Politica

Forza Italia Trani: in tre lasciano il direttivo

«Riacquistiamo la nostra libertà di azione politica»

«Avevamo già contestato, con le nostre precedenti note, la conduzione unilaterale del Partito di Forza Italia che aveva stravolto lo spirito unitario dell'ultimo Congresso cittadino. Tale constatazione rimane ancora più ferma e radicata a seguito dell'incontro di direttivo avvenuto il 12 u.s.. In particolare, come dal coordinatore cittadino stesso riconosciuto, alcun coinvolgimento politico del direttivo è avvenuto per: la nomina dei componenti designati da Forza Italia nei consigli di Amministrazione dell'Amet e dell'AMIU; il patto politico federativo con i Popolari per le libertà; l'approvazione di importanti argomenti quali il regolamento per le pedane e il regolamento di polizia municipale; la cooptazione nel direttivo di altri componenti, con assegnazione di incarichi, senza alcun preventivo confronto.
Quest'ultimo atto, intervenuto nel mentre da parte nostra si manifestava il disappunto per la conduzione politica, è la conferma di una logica prevaricatrice che mira ad escludere dalla conduzione del partito tre componenti, evidentemente considerati inutili appendici.
Riteniamo, come già rappresentato in chiusura del predetto incontro, che, in mancanza di un chiarimento serio, non sussistono, ad oggi, le condizioni politiche per la nostra permanenza all'interno del direttivo di Forza Italia di Trani. Rimettiamo, quindi, nella mani del Commissario provinciale On. Dott. Raffaele Fitto, il mandato ricevuto all'esito del Congresso Cittadino unitario celebrato il 21 novembre 2007 essendo evidente che la nostra scelta di privilegiare l'unità del partito è stata intesa non come fonte di propulsione per un rilancio politico di Forza Italia, ma come strumento di annientamento della nostra dignità.
Riacquistiamo quindi la nostra libertà di azione politica, sempre all'interno e nell'interesse di Forza Italia, cui non faremo mancare il nostro supporto nella imminente difficile campagna elettorale, pur nella consapevolezza che oltre le difficoltà della campagna elettorale stessa, dovremo superare la ostilità e miopia di una classe dirigente tesa, evidentemente, più a distruggere per autoconservarsi, che ad esaltarne le potenzialità.»Avv.Marcello Paduanelli (Vice Coordinatore)
Avv.Maurizio Musci (Componente)
Dott.Franzese Antonio (Componente)
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.