Ospedale, sanità
Ospedale, sanità
Inbox

«L'assistenza dei medici di base non è un’utopia»

La testimonianza di un paziente di Trani positivo al covid

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un paziente di Trani positivo al Covid.

In questo periodo di grande incertezza, tensione e paura è difficile non allarmarsi all'insorgenza di un sintomo quale febbre o tosse. Avete mai riflettuto sul fatto che la prima persona a cui chiediamo aiuto e consiglio è proprio il nostro medico di famiglia?

Bene, sono qui a dar prova di come io abbia avuto la fortuna, seppur in una situazione difficile, di essere seguito da un medico non solo professionalmente competente ma umanamente eccezionale, contrariamente a ciò che all'inizio della pandemia è stato divulgato in merito all'assenza e alla ridotta assistenza offerta dai medici di base.

La mia dott.ssa Bianca Maria Vignoli ha subito preso in carico la mia situazione, senza trascurare la mia storia clinica pregressa, non si è solo occupata di gestire dal punto di vista terapeutico la mia condizione ma in modo così scrupoloso ha dato il suo sostegno e supporto psicologico a me e alla mia famiglia. Ma ciò di cui le sarò per sempre grato è di aver preso la decisione che seppur sofferta è stata la più importante. Ha compreso subito che la mia condizione non poteva più essere gestita a domicilio ed era di fondamentale importanza per la mia salute un monitoraggio completo possibile solo in un reparto per pazienti Covid positivi. Lei ha insistito, è stata in grado di cooperare e collaborare con i colleghi dell'Usca e del 118 affinché io non rischiassi il peggio.

La mia battaglia contro il Covid l'ho combattuta con lei, giornalmente si informava sulla mia salute, incoraggiava e rassicurava la mia famiglia, non ci ha mai lasciato soli. Per questo vorrei che avesse risonanza questa mia esperienza per dimostrare che l'assistenza dei medici di base non è un'utopia: esistono medici che abbracciano la loro professione in toto, non si occupano solo di fare una diagnosi e di prescrivere farmaci ma ancor più in questo contesto storico accompagnano passo passo i loro pazienti nel contrastare un nemico comune.

La dott.ssa Vignoli ne è un onorevole esempio. Per lei ho immensa gratitudine, stima e riconoscenza. Auguro a ciascuno di poter affidare se stesso e la propria salute a medici come lei, specialisti di medicina di base che hanno cura di te non solo in qualità di paziente ma di persona resa vulnerabile e fragile dalla paura della malattia. Con profonda gratitudine ancora grazie cara dottoressa.

  • Covid
Altri contenuti a tema
Omicron corre anche a Trani: 1100 positivi, 11 i ricoveri Omicron corre anche a Trani: 1100 positivi, 11 i ricoveri L'ultimo aggiornamento
Il covid dilaga: anche a Trani problemi al circuito turistico riavviato con fatica Il covid dilaga: anche a Trani problemi al circuito turistico riavviato con fatica La testimonianza di operatori e guide turistiche a Trani e nell'intera Puglia
Covid, risale il numero dei contagi: 623 i positivi a Trani negli ultimi 15 giorni Covid, risale il numero dei contagi: 623 i positivi a Trani negli ultimi 15 giorni Con l'arrivo dell'estate si sono "allargate" le maglie del distanziamento e delle mascherine
Sale la curva dei contagi, rischio di ospedali pieni di pazienti covid Sale la curva dei contagi, rischio di ospedali pieni di pazienti covid Federazione Cimo-Fesmed: "Il personale sanitario è stremato e insufficiente, ridotto più che dalle ferie dai contagi"
Covid, in Puglia segnali di ripresa della pandemia Covid, in Puglia segnali di ripresa della pandemia Secondo il monitoraggio +38,1% casi in una settimana
Primo maggio, da oggi l'Italia dice addio al green pass Primo maggio, da oggi l'Italia dice addio al green pass In vigore fino al 15 giugno l'obbligo di mascherine al chiuso
Vaccini, la somministrazione della quarta dose in Puglia procede a rilento Vaccini, la somministrazione della quarta dose in Puglia procede a rilento Lo rileva il report della Fondazione Gimbe
Vaccini, dal 26 aprile al via anche a Trani la somministrazione della quarta dose per over 80 Vaccini, dal 26 aprile al via anche a Trani la somministrazione della quarta dose per over 80 La somministrazione deve avvenire dopo almeno 120 giorni dalla dose di richiamo (booster)
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.