Cento idee

Una "politica del recupero" per il "diritto alla casa"

Idea di Gianni Doria

Il problema della casa a Trani, come in altre città in Italia, non sta solo nell'imporre un limite ai prezzi del costo all'aquisto delle casa ma anche porre un tetto sui fitti e renderli più umanamente accessibili. Il problema che ci si deve porre è riprendere il "diritto alla casa".
Spesso i costi esagerati degli immobili portono centinaia di giovani coppie a trovare casa fuori dalla propria città dove fitti e costi sono inferiori. Con il pretesto della città turistica, i costi degli appartamenti, e le relative spese, si alzano e vengono messi all'asta al migliore offerente, certo! Con il sistema dei mutui casa si indebita la gente per tutto l'arco
della vita operando spesso notevoli speculazioni finanziarie a livello di strozzinaggio legale (o illegale a volte). Anche le relative spese dell'abitare sono molto più alte rispetto a paesi non turistici. Servirebbe una politica più umana dei costi di energia acqua rifiuti ecc.da parte degli enti locali.
Ma nche una politica della cultura del risparmio energetico e delle sue tecnologie. Ad esmpio a Trani non tutto il ciclo dei rifiuti viene differenziato e riciclato. Ma questa è un'altra storia! Perciò non ci deve interessare tanto chi abita questo territorio. ma chi ci specula abolendo di fatto il diritto alla casa e all'abitare per tutti. Non basta occuparci di costi all'aquisto ma anche di chi una casa di sua proprietà non può permettersela. Il ricatto del meccanismo della scelta mutuo/affitto prevale quasi sempre a far scegliere un mutuo, quindi impegni con banke e/o finanziarie che ti strozzano mezzo stipendio minimo per tutta una vita con il pretesto che la casa è tua fin dall'inizio.
E' un gioco perverso che Banke e finanziarie operano contro ill diritto fondamentale alla Casa. Nelle grandi città come Bari, ad esmpio, questo scempio del mercato dell'abitare mette fuori gioco gli studenti universitari e lavoratori precari costretti a lavorare e studiare fuori dalla sua città per tutta la settimana e costretti a mercatìnteggiare un alloggio. Tutto questo accade in Italia dove non esiste una politica del diritto alla casa e gli enti locali non avviano i piani per nuove case popolari. Per esempio centinaia sono gli immobili in abbandono da decenni di cui non si conoscono i proprietari. Basterebbe fare una politica del recupero ad esempio. Inasomma, riprendere la discussione sul diritto alla casa è necessario per combattere la sua mercificazione.
  • Casa
Altri contenuti a tema
Contratto di quartiere, pubblicato il bando per l’assegnazione di 3 alloggi Contratto di quartiere, pubblicato il bando per l’assegnazione di 3 alloggi Lo stabile si trova in via Grecia. Sul sito del Comune i requisiti di partecipazione
Fitto casa, online il bando per l'assegnazione dei contributi Fitto casa, online il bando per l'assegnazione dei contributi Tutti i requisiti e le modalità di partecipazione. Domande entro il 21 settembre
Fitto casa 2016, il Comune mette a disposizione altri 114.645 euro Fitto casa 2016, il Comune mette a disposizione altri 114.645 euro Sono circa 1400 le famiglie tranesi che potranno beneficiare del sostegno
1 Case popolari e abusivismo a Trani, Santorsola: «Serve un Tavolo di concertazione» Case popolari e abusivismo a Trani, Santorsola: «Serve un Tavolo di concertazione» Per il consigliere regionale bisogna intervenire il prima possibile
Problemi di proprietà? Nasce l'arbitro immobiliare Problemi di proprietà? Nasce l'arbitro immobiliare Il 20 gennaio la presentazione dell'iniziativa a Trani
Senza casa,  due sessantenni vivono sotto il ponte della statale 16 Senza casa, due sessantenni vivono sotto il ponte della statale 16 I consiglieri Merra e Lima: «Non possiamo rimanere indifferenti»
Emergenza sfratti, il Comune di Trani stanzia diecimila euro Emergenza sfratti, il Comune di Trani stanzia diecimila euro Somma destinata alla morosità incolpevole
Dalla Regione arriva la proroga del "Piano Casa" Dalla Regione arriva la proroga del "Piano Casa" Decisiva l'audizione degli operatori della pietra di Trani, provvedimento unanime
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.