Avviso di chiamata

Paccheri alla Corrado

​E ora tutti a fare l'amore con il Ferrante

Allora andiamo per ordine: non solo il Buscopan non ha fatto effetto su Beppe Corrado, ma sembra che ne abbia triplicato gli slanci. Come quei bambini che i vecchi definivano "spirito di contraddizione": più gli dici di non fare una cosa, più quelli la fanno. Più gli dicono di non attaccare l'amministrazione, più quello scalcia senza pietà. Ha cominciato a prendere le distanze da Gigi e soci da un anno: spirito critico verace? Calcolo politico per giocarsi una candidatura a sindaco alle prossime elezioni? Pronto a presentare un'altra lavagna pulita rispetto a quelli di oggi? Gli schiaffoni (paccheri a Napoli) menati a Pasquale "Libero e Brutto" De Toma (sempre per i capelli) sono una conferma della spietatezza: "Basta dire che i danni li hanno fatti quelli del passato: quelli del passato siamo sempre noi, caro Pasquale!",- gli ha virtualmente urlato in faccia Beppe, in riferimento alle lamentele sui dissesti attuali dell'Amet, che secondo De Toma risalirebbero alle malefatte di c'era prima a governare. Ben detto Beppe. Corrado, si presenta come il genio della lampada che viene fuori in piazza Plebiscito e si manifesta davanti alle facce marmoree di Maurizio DP e del suddetto PDT. E' il bambino che grida davanti al re che è nudo. E' un anno che lo diciamo da questa rubrica che il rimpiattino all'indietro è giochino stantio e squallido. Poco virile. Chi ha mal governato prima, continua a mal governare ora. La musica non cambia. Il Pdl si è ridotto a partito salva Condannato a livello nazionale, ridotto a seguire gli starnazzamenti della Santanchè e ridotto a barchetta sbattuta sia dagli strattoni degli oppositori interni alla Corrado (che in questo momento hanno gioco facile) sia dall'incapacità, di chi lo governa a livello locale, d'imprimere svolte vere alle amministrazioni cittadine, come a Trani. Beppe Corrado lamenta mancanza d'idee per risolvere i problemi di Trani e dell'Amet. Se crede di far cambiare registro a questa amministrazione con i comunicati può stare fresco. Perché il sistema di governo noi lo abbiamo capito da un po'. Lui forse no. Per questo lo vogliamo consigliare.

Beppe, accetta un consiglio: dimettiti dal PDL, poi ti candidi a sindaco nelle prossime elezioni e se non vinci e si va al ballottaggio, fai un bell'accordo preliminare con chi arriva in finale per appoggiarlo e fare il presidente del consiglio oppure proprio il presidente Amet, tramite un tuo uomo di fiducia. Poi dai una bella consulenza al tuo ex compagno di banco delle elementari, fai avere una bella onorificenza al tuo giocatore del Trani preferito o al tuo giornalista preferito, decidi tu, o al tuo padrino del battesimo. Oppure domani fai un altro comunicato in cui dici che stavi scherzando.

Meno male che Fabrizio Ferrante c'è. Tutti lo vogliono. Tutti lo cercano. Chi lo intervista di qua. Chi lo loda di là. Eh sì, si vede che Renzi avanza e bisogna attrezzarsi. Fabrizio sei grande. Chi non salta De Laurentis è! Fabrizio portaci a Roma. Che brutta cosa averlo criticato in passato. Ho pure fatto agitare quegli attivissimi suoi fedeli. Mi pento amaramente. Che rimorsi. Gli ho anche detto di dimettersi da presidente del consiglio. Come gli ha pure detto di fare per l'ennesima volta Carlo Avantario, in un incontro privato al quale il nostro Fabrizio si sarebbe recato per chiedere all'unico tranese in grado di battere la destra negli ultimi 15 anni, di mediare per il suo riavvicinamento al PD locale, che continua a non volerlo vedere nemmeno in cartolina. Fabri chiappa lucida, per le molte leccate godute ultimamente, riconosce in Avantario l'unico interlocutore locale del PD meritevole di dialogo. Ma anche quest'ultimo gli ha fatto capire che se vuole rifarsi una verginità a sinistra (ho messo la frase in bocca ad un ginecologo perché è puro cacio sui maccheroni), deve dimettersi da quella benedetta maledetta poltrona. Riuscirà il dottor Avantario a restituire la verginità a Ferrante? Lo sapremo alla prossima visita. Pardon, puntata. Dottore, è pronto il divaricatore?
  • Fabrizio Ferrante
  • Beppe Corrado
Altri contenuti a tema
Caso Ferrante-Cinquepalmi: le decisioni del giudice Caso Ferrante-Cinquepalmi: le decisioni del giudice Archiviazione parziale con formulazione imputazione ai danni di Nacci
Ringhiere sul lungomare, Ferrante: «Saranno sostituite a conclusione dei lavori di ripascimento costiero» Ringhiere sul lungomare, Ferrante: «Saranno sostituite a conclusione dei lavori di ripascimento costiero» Ed aggiunge: «Sostituirle ora non avrebbe alcun senso»
3 Minacce e offese a Fabrizio Ferrante: a giudizio una coppia di coniugi tranesi Minacce e offese a Fabrizio Ferrante: a giudizio una coppia di coniugi tranesi I fatti si riferiscono ad un episodio avvenuto nell'aprile 2020
Trani Autism Friendly, arrivano i panettoni speciali per un messaggio d'inclusione Trani Autism Friendly, arrivano i panettoni speciali per un messaggio d'inclusione Su richiesta dell’Amministrazione comunale e col supporto del gruppo Megamark sono stati prodotti in edizione limitata da Lula
«La disabilità non è un mondo a parte, ma è parte del mondo» «La disabilità non è un mondo a parte, ma è parte del mondo» Il messaggio del vice sindaco Fabrizio Ferrante in occasione della giornata della disabilità
Finanziamento bando PinQua, Corrado: «Un sogno che si trasforma in realtà» Finanziamento bando PinQua, Corrado: «Un sogno che si trasforma in realtà» Il consigliere di maggioranza: «30 milioni di euro per cambiare il futuro della nostra città»
Ragazzi autistici allontanati da un bar, Ferrante: «Un ragazzo speciale ha tempi che devono essere rispettati» Ragazzi autistici allontanati da un bar, Ferrante: «Un ragazzo speciale ha tempi che devono essere rispettati» «La nostra reazione sarà metterci ancora più impegno in quello che stiamo facendo»
Posso prima io? Ferrante: «Questo non è un privilegio, ma una questione di civiltà» Posso prima io? Ferrante: «Questo non è un privilegio, ma una questione di civiltà» Ieri la consegna del primo pass solidale
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.