a Bolzano, esco di casa e mi dirigo tra le vie del centro della città.

Inizio ad osservare la città e mi dirigo verso San Nicola di Bari e cerco invano un possibile collegamento con San Nicola il pellegrino.

Lo stomaco brontola e inizio a vagabondare tra le vie antiche, incrocio la signora dei cappellettii, quella delle scagliozze e poi finalmente i panzerotti, ora lo stomaco si placa.

Le gambe vanno da sole e mi trovo in piazza del Ferrarese, dopo alcuni passi mi ricordo della mostra al teatro Margherita su OBEY.

Mi ricordo della fantastica chiusura alle ventidue, guardo l'orologio e sono le 21:30, bene ho trenta minuti prima della chiusura.

Varco la soglia del teatro e una voce da una cassa sonante mi dice:

"Mi scusi per accedere alla mostra ci vuole il biglietto".
Io: Non c'è nessun problema posso fare il biglietto, il 27 è passato da poco.
La signora della cassa: Mi scusi non posso farle il biglietto sono le 21:33 e la cassa chiude trenta minuti prima della chiusura.

Entrano tre ragazzi, stessa scena e stesse battute. Quando la signora della casa ripete: Mi scusi non posso farle il biglietto sono le 21:35 e la cassa chiude trenta minuti prima della chiusura. Io rispondo: Non c'è problema entriamo senza biglietto.

Signora della cassa: Mi dispiace non si accede senza biglietto e la mostra sta chiudendo, oggi è l'ultimo giorno e son gli ultimi minuti. I tre ragazzi: fateci entrare che vi costa, vogliamo solo vedere una mostra, non sporchiamo e non gettiamo carte per terra.

La signora della cassa: mi dispiace non posso farvi il biglietto, siamo controllati dalla SIAE, potrebbero venire proprio ora a fare i controlli. Io rispondo: siamo quattro ragazzi della SIAE.

Signora del servizio d'ordine: favorite il cartellino della SIAE. Uno dei tre ragazzi: se vuole signora ho un cartellino che certifica che son un disabile le va bene? Signora del servizio d'ordine spalanca gli occhi ma non ci fa entrare.

Finalmente molliamo l'osso e usciamo dal teatro e diciamo "chiama a Decaro" forse ci fa entrare.

Una breve storia tra ironia e inflessibilità.
  • Dardo
Dardo

Dardo

Riportare la satira nella realtà quotidiana

Indice rubrica
Altri contenuti a tema
Pecore e fari Pecore e fari I nuovi personaggi del presepe "dardoso"
Il parcheggiatore Il parcheggiatore Dardo commenta la notizia dei parcheggiatori abusivi sanzionati a Trani
Croce rossa nel profondo blu Croce rossa nel profondo blu Dardo commenta l'abbattimento dell'affresco nell'ex ospedale di Trani
Giovani balilla (una notizia e vignetta travisata) Giovani balilla (una notizia e vignetta travisata) La vignetta di Dardo sulla visita di Mattarella a Bari in occasione del 4 novembre
Qui ridiamo noi, Dardo intervista Giuseppe del Curatolo Qui ridiamo noi, Dardo intervista Giuseppe del Curatolo Un viaggio nella comicità in Puglia
Le scimmie urlatrici Le scimmie urlatrici Dardo commenta il risultato elettorale delle elezioni politiche
Dal vangelo secondo Montanari Dal vangelo secondo Montanari Dardo commenta l'incontro avvenuto in piazza Quercia nell'ambito de I Dialoghi
Movimento Cinque Blatte Movimento Cinque Blatte L'ironia di Dardo sulla visita del presidente Conte a Trani
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.