Eventi e cultura

A Trani il "Matrimonio di Re Manfredi"

Rievocazioni storiche, banchetti, cortei.

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Si rinnova l'appuntamento con "Il Matrimonio di Re Manfredi", la rievocazione storica proposta dall'associazione Trani Tradizioni che, anche quest'anno, rientrerà nel programma delle manifestazioni dell'Estate Tranese con una serie di appuntamenti in programma il 7, 9 e 10 agosto.
7 agosto - L'annuncio
L'Araldo darà l'annuncio del Matrimonio di Re Manfredi, con esibizione di gruppi in costume. In piazza Duomo si svolgerà un suggestivo torneo di cavalieri coreografato da danze medioevali, giocolieri, sbandieratori e mangiafuoco.

9 agosto - Lo Sbarco
Sbarco della Principessa Elena e festeggiamenti nel Castello Svevo. «Nella splendida cornice dello storico porto di Trani, punto d'incontro e d'incrocio di pellegrini, corsari, crociati, marinai, la notte del 9 Agosto, dall'alto dell'antica rocca bizantina si vedrà sventolare la bandiera della Città di Trani con il suo stemma, che annunzierà l'arrivo della bella Principessa Elena di Epiro, sposa promessa di Re Manfredi. Al calare del sole è previsto l'arrivo dal mare sul Molo Santa Lucia la bella Principessa Elena, e la sua corte bizantina. Seguiranno un corteo storico e i festeggiamenti al Castello Svevo.»
10 agosto - Il Matrimonio
Celebrazione del Matrimonio della bella principessa con Re Manfredi sul Piazzale antistante il Castello Svevo.



Anticipazioni e dettagli da Carmela Cassese, presidente dell'associazione Trani Tradizioni: «Ancora una volta la bella manifestazione ripercorrerà gli storici luoghi che oltre sette secoli fa videro sulle rive del Porto di Trani il biondo Manfredi, l'erede di Federico II, attendere la sposa giunta dal mare. L'accompagnavano le galee di Trani al comando di Pietro Palagano e Nicola Sifula, pronti a rintuzzare i feroci assalti dei pirati di Almissa e condurre sana e salva la bella principessa tra le braccia del biondo Manfredi. L'anonimo tranese, nel suo giornale ricorderà l'avvenimento come uno dei più fastosi della bella Città di Trani, ed il matrimonio venne suggellato immediatamente sulla banchina, quando Manfredi, colpito dalla bellezza di Elena, rompendo un rigido cerimoniale l' "abbracciao e la vasao". L'atto di Manfredi riempie di gioia la Città e spontaneamente scoppiano feste e canti ed un gran corteo popolare accompagna il Corteo Regale al Castello, la magnifica fortezza voluta da Federico II, circondata dal mare, posta a difesa di una delle più belle città federiciane.

Lo storico Castello, che posto ad occidente, con le sue minacciose torri guarda verso oriente la meravigliosa Cattedrale con la sua alta Torre campanaria, preannuncia il misterioso oriente, e sarà proprio l'Oriente che con i suoi suoni, luci, canti e danze che riproporrà l'antico mondo della Corte federiciana. Negli austeri cortili del Castello Svevo le antiche botteghe sapranno riproporre i sapori di un tempo, laboratori artigiani, e misteriosi personaggi che si aggireranno negli storici cortili , per tessere quelle sottili fila di una trama che proprio in quel Castello autentico nido d'amore della bella Elena, si trasformerà, solo pochi anni più tardi, in una tetra prigione.

Ma questi eventi sono lontani, in questi giorni trionfa la gioia dell'amore, anche Dante celebrerà la figura di Manfredi, è giorno di festa, i musici, le danzatrici arabe, i giocolieri, i falconieri, la corte federiciana con i suoi medici, filosofi, poeti, letterati, astronomi, vi accoglieranno in un ambiente fiabesco arricchito dalle magiche coreografie di una Trani che torna a rivivere i suoi antichi fasti. Un popolo variegato attenderà la bella Elena lungo le rive del Porto, le storiche catene che chiudono i suoi moli sono pronte ad aprirsi per accogliere la bella principessa ed il suo Corteo regale, ebrei, saraceni, ravellesi, amilfitani, genovesi, milanesi, veronesi, veneziani, ed il popolo sono in attesa dello storico evento preannunciato dallo sventolio della bandiera con lo storico drago dalla coda attorcigliata che preannuncia l'arrivo delle galee di Trani.»
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.