Chiaro e Tondo

Meglio fotografati che accoppati. Sì alle telecamere ai semafori

Chiaro e Tondo 22

Michele Papeo è un professore tranese che si pone come referente locale dell'associazione "Familiari delle vittime degli incidenti stradali" e che da diversi anni opera, nell'anonimato più assoluto e nel disinteresse pressocchè totale dei mezzi d'informazione, spesso attenti ad argomenti molto più futili riguradanti le strade e la circolazione (vedi l'ultimo episodio dei pilomat). In effetti i vigili urbani erano stati muniti di telecomandi per abbassare gli stessi in caso d'emergenza e l'episodio, isolato, dei carabinieri "intrappolati" è montato subito come la panna...

Tornando all'argomento di apertura, si diceva dell'impegno di certe realtà snobbate, a maggior detrimento dell'educazione stradale, spesso messa letteralmente sotto i piedi qui a Trani. Uno degli obiettivi dell'associazione di cui sopra è proprio quello di promuovere fra i giovani e le istituzioni come la scuola o le amministrazioni, la sensibilizzazione verso il rispetto delle regole del codice, verso la responsabilizzazione di chi si mette alla guida. Qui ci si trastulla con le inezie delle luminarie natalizie più o meno presenti e si "cazzeggia", verbalmente parlando, e con rispetto parlando, sulle ultime schermaglie delle parti politiche, ma si dimenticano spesso, poichè se ne parla solo per pochi giorni, dopo il fattaccio, le decine e decine di vittime fra i nostri concittadini che negli ultimi anni sono rimasti uccisi negli incidenti stradali; e a loro volta vengono dimenticati i drammi familiari che si materializzano dopo le tristi vicende.

Al di là di qualche "campagna" durata l'arco di una mattinata e rimasta isolata come evento educativo, sono state minime le iniziative per tentare l'inizio di un percorso improntato ad un nuovo modo di porsi al volante, ad un maggior rispetto dei pedoni, in ambito cittadino, con l'osservanza di quell'insieme di valori che facciano dell'auto un normale mezzo di locomozione e non uno status symbol da sfoggiare nella sua potenza, magari con la patente appena presa e Via Malcangi da sfruttare come pista per le proprie corse, ora che giustamente la presente amministrazione ha limitato l'uso del lungomare come corsia autostradale.

Con tutto il rispetto per i guidatori di SUV, mi domando a che serva un veicolo - monstre del genere, utile per percorsi accidentati o strade montagnose, in una città con strade dritte e pianeggianti come Trani. A parte l'aspetto ambientale (inquinano tanto) e quello economico ("bevono" tanto), mi sembrano figli di scelte che fanno del possesso dell'auto il simbolo della cultura dell' "io ce l'ho più grossa di te, povera merda in utilitaria, e voglio dimostrare la mia superiorità".

La velocità folle, la mancanza di controllo di se stessi, il possesso dell'auto come esibizione di forza, l'accellerata al semaforo quando scatta l'arancione, per non incappare nel rosso, invece di fermarsi, sono tutti elementi di una mentalità sbagliata che può portarci solo all'uleriore conferma della nostra inciviltà.

In tale ottica, ben vengano i photo red, agli incroci di Trani, che "registrino" in modo inequivocabile le eventuali infrazioni che potrebbero generare incidenti. Non capisco il perchè dell'opposizione a questo progetto dell'amministrazione comunale e della Polizia Municipale... Ben vengano le telecamere per scoraggiare i prepotenti o i folli al volante. Soprattutto a fronte di un controllo capillare impossibile da parte dei vigili.
  • T-Red e Photored
Altri contenuti a tema
Photored a Trani, riaffidata la gestione per i prossimi due anni Photored a Trani, riaffidata la gestione per i prossimi due anni L'amministrazione ha stanziato 209.000 euro. Alla ditta fino a 25 euro a verbale
Photored, decreto ingiuntivo in Comune da 335.000 euro Photored, decreto ingiuntivo in Comune da 335.000 euro L'Ente dispone la risoluzione bonaria con rate da centomila euro
Da 6 mesi le multe dei photored non vengono notificate Da 6 mesi le multe dei photored non vengono notificate Tommaso Laurora: «Manca una semplice verifica tecnica agli impianti»
Photored abusivo a Capirro? Per l’Italtraff è falso Photored abusivo a Capirro? Per l’Italtraff è falso «Tardivo e sbagliato l’intervento della polizia provinciale»
Abusivo: va rimosso il photored sulla Trani-Corato Abusivo: va rimosso il photored sulla Trani-Corato Insiste su territorio provinciale e non è autorizzato dalla Bat
A giorni sarà attivo il t-red sulla Trani-Andria A giorni sarà attivo il t-red sulla Trani-Andria Nuove apparecchiature anche sulla ex 98
Dispositivi della velocità e photored anche sulle provinciali Dispositivi della velocità e photored anche sulle provinciali Occhi elettronici all'intersezione tra la Andria-Trani e la Barletta-Corato
Il golpe della 25ª ora Il golpe della 25ª ora Dottor Hauze 125
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.