Sacchetti della spesa
Sacchetti della spesa
Mazza e panella

Ma con quei prezzi alle stelle non ci siamo

Mazza e panella di Giovanni Ronco

A cosa serve fare tanti bei discorsi, dire che si deve remare tutti nella stessa direzione, dire che bisogna aiutare i bisognosi, se poi ci rendiamo conto che ci sono alcune categorie di commercianti che stanno "gonfiando" i prezzi nella vendita al dettaglio? E sta succedendo anche per beni di prima necessità, non certo per quelli cosiddetti superflui. Colgo l'occasione per allargare il dibattito dopo aver letto un post su FB del nostro direttore e collega Giuseppe Di Bisceglie, scritto proprio nel giorno di Pasqua e che denunciava vere e proprie forme di sciacallaggio, proprio in questo momento delicato.

E' l'ennesima contraddizione dei nostri giorni: si è bravi e solidali a parole: aiutare il prossimo, rispettare le regole, remare, resistere, onorare le categorie a rischio (medici e infermieri in primis): poi quando ci trova a "gestire" i propri interessi o se per caso le vicissitudini legate al virus, vanno a toccare guadagni, comodità, vantaggi dei singoli, ecco che le misure diventano fuori luogo, i prezzi possono aumentare, la gente può fare a meno di quel prodotto se non le conviene comprarlo. Tutto un campionario di scuse, pretesti e chiacchiere: l'importante è che il danneggiato non sia io.

Che non debba rinunciare al mio guadagno, che non debba fare la fila per i varchi, che non debba fare il giro largo per andare al lavoro, che non debba rimetterci dei soldi, che non debba rischiare il mio consenso politico, a seconda delle situazioni. Ma mentre per certi aspetti, si rivedono tanti piccoli "Alberto Sordi" alle prese con l'emergenza (rivedete ad esempio il film "Tutti a casa") che alla fine ci fanno sorridere, lo sciacallaggio dei prezzi al dettaglio mette davvero rabbia perché scortica la carne viva del ceto debole (e non).
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Coronavirus, oggi undici nuovi casi nella Bat Coronavirus, oggi undici nuovi casi nella Bat 89 i contagiati in Puglia. Il bollettino odierno
Coronavirus, oggi 50 casi in Puglia. Tre nella Bat Coronavirus, oggi 50 casi in Puglia. Tre nella Bat Il bollettino odierno
1 Caso Covid in uno dei negozi Edward di Trani: «Pronti a riaprire in sicurezza» Caso Covid in uno dei negozi Edward di Trani: «Pronti a riaprire in sicurezza» Tutto il personale risultato negativo al tampone
Caso Covid-19 al "Giodicart" di Trani, capitolo chiuso Caso Covid-19 al "Giodicart" di Trani, capitolo chiuso Una dipendente era risultata positiva asintomatica, ma l'azienda rassicura: «Lo store non è stato mai chiuso poiché sono state sempre osservate tutte le prescrizioni anti Covid»
Coronavirus, 103 casi in Puglia. 11 nella Bat Coronavirus, 103 casi in Puglia. 11 nella Bat Il bollettino odierno
Coronavirus, 83 nuovi casi in Puglia. Tre nella provincia Bat Coronavirus, 83 nuovi casi in Puglia. Tre nella provincia Bat Il bollettino odierno
1 Salgono i contagi a Trani, oggi tre nuovi casi Covid-19 Salgono i contagi a Trani, oggi tre nuovi casi Covid-19 Si tratta di tre cittadini già in isolamento domiciliare
Coronavirus, oggi 82 nuovi casi in Puglia. Dieci nella Bat Coronavirus, oggi 82 nuovi casi in Puglia. Dieci nella Bat Il bollettino odierno
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.