Vita di città

PIRP Quartiere Petronelli.

Le valutazioni dei partiti PSDI, SDI, e Repubblicani Europei

«I sottoscritti partiti PSDI, SDI, e Repubblicani Europei, dopo attenta valutazione della proposta del Dirigente UTC, intendono esprimere le proprie valutazioni di merito, pur nel convincimento della sua irritualità, essendo esclusiva prerogativa istituzionale delle forze politiche che amministrano la città quella della proposizione e dell'impulso.
In primo luogo desta qualche perplessità l'intempestività del momento contingente amministrativo caratterizzato dalla dinamica dell'iter procedurale delle nuove previsioni pianificatorie della città, iter non ancora perfezionato e quindi suscettibile di ulteriori perfezionamenti in caso di accoglimento delle numerose osservazioni al PUG. Il progetto interessa aree –"A" e "B"- che si ritroverebbero addirittura ad osservare contemporaneamente 3 diversi regimi urbanistici diversi (PRG 1970 + Contratto di quartiere + PIRP).
Non appare giustificata, peraltro, la scelta di estendere l'area di studio a parti del territorio urbano che esorbitano dal quartiere Petronelli e che rappresentano –"L1" "L2" "L3" "L4" "L5"- uno snodo di tale nevralgica e strategica importanza nella nuova pianificazione, da non poter essere sacrificati a scelte estemporanee di discutibile spessore urbanistico, oppure sono stati inseriti in altro piano di riqualificazione (CdQ Sant'Angelo) –"A" e "B"_ ancorché non interessati da specifici interventi di quest'ultimo strumento. Il Centro Direzionale ivi proposto nasce da un marketing inesistente, giustificato da generici gradimenti che AMIU e AMET avrebbero espresso senza atti ufficiali e, comunque, a naso, improponibili da Aziende che, probabilmente, hanno bisogno di una più adeguata sede operativa che non di una sede rappresentativa.
Ulteriore perplessità, infine, è rappresentata dall'inserimento, nell'area da riqualificare, di suoli privati posti a sud oltre la ferrovia, cui viene accreditata ua suscettività edificatoria che è momentanea previsione di un PUG non ancora pienamente operante. L'insieme della proposta di riqualificazione, anche nella corretta perimetrazione del quartire Petronelli, risulta a nostro parere troppo invasiva, rappresentata da un aggravio insediativi piuttosto che da un atteso sgravio e dall'apertura di spazi verdi per la collettività»
    © 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.