Chiaro e Tondo

La Trani dormiente nella Provincia delle occasioni perdute

Chiaro e Tondo 30

Dobbiamo ancora attivare questa benedetta nuova provincia, ma la sensazione più diffusa è che essa costitutirà l'ennesimo festival delle occAsioni perdute per la nostra città. L'impressione nasce dal fatto che si nota una chiara differenza tra l'attivismo e quella "frenesia" che ha già preso da molto tempo le altre due realtà che la comporranno e la passività dei tranesi, la fiacca politica, l'assenza di entusiasmo da parte di cittadini, che si sono visti "recapitare", il pacco provincia, senza aver cacciato poi tanto sudore, che ora potrebbe essere versato per motivi diversi.

Ora che l'occasione arriva, sarà il caso di darsi una svegliata, anche se in ritardo, ma fa niente, pur di inserire Trani in un discorso, in un percorso di vero capoluogo e non città cuscinetto tra Andria e Barletta. Trani, città dormiente, sonnecchia sui candidati, ha sonnecchiato, anzi, non si è mai riavuta dal sonno pesante, nel momento in cui ci sarebbe stata la necessità di farsi sentire nella "composizione" della scacchiera burocratica, degli uffici, del cuore pulsante di quella realtà che dovrebbe poi dare nuova linfa alla vita dei cittadini, darsi da fare per creare posti di lavoro, sfruttare edifici finora rimasti in stand by. Mi chiedo perchè, ad esempio, non si sia inserita Trani nella candidatura agli uffici che contano, avendo un Palazzo Beltrani ormai usufruibile ed altri stabili, già altre volte richiamati all'attenzione, che potevano farci alzare una gelida manina per dire "Ci siamo anche noi".

Questa mancanza di attivismo nasce da un atteggiamento provinciale che spinge i politici a vivere alla giornata ed i cittadini pronti a battersi solo sui forum di discussione, comodamente seduti alla propria scrivania e pronti a contestare, senza scendere mai in piazza, mai una volta, forse per il troppo freddo d'inverno ed il troppo caldo d'estate. Forse timorosi di essere riconosciuti e bollati, nella città dei moderati e del timore reverenziale verso chi governa, sin dai tempi dello strapotere DC, come pericolosi facinorosi e che in futuro, in caso di possibili favori, potrebbero rischiare l'esclusione dalle liste dei simpatizzanti meritevoli di "ritorno". No signori. Sembra che la partecipazione popolare, la democrazia ed il senso civico, promossi sin dai tempi dell'Antica Grecia, qui a Trani subiscano una cristallizzazione alla vista di una città dormiente e ripiegata sugli interessi dei singoli, delle singole categorie, delle proprie azioni quotidiane. Lavarsi, fare colazione, andare sul posto di lavoro, riprodursi, fare merenda, andare in pizzeria, tornare a dormire. Senza progetti "di città" prioettata verso il futuro.

Il mio parere sulla mancanza di partecipaione attiva alla vita cittadina, tranne pochi casi isolati, sarebbe da ricercarsi in quel timore: quello di sbilanciarsi, di essere etichettati, di essere riconosciuti, in un "late biosas" (vivi nascosto) non sinonimo di moderazione, come insegnavano gli antichi greci, ma di assenza, di sottrazione.

Dal canto loro, i politici, raggiunto chi più chi meno il loro grado di gratificazione nel sistema, che prima o poi una brioche, uno strapuntino, un plaid, lo concederà, non hanno alcun interesse che quell'opinione pubblica dormiente si svegli: sono già impegnati, da quello che ho visto, con rogne e beghe interne ai propri partiti. La provincia, finchè ci sarà, costituirà un'occasione di sviluppo in senso lato, di contatti col mondo esterno, di canale di comunicazione (a proposito del dibattito dei giorni scorsi); possibile che anche stavolta dobbiamo vederci passare il treno davanti senza saltarci su?
  • Provincia Bat
Altri contenuti a tema
Prorogata fino a fine anno la presenza del Dirigente dell'Area Urbanistica di Trani presso la Provincia Bat Prorogata fino a fine anno la presenza del Dirigente dell'Area Urbanistica di Trani presso la Provincia Bat Firmata la convenzione per l'utilizzo condiviso: sarà a Barletta un giorno a settimana
1 Più di 1600 domande per 7 posti di lavoro: la Provincia Bat pubblica gli elenchi degli ammessi Più di 1600 domande per 7 posti di lavoro: la Provincia Bat pubblica gli elenchi degli ammessi Si tratta di posti di lavoro a tempo pieno e indeterminato, per i quali sarà effettuata la prova preselettiva
2 Si torna a votare nella Bat per l'elezione del nuovo consiglio provinciale Si torna a votare nella Bat per l'elezione del nuovo consiglio provinciale La data fissata dal Presidente Lodispoto è quella del 28 marzo 2021
Provinciali, dichiarata in appello la «falsità materiale» della lista Insieme per la Bat Provinciali, dichiarata in appello la «falsità materiale» della lista Insieme per la Bat Ribaltata la decisione di primo grado, alcuni candidati sono stati condannati al pagamento delle spese processuali. La vicenda potrebbe finire in Cassazione
Gli auguri di Lodispoto ai consiglieri regionali eletti nella Bat Gli auguri di Lodispoto ai consiglieri regionali eletti nella Bat «Auspico di poter instaurare una sinergia che porti frutti fecondi al territorio»
Ex istituto psico pedagogico di Trani, entro l'anno saranno avviate le procedure di riqualificazione Ex istituto psico pedagogico di Trani, entro l'anno saranno avviate le procedure di riqualificazione Questa mattina il sopralluogo con Lodispoto, Bottaro e Corrado
Insieme per la Bat: «Sinistra autocelebrativa e bugiarda» Insieme per la Bat: «Sinistra autocelebrativa e bugiarda» Nota dei consiglieri provinciali del centrodestra
La Regione finanzia lavori per 74 scuole pugliesi ma nessuna nella Bat La Regione finanzia lavori per 74 scuole pugliesi ma nessuna nella Bat I consiglieri provinciali: «Nel 2018 forse qualcuno dormiva»
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.