Poca acqua nelle campagne
Poca acqua nelle campagne
Inbox

Poca acqua nelle campagne: da Trani scrivono al ministro Martina

La "comunione irrigazione" chiede il ripristino delle tubazioni

Egregio signor Ministro,
siamo un gruppo di agricoltori che, a vario titolo, è impegnato con estrema fatica, nella coltivazione di prodotti di pregio come l'olio extravergine di oliva e l'uva da tavola, in agro di Trani. Quest'anno, purtroppo (e forse per gli anni successivi), tutto il nostro lavoro corre il rischio di essere vanificato per la mancanza d'acqua, causata in seguito ai lavori pubblici per l'ampliamento della strada provinciale 13 (Andria-Bisceglie). Infatti, lungo la dorsale della suddetta strada provinciale, su terreni privati, ora espropriati per il previsto allargamento del piano stradale, correva sotto traccia, una condotta d'acqua messa a dimora, in un primo tempo, per mano pubblica dall'ex Consorzio di Bonifica nell'anno 1996 e, successivamente, a causa di rilevanti rotture, sostituita da noi agricoltori con grande sacrificio economico. Detta condotta veniva alimentata dall'acqua del pozzo numero 22, in Comune di Andria, di proprietà della Regione Puglia, attraverso la gestione dell'Agenzia Arif (Agenzia regionale attività irrigue forestali), succeduta alla precedente gestione consorziale.

A causa dei suddetti lavori, la condotta è andata distrutta e, da contatti avuti con le rappresentanze istituzionali locali, sembra che i lavori di ampliamento stradale non comprendano anche il ripristino della suddetta condotta idrica all'interno del suolo divenuto pubblico. Non si comprende perché mai, in questa fase di ampliamento stradale, vengono ricostruiti, qualche metro più indietro, i muretti di cinta abbattuti ma non la condotta idrica eliminata!

Si tratta, in sostanza, di un tubo in materiale plastico del diametro di mm. 120, per una lunghezza di circa un chilometro o poco più. Le attuali nostre forze economiche, purtroppo, non ci consentono di effettuare nuovamente tutto l'impianto idrico andato rovinato e che collegava il pozzo numero 22 ai numerosi terreni agricoli sottostanti di circa 80 ettari. Per tale motivo, la produzione agricola dei suddetti poderi, verrebbe inesorabilmente, ad essere compromessa, a meno di un urgente intervento pubblico. Oltretutto ciò arreca un irreversibile danno ad una buona parte dell'economia locale e dello specifico settore.

Attualmente siamo costretti ad irrigare i nostri campi per mezzo di autobotti privati, con grande dispendio finanziario e con l'incertezza del futuro raccolto. Non sappiamo, però, fino a quanto potremo sopportare il relativo onere finanziario, rimanendo aggrappati alla speranza di un prossimo quanto repentino cambiamento meteorologico. Ci affidiamo ora alla Sua sensibilità, onorevole Martina, perché attraverso un Suo autorevole intervento si possa finalmente risolvere positivamente il prospettato problema, reso ancor più grave quest'anno, per l'incessante arsura che da molto tempo sta affliggendo il nostro amorevole territorio.

Vincenzo Di Gregorio,
referente della comunione irrigazione
Poca acqua nelle campagne: da Trani scrivono al ministro MartinaPoca acqua nelle campagne: da Trani scrivono al ministro MartinaPoca acqua nelle campagne: da Trani scrivono al ministro MartinaPoca acqua nelle campagne: da Trani scrivono al ministro MartinaPoca acqua nelle campagne: da Trani scrivono al ministro MartinaPoca acqua nelle campagne: da Trani scrivono al ministro MartinaPoca acqua nelle campagne: da Trani scrivono al ministro Martina
  • Agricoltura
Altri contenuti a tema
Svantaggiati impiegati in agricoltura, a Trani il convegno Svantaggiati impiegati in agricoltura, a Trani il convegno Nel corso della tavola rotonda l'esperienza di 8 donne rifugiate assunte a Barletta
Street food, ecco la nuova frontiera per gli imprenditori agricoli Street food, ecco la nuova frontiera per gli imprenditori agricoli L'opportunità di lavoro illustrata dall'assessore Di Gregorio
Maltempo, Coldiretti denuncia: «Shock termici quotidiani, 15 milioni di danni» Maltempo, Coldiretti denuncia: «Shock termici quotidiani, 15 milioni di danni» Costi di produzione alle stelle a causa dal gelo degli scorsi giorni
Agricoltura, persi 100 giorni di lavoro annui a causa della burocrazia Agricoltura, persi 100 giorni di lavoro annui a causa della burocrazia La denuncia del presidente di Coldiretti, Gianni Cantele
Agricoltura, dal Ministero le agevolazioni per lo sviluppo delle aziende Agricoltura, dal Ministero le agevolazioni per lo sviluppo delle aziende L'invito dell'assessore Di Gregorio a cogliere questa opportunità
1 Ancora furti di olive in via Falcone, interviene il movimento Turismo rurale Ancora furti di olive in via Falcone, interviene il movimento Turismo rurale Il presidente: «Avevamo proposto un progetto di valorizzazione. In risposta solo silenzio»
In arrivo i fondi pubblici per produzioni agricole danneggiate a Trani In arrivo i fondi pubblici per produzioni agricole danneggiate a Trani A disposizione dal Ministero risorse per le gelate dello scorso gennaio
2 A Trani nasce "Ortoriri", l'orto bio in città A Trani nasce "Ortoriri", l'orto bio in città In via Monte d'Alba affittasi terreni di 70mq per coltivare prodotti a "km0"
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.