Ospedale Bonomo di Andria
Ospedale Bonomo di Andria
Sanità

Quarantenne di Trani salvata al Bonomo di Andria: era affetta da un grave disturbo cerebrale

Sottoposta ad un trattamento eseguito per la prima volta nella Asl Bt

Una trombolisi e una tromboablazione cerebrale hanno salvato una donna di 40 ad Andria: entrambi gli interventi sono stati eseguiti per la prima volta.

La giovane donna di Trani è arrivava al Pronto Soccorso dell'ospedale Bonomo di Andria, diretto dal dottor Tiziano Valentino, con un grave disturbo di circolo cerebrale. Data la gravità dell'evento e considerato che si trattava di paziente con pregressa patologia cardiaca, è stato subito attivato il protocollo di emergenza Stroke.

La donna è stata sottoposta a visita neurologica e ad Angio-Tc cerebrale presso la Radiologia diretta dal dottor Tommaso Scarabino: l'esame ha messo in evidenza una formazione trombotica che occultava l'arteria cerebrale media. Pertanto dopo aver subito escluso una problematica cardiaca con una Critical-Ultrasound nella sala rossa del Pronto Soccorso ed aver interrogato il pace-maker della paziente per escludere aritmie pericolose, grazie al tempestivo contributo del dottor Chieppa e del dottor Vitti, in collaborazione con il primario della neurologia di Barletta, dottor Lucivero, è stato effettuato il trattamento di trombolisi in emergenza, per la prima volta nell'ospedale di Andria. Successivamente la paziente è stata condotta presso il servizio di Radiologia interventistica, dove il dottor Quinto e il dottor Cerini hanno eseguito brillantemente, con procedura endovascolare, la procedura di tromboaspirazione, anch'essa effettuata per la prima volta al Bonomo. La paziente ora è stabile e ha ripreso completamente la motricità degli arti.

"La qualità della squadra fa la differenza – dice Alessandro Delle Donne, Direttore Generale della Asl Bt – i miei complimenti vanno a tutti gli operatori che sono intervenuti in questa vicenda e che ogni giorno compiono gesti degni di nota. Alle capacità dei singoli che ci sono ben note, sono capaci di associare l'intelligenza e l'astuzia della collaborazione che ci permettono di ottenere risultati eccellenti, di sperimentare tecniche mai applicate e di garantire un servizio sempre migliore".

"Abbiamo fatto investimenti tecnologici importanti e abbiamo avviato procedure per il reclutamento di personale – continua Delle Donne – con l'obiettivo di incentivare e sostenere interventi di nicchia. Storie come questa ci dicono che stiamo andando nella giusta direzione".
  • ospedale Bonomo
Altri contenuti a tema
Quarantatrenne di Trani dona reni e cornee al Bonomo di Andria Quarantatrenne di Trani dona reni e cornee al Bonomo di Andria Delle Donne: «Non ci stancheremo di promuovere la cultura della donazione»
Salvataggio alla spiaggia di Colonna: l'anziano signore in prognosi riservata Salvataggio alla spiaggia di Colonna: l'anziano signore in prognosi riservata Era stato trasportato in codice rosso al Bonomo di Andria
5 Malore nell'autobus, 50enne salvato dal 118 Malore nell'autobus, 50enne salvato dal 118 L'uomo colto da infarto stabilizzato e trasportato ad Andria
1 Al Bonomo nuova terapia per il Parkinson: nell'équipe due medici di Trani Al Bonomo nuova terapia per il Parkinson: nell'équipe due medici di Trani Si tratta dei primari Giovanni Cozzoli e Michele De Mari
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.