Lavoro giovanile
Lavoro giovanile
Inbox

Le strade per uscire dalla crisi

Il pensiero di Mauro Spallucci (Omi Trani)

La recente lezione genovese di Papa Francesco vale anche per tutti noi. Vale per la nostra comunità, i tranesi e gli abitanti residenti nelle città limitrofe. La lezione economica del Papa è chiara, semplice, al servizio delle persone. A questa economia senza volti e astratta che è tipica della speculazione bisogna sostituire quella del lavoro, delle persone, delle famiglie, degli imprenditori che sono amici del territorio, delle persone, delle famiglie dei lavoratori.

Mentre lo speculatore non ama la sua azienda, i lavoratori, ma vede azienda e lavoratori solo per fare profitto l'imprenditore vero vuole realizzare il suo sogno imprenditoriale, il suo progetto con i collaboratori, alleandosi con il territorio e le istituzioni. Ne condivide le gioie e o dolori, le fatiche e le speranze di creare qualcosa di buono insieme. Ed ecco allora che Papa Francesco, pur non essendo un economista, ci indica quattro strade.

La prima: il lavoro e lo sviluppo sono termini contestuali. Devono andare insieme, a braccetto. La seconda: bisogna investire nell'intelligenza. Ciò vuol dire educazione al lavoro, formazione, ricerca, diffondere reti di innovazione. La terza: occorre un clima di fiducia tra imprese, sindacati, istituzioni. Dialogo reciproco come scambi di impegni per raggiungere obbiettivi condivisi.
In questa situazione la "coesione territoriale" diventa un fattore strategico per tutta la comunità. La quarta: occorre la solidarietà tra uomini e donne, tra padri e figli, tra chi ha denaro e chi ha capacità ed idee ed ha bisogno di essere sostenuto.

Quindi, per concludere, queste strade "insieme" sono delle precondizioni per costruire un'economia al servizio delle persone, delle famiglie, della città. Un'economia al servizio e non padrona del suo destino. Ricordando che il buon imprenditore è una figura fondamentale per una buona economia perché ha dalla sua parte orgoglio, passione, creatività, amore per la sua impresa, intelligenza per l'opera sua e dei suoi lavoratori. Ora è necessario credere, decidersi e mettersi in movimento per costruire un pezzetto di mondo migliore. Una Trani migliore, ripartendo da oggi senza perdere altro tempo prezioso. Ciascuno è chiamato a fare la propria parte. Nessuno escluso.

- Mauro Spallucci, Omi Trani
  • Mauro Spallucci
Altri contenuti a tema
Trani, il cambiamento parte da un assessorato alla bellezza Trani, il cambiamento parte da un assessorato alla bellezza La lettera in redazione di Mauro Spallucci
Trani può fare di più, avanzata la proposta di una nuova Accademia del Mediterraneo Trani può fare di più, avanzata la proposta di una nuova Accademia del Mediterraneo Lettera in redazione di Mauro Spallucci (Omi)
L'Omi Trani aderisce alla Carta di Assisi L'Omi Trani aderisce alla Carta di Assisi Ecco i criteri utili per una corretta informazione
Guarire dalla corruzione, anche a Trani si può Guarire dalla corruzione, anche a Trani si può Nuova riflessione di Mauro Spallucci (Omi)
Trani, alla guida della città serve la democrazia dei "migliori" Trani, alla guida della città serve la democrazia dei "migliori" Lettera in redazione di Mauro Spallucci (Omi)
Servizio civile universale, disponibili olre 53mila posti Servizio civile universale, disponibili olre 53mila posti Mauro Spallucci (Omi Trani): «Esperienza consigliata a tutti i tranesi»
Trani: una città bella ma senza anima Trani: una città bella ma senza anima Nuova riflessione di Mauro Spallucci (Omi Trani)
Trani un tempo al centro del Mediterraneo, ma ora? Trani un tempo al centro del Mediterraneo, ma ora? Per lo sviluppo del territorio Spallucci (Omi Trani) propone un'assessorato all'Innovazione
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.