San Magno
San Magno
Religioni

«Ecco la tenda di Dio con gli uomini», consacrata a Trani la chiesa di San Magno

Migliaia i fedeli presenti per la cerimonia

Sono migliaia i fedeli, comprese le autorità locali, consiglieri, assessori e clero al completo, che nella serata di sabato 22 febbraio, hanno preso parte alla cerimonia di consacrazione della chiesa di San Magno. "Ecco la tenda di Dio con gli uomini", è la frase tratta dal libro dell'Apocalisse fatta incidere sull'altare a voler quasi ricordare quella stessa tenda che per tanti anni è stato il luogo dove i fedeli del quartiere Stadio si sono riuniti per celebrare la Messa. La parrocchia fu istituita il 24 novembre 2010 dall'Arcivescovo Giovan Battista Pichierri.

«Si è realizzato un sogno» - ha esordito uno dei due architetti che ha contribuito alla progettazione del complesso parrocchiale, all'inizio della cerimonia all'esterno della Chiesa.

«Chi ha lavorato alla costruzione di questo complesso ha dato un'anima ad un luogo periferico della città. Noi tecnici abbiamo svolto un ruolo di guida. Ci siamo confrontati con lo studio dei documenti ufficiali della chiesa prima della sua realizzazione. Una struttura contemporanea che sa rispondere alle moderne trasformazioni sociali. Ha davanti a sè lunghi e lunghi anni perché realizzata con tutti i crismi. Ora toccherà a Don Dino continuare a costruire questa chiesa, a forma di mandorla, figura sacra della Bibbia».

Da lì poi è partita una lunga e lenta processione fin dentro il tempio: i fedeli sono stati fatti entrare in gruppi per ragione di ordine e sicurezza. All'inizio della Messa si è svolto l'antico rito della "dedicazione", l'unzione dell' altare (con l' offerta dell' incenso) e dei muri.

«Solo mettendo al centro Gesù come unico fondamento possiamo costruire la famiglia chiesa», ha dichiarato l'arcivescovo Monsignor Leonardo D'Ascenzo durante l'omelia. «Questo edificio non sarà mai utilizzato come un parcheggio o un supermercato. Tutti noi siamo una comunità che dobbiamo fare della nostra vita un dono totale sull'esempio di Gesù. Non ci sono altre finalità. Mi piace pensare alla nostra chiesa non come a un condominio in cui ognuno vive per conto proprio, isolato nel proprio appartamento.

Il carburante che ci permette di essere chiesa - ha continuato - si chiama incontro, relazione, comunione. Mi piace immagine la nostra chiesta come una cosa semplice ma senza porte, dove c'è posto per tutti. Questo edificio è come una stanza che ha senso perché collegata con altre stanze. Abitiamo in un'unica casa dove non siamo né stranieri ne. Ospiti ma familiari di Dio. In lui, insieme con gli altri, mai da soli».

«Ringrazio tutte le persone che si sono adoperate nella costruzione di questa chiesa», ha poi concluso.
San MagnoChiesa San MagnoChiesa San MagnoChiesa San MagnoChiesa San Magno
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.