Chiaro e Tondo

La vera ignoranza

Chiaro e Tondo 104

Fa quasi tenerezza, per chi legge, ed è molto rassicurante sentenziare in modo assoluto che la causa dei tumori , nel Sud ed in Italia fosse dovuto in gran parte agli inceneritori. E' bello trovare dati che diano questa certezza, poter dare dell'ignorante al giornalista che per rasserenarvi ulteriormente vi comunica di essere a libro paga di una potente multinazionale che costruisce l'aggeggio malefico, oltre che assoldato dalla banda di delinquenti (e perdenti, poiché minoranza) che intendono impiantare lo stesso a Trani.

Beata Ignoranza … che fa puntare i riflettori unilateralmente su di un obiettivo e non fa pensare alla ben più cruda realtà. Maledetta ignoranza che fa stare tutto il giorno su Internet a fare il copia – incolla e che non fa leggere i libri. Quelli ad esempio come Gomorra... di Roberto Saviano. Altro che inceneritori… La malavita,- ci comunica lo scrittore campano- senza nemmeno bisogno di trovare cave abbandonate, ha scavato dappertutto ed ha riempito non solo la Campania, ma tutto il sud Italia, ma anche il Lazio, di rifiuti tossici, di toner per le stampanti, altamente cancerogeni, "smaltiti" illegalmente in tutto il sottosuolo del Sud (ma i Casalesi sono arrivati anche in Emilia Romagna, vedi Parma, e infatti leggo dati riguardanti Forlì, non lontanissima, ).

La camorra, ormai "impresa" dedita al business dei rifiuti (guarda caso ancora loro), "smaltisce" sostanze tossiche per conto di aziende che pagherebbero molto di più per i normali costi di smaltimento secondo legge. Mi dispiace squarciare il velo illusorio e consolatorio, ma la vera ignoranza è non sapere che i tumori vengono, per gran parte, da un sottosuolo martoriato dai rifiuti tossici che hanno intaccato le falde acquifere e di riflesso gli organismi sensibili, predisposti, come da studi compiuti ultimamente a livello genetico, (e questa è anche la tesi del professor Veronesi), colpiti di fatto da tumori.

E' facile fare la guerra agli inceneritori, tanto per colpire a livello politico (allora sì sulla pelle dei bambini e degli ammalati, sui cittadini ignari) e tacendo sulle vere grandi cause. Certi interventi finiscono per fare il gioco dei camorristi, che indisturbati continuano a riempire i territori di rifiuti tossici, mentre qui facciamo i Don Chisiotte non più coi mulini, ma con i più moderni inceneritori.

Dimentichiamoci della malavita, tanto ci sono gli inceneritori a giustificare i tumori. Questa è disinformazione, oltre che ignoranza verace. Non sono per gli inceneritori; sono per la raccolta differenziata: ficcatevelo bene nella testa. Sono tanto propenso alla seconda soluzione che suggerisco l'unica paradossale strada possibile, che scuoterebbe anche i tranesi e lo dico ai politici, anche a quelli di sinistra che potrebbero governare un domani: pagare chi fa la raccolta differenziata; incentiva tela così.

Tutto il resto, copia incolla di internet compreso, ai fini pratici, ai tranesi pigri e scazzati, non serve a nulla. Le alternative sono note. I "rifiuti zero" sono roba da bei paesini del Trentino, con ruscelletto e fiori in centro. Siamo a Trani. Presto i casalesi arriveranno anche qui. (Già a Foggia è stata trovata una discarica abusiva a cielo aperto, by Sacra Corona Unita). Su questo dovremmo aprire un nuovo dibattito, anche con le autorità.
  • Rifiuti
  • Termovalorizzatore
Altri contenuti a tema
1 Isola ecologica di via Gisotti: elevate contravvenzioni per conferimento rifiuti in orario di chiusura Isola ecologica di via Gisotti: elevate contravvenzioni per conferimento rifiuti in orario di chiusura Una pattuglia della Polizia Locale ha sanzionato parecchi utenti, che depositavano rifiuti ben prima dell'apertura
2 Cestini ricolmi di rifiuti domestici, succede in piazza Mazzini Cestini ricolmi di rifiuti domestici, succede in piazza Mazzini A due passi dal centro storico, uno spettacolo indecente per residenti e visitatori
Raccolta differenziata porta a porta: “Urgono correttivi e sanzioni” Raccolta differenziata porta a porta: “Urgono correttivi e sanzioni” Il Comitato Bene Comune: “Sembra che qualcuno abbia intenzione di far fallire questo esperimento”
1 Via Ofanto: la strada del degrado tra le ville di Colonna Via Ofanto: la strada del degrado tra le ville di Colonna È una strada abbandonata da controlli e istituzioni
Rifiuti e pietre imbrattate, l'inciviltà corre sul tratto costiero a nord di Trani Rifiuti e pietre imbrattate, l'inciviltà corre sul tratto costiero a nord di Trani L'appello dei bagnanti: «Maggiore pulizia e controlli»
99 Cumuli di rifiuti, il risveglio da incubo in via Gisotti Cumuli di rifiuti, il risveglio da incubo in via Gisotti Conferimenti di domenica nonostante la chiusura della postazione mobile
1 Rifiuti in abbondanza sui moli del porto: operazione di pulizia da parte di un gruppo di volontari Rifiuti in abbondanza sui moli del porto: operazione di pulizia da parte di un gruppo di volontari Un pomeriggio di lavoro fra scogli e pietre, dove erano da tempo rifiuti di ogni genere
Rifiuti e sporcizia dopo la notte di San Lorenzo Rifiuti e sporcizia dopo la notte di San Lorenzo Amiu in azione dalle prime ore di questa mattina per ripulire la litoranea
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.