Studenti che vanno a scuola
Studenti che vanno a scuola
Scuola e Lavoro

Riaprono le scuole a Trani, ecco cosa succede in caso di febbre e sintomi

Una circolare del Ministero della Salute chiarisce la procedura per alunni e operatori

Oggi suonerà la campanella nelle scuole di Trani, anche se in altre città pugliesi l'anno scolastico è già iniziato la scorsa settimana. Diverse le difficoltà riscontrate tra mascherine e ingressi contingentati. Ma uno dei dubbi più grandi riguarda il da farsi in caso di sintomi Covid a scuola o fuori e di come gestire la situazione. A chiarire ogni dubbio è arrivata il 24 settembre una circolare del Ministero della Salute.

Stando a quanto scritto nel documento, in caso di febbre e sintomi assimilabili al Covid il primo passo è rivolgersi al pediatra di libera scelta o al medico di medicina generale, che valuterà il caso decidendo o meno per il tampone, sia che febbre e sintomi si siano verificati a scuola, sia nel caso in cui alunno o operatore abbia riscontrato i problemi a casa.

In caso di tampone positivo: «Per il rientro in comunità bisognerà attendere la guarigione secondo i criteri vigenti. Attualmente le indicazioni scientifiche prevedono l'effettuazione di due tamponi (test di biologia molecolare) a distanza di 24 ore l'uno dall'altro con un contestuale doppio negativo, cui potrà conseguire la conclusione dell'isolamento e l'inserimento in comunità. L'alunno/operatore scolastico rientrerà a scuola con attestazione di avvenuta guarigione e nulla osta all'ingresso o rientro in comunità». Si provvederà inoltre alla sanificazione eventuale della scuola e verrà contattato il responsabile Covid della Asl che valuterà il da farsi caso per caso.

In caso di negatività, invece, e quindi di malattia altra dal Covid si potrà rientrare una volta guariti su indicazione del pediatra o del medico.
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.