Avviso di chiamata

Fumata ospedaliera

Lotteremo, lotteremo, l’otterremo... un calcio nel deretano

Mentre a Roma c'è stata la sospirata fumata bianca per l'elezione di Papa Francesco, a Trani dal vecchio ospedale si solleva una fumata giallognola, che porta con se le tossine di una serie di incastri sfavorevoli. La sostituzione dell'assessore regionale alla sanità Attolini, col quale si era intavolato un dialogo da parte del comitato di salvezza sanitaria, dopo che però, ricordiamolo, lo stesso assessore ci aveva tranquillamente snobbato, insieme al Vendola, in occasione del famoso consiglio comunale in camice bianco tenutosi nello stesso ospedale. Invitati non si presentarono. Attollini era comunque diventato, in un modo o nell'altro un interlocutore nel frattempo, ed il suo avvicendamento sembra l'ennesimo segnale contrario al futuro del San Nicola Pellegrino. Ora che finalmente un assessore uno si era presentato qui a Trani, eccolo subito fatto fuori. Se a questo aggiungiamo i desolati giudizi del signor Piazzolla, sulla funzionalità e sulla flaccida forma generale del nostro ospedale, il quadro è completo e stride con questa passione tradiva per il nosocomio fumante.

La politica incapace e l'indifferenza della società tranese negli ultimi decenni si sono effettivamente fumati il nostro ospedale, con l'aggravante di una grande incognita per il futuro della sanità tranese causa mancanza di un iter di riprogrammazione razionale, ed il persistere di una strategia da "salvare il salvabile" o "si salvi chi può". Cosa si fa a Trani per salvare ciò che era eccellenza? Nulla. Ci si mobilita disperatamente dopo per salvare capre e cavoli, ma non per tutelare le eccellenze. Il reparto "Progetto Donna", coordinato dai dottori Palmieri e Avantario è stato tagliato senza che nessuno si mobilitasse: eppure era una realtà d'eccellenza. I migliori giovani lasciano Trani, gli enti esistenti, nell'ambito di varie realtà, non investono sulle eccellenze giovani, candidandosi all'eterna irrilevanza. Senza incentivare cervelli, idee e grandi professionalità, nei vari settori nevralgici, questa città resta il simbolo dell'irrilevanza. I comitati dovrebbero nascere anche per combattere questo antico e cronico vizio di forma e di contenuto. Poi non ci lamentiamo di non contare nulla. La fumata è sempre più giallognola. Lotteremo, lotteremo, l'otterremo. Un calcio nel deretano.
  • Ospedale
  • Sanità
Altri contenuti a tema
8 Aumentiamo i posti letto e utilizziamo la terapia intensiva, Palumbo: «Riapriamo l'ospedale di Trani» Aumentiamo i posti letto e utilizziamo la terapia intensiva, Palumbo: «Riapriamo l'ospedale di Trani» Il candidato sindaco scrive al presidente della Regione Emiliano
24 Ora è il momento di agire, Cirillo: «Riapriamo l'ospedale di Trani» Ora è il momento di agire, Cirillo: «Riapriamo l'ospedale di Trani» Lettera aperte del consigliere per sensibilizzare le istituzioni e i cittadini: «Facciamo sentire la nostra voce»
Emergenza Coronavirus, la Asl Bat assume 72 nuovi infermieri Emergenza Coronavirus, la Asl Bat assume 72 nuovi infermieri Alcuni di loro prenderanno servizio nel carcere di Trani
Nuovi orari per il Centro Biomedico Analisi Cliniche Papagni Nuovi orari per il Centro Biomedico Analisi Cliniche Papagni Fino al 3 aprile, apertura solo diurna, ore 7:30 – 12:00, dal lunedì al venerdì
17 Buone notizie: è definitivamente guarito il primo paziente affetto da Coronavirus della Bat Buone notizie: è definitivamente guarito il primo paziente affetto da Coronavirus della Bat Il 47enne tranese oggi tornerà a casa per riabbracciare la sua famiglia
Coronavirus, piano di emergenza nella Regione Puglia per i posti di terapia intensiva Coronavirus, piano di emergenza nella Regione Puglia per i posti di terapia intensiva Emiliano, Montanaro e Lopalco: «Subito 209 posti dedicati all’emergenza nell’ipotesi che si arrivi a 1000 ricoverati»
2 Emergenza sanitaria, Tomasicchio: «La riapertura dell'ospedale di Trani in perfetta sintonia con il decreto» Emergenza sanitaria, Tomasicchio: «La riapertura dell'ospedale di Trani in perfetta sintonia con il decreto» Replica del consigliere al dirigente dell'Asl Bt
3 «Affrontiamo un'emergenza con l’evidente timore di non avere posti letto a sufficienza» «Affrontiamo un'emergenza con l’evidente timore di non avere posti letto a sufficienza» Il consigliere Tomasicchio propone di riaprire almeno l'ultimo piano dell'ospedale di Trani
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.