Tempo reale

L'Iva aumenta al 22%, nuova stangata sulle famiglie

Preoccupate le associazioni di commercianti: «Piccole imprese continueranno a chiudere»

Una raffica di rincari scatta oggi in tutti i settori, per effetto dell'aumento dell'Iva dal 21 al 22%. Una stangata che arriverà a costare fino a 349 euro a famiglia su base annua, ma che potrebbe avere ricadute ben più ampie per le tasche degli italiani, se si tiene conto degli arrotondamenti dei listini e dell'aumento dei prezzi dei prodotti trasportati. «Una lunga serie di beni subirà in queste ore un incremento dei listini, con conseguenze pesantissime sui consumi - afferma il Presidente del Codacons Carlo Rienzi - In base alle nostre stime, per effetto della maggiore Iva, gli acquisti delle famiglie registreranno una forte contrazione che potrà raggiungere quota -3% su base annua».

Secondo le associazioni di categoria, l'incremento dell'Iva produrrà inoltre una vera e propria ecatombe nel settore del commercio, con ricadute enormi sul fronte occupazionale e sullo stato economico del nostro paese. Furioso per l'aumento dell'imposta anche il Co.Di.Com Puglia, il comitato di difesa dei commercianti: «Anche in questa occasione il tutto si è svolto con i piccoli commercianti a guardare, indifesi e abbandonati al loro destino, alla finestra e soggetti passivi. Mentre qualcuno si affanna a sottolineare che l'aumento dell'iva non rappresenterebbe poi un gran danno, altri, come noi, manifestano enorme preoccupazione per questa scellerata e disastrosa situazione determinata a causa di una classe politica servile e asservita, inadeguata ed incapace di governare il nostro Paese».

Il comitato teme che questo nuovo aumento delle imposte possa portare a serie conseguenze per il sistema economico della Puglia e dell'intero Paese: «La conseguenza peggiore sarà anche quella che non si vede subito ma che si vedrà in futuro cioè l'ulteriore diminuzione del servizio prestato alla collettività dalle piccole imprese che continueranno a chiudere. L'aumento dell'Iva, unitamente alle altre numerose tasse ed imposte comunali e centrali che aumenteranno in modo esponenziale sin dall'inizio del prossimo anno, è la dimostrazione della deriva totale verso la quale è stata condotta l'economia italiana».
  • Crisi economica
Altri contenuti a tema
Dalla crisi finanziaria alle nuove opportunità di sviluppo: seminario a Trani Dalla crisi finanziaria alle nuove opportunità di sviluppo: seminario a Trani Un'iniziativa dell'Arcidiocesi e dell'Ordine dei commercialisti
Settore bancario in crisi, cosa sta succedendo? Settore bancario in crisi, cosa sta succedendo? Spallucci (Ucid): «È ora di assumersi responsabilità di scelte difficili»
La "crisi" che fa nascere la microcriminalità La "crisi" che fa nascere la microcriminalità L'ultimo furto in un bar del centro spinge ad una riflessione "sociale"
Istat, le cifre lo confermano: oggi fare figli è un lusso per pochi Istat, le cifre lo confermano: oggi fare figli è un lusso per pochi 10.000 euro la spesa media per sostenere solo il primo anno di vita
Crisi economica, per la Confesercenti Bat c'è rimedio Crisi economica, per la Confesercenti Bat c'è rimedio Il rimedio nell'incentivare lo sfruttamento turistico della città
Organizzazione del lavoro in città, il Pd ha la "ricetta" Organizzazione del lavoro in città, il Pd ha la "ricetta" Dotare il Comune di un albo delle cooperative e staff tecnico che segua i canali di finanziamento
I benzinai fanno “cartello” anche a Trani I benzinai fanno “cartello” anche a Trani Costituita da una settimana la locale rappresentanza della Faib
Un comitato di concertazione contro la crisi economica e le emergenze sociali Un comitato di concertazione contro la crisi economica e le emergenze sociali La bozza entro fine mese. Riserbato: «Una risposta concreta alle tante emergenze»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.