Antonia Abbatangelo
Antonia Abbatangelo
Cronaca

Processo Abbatangelo, assolti dal reato di omicidio colposo i due medici imputati

La donna di 41 anni morì in piena pandemia dopo essersi recato al Pronto Soccorso di Trani

Assoluzione con formula dubitativa per non aver commesso il fatto in relazione al reato di omicidio colposo mentre per ciò che concerne il rifiuto di atti di ufficio condanna ad un anno di reclusione, al pagamento delle spese processuali e al risarcimento del danno nei confronti delle parti civili. Lo ha stabilito la Corte di Assise di Trani al termine dell'udienza svoltasi ieri al Tribunale di Trani nell'ambito del processo per la morte di Antonia Abbatangelo che vede indagati due medici: una dottoressa di 54 anni, di Castro (Lecce), in servizio all'epoca al pronto soccorso di Trani, e del collega 60enne, di Trani, guardia medica.

In piena pandemia Antonia Abbatangelo, 41 anni, mamma di un bimbo di appena un anno, si era presentata al pronto soccorso di Trani in gravi condizioni. Dopo un rimpallo tra pronto soccorso e guardia medica, i medici avrebbero sottovalutato le sue condizioni che la portarono alla morte. Così i due camici bianchi furono accusati, in concorso, di omicidio colposo.

I FATTI. Il 12 novembre 2020, in piena pandemia, quando Antonia Abbatangelo, 41enne, di Trani, viene accompagnata in pronto soccorso le ambulanze del 118, a causa dell'emergenza sanitaria, non sono disponibili. La dottoressa del pronto soccorso, di fronte alle condizioni della paziente, che si presenta con una carenza di ossigeno del sangue, sospetta un'infezione da Covid e manda la signora, senza visitarla, in guardia medica. Qui il medico di turno, imputato, dice ai familiari, direttamente al citofono, anche in questo caso saltando la visita, di andare al pronto soccorso. Abbatangelo torna a casa. Qualche giorno dopo, il 19 novembre, perde la vita all'ospedale Dimiccoli di Barletta per sindrome da "distress respiratorio acuto causata da Covid-19 su paziente con obesità di terzo grado con conseguente scompenso cardiaco irreversibile".

Secondo il pm Giovanni Lucio Vaira, i medici avrebbero rifiutato un atto del proprio ufficio che si legge nelle carte "per ragioni di igiene e sanità, doveva essere compiuto senza ritardo". Rifiutando secondo il pm "qualsiasi cura o diagnosi e quindi rallentando l'iter diagnostico-terapeutico della donna", i medici difesi dagli avvocati Giangualano e Ronchi avrebbero cagionato la morte della signora Abbatangelo. I cinque parenti della vittima, parti lese, sono assistiti dall'avvocata Giorgia Di Savino che, in precedenza, si era opposta alla richiesta di archiviazione formulata dalla procura, portando la gip di Trani, Marina Chiddo, a predisporre l'imputazione coatta. La Asl, dopo il decesso, aveva avviato indagini interne mentre l'iniziale fascicolo degli indagati comprendeva 18 sanitari. A processo, ora, solo i due medici.
  • Tribunale di Trani
Altri contenuti a tema
Archiviazione morte Raffaele Casale, il padre: "Dagli atti sparite foto e registrazioni" Archiviazione morte Raffaele Casale, il padre: "Dagli atti sparite foto e registrazioni" Raffaele Casale chiede giustizia da anni e denuncia troppe prove insabbiate rispetto a colpe evidenti
Minacce ai testimoni a Trani: i pm Pesce e Ruggiero saranno sospesi e poi trasferiti con nuove funzioni Minacce ai testimoni a Trani: i pm Pesce e Ruggiero saranno sospesi e poi trasferiti con nuove funzioni Entrambi andranno a fare i giudici civili, l'uno a Milano l'altro a Torino
Inchiesta "Le Lampare al Fortino": assolti Bologna, Capone, Ciliento, Di Staso e Lignola Inchiesta "Le Lampare al Fortino": assolti Bologna, Capone, Ciliento, Di Staso e Lignola Per il Gip "i fatti non costituiscono reato"
Inchiesta Soave: stralciata la posizione di Michele Nardi Inchiesta Soave: stralciata la posizione di Michele Nardi L'ex magistrato di Trani era stato accusato di tentata concussione insieme al commercialista Massimiliano Soave
Chiusura di Piazza Re Manfredi, continua la polemica Chiusura di Piazza Re Manfredi, continua la polemica L'ex consigliere Maria Grazia Cinquepalmi interviene sulla questione accendendo i fari sul project financing
Allarme bomba nel tribunale civile di Trani, evacuato Palazzo Candido: nessun ordigno nell'edificio Allarme bomba nel tribunale civile di Trani, evacuato Palazzo Candido: nessun ordigno nell'edificio Le misure ed il piano di sicurezza sono stati attivati dopo una telefonata che annunciava la presenza di un ordigno nell'immobile
"Benzinaio più caro d'Italia": ore di attesa per la decisione del Giudice sulla risoluzione del contratto di gestione "Benzinaio più caro d'Italia": ore di attesa per la decisione del Giudice sulla risoluzione del contratto di gestione Nell'udienza del 5 giugno i fratelli Centrone si sono opposti alla richiesta della Ip
L'ex pm del Tribunale di Trani Michele Ruggiero sarà giudice di pace a Torino L'ex pm del Tribunale di Trani Michele Ruggiero sarà giudice di pace a Torino Era stato condannato a gennaio scorso per violenza privata ai danni di alcuni testimoni
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.