Chiaro e Tondo

Una volta tanto: Trani (e BAT) apri gli occhi

Chiaro e Tondo 93

I fatti che "animano" la scena politica nazionale ci toccano poco. Il "Chiaro e tondo" di oggi non è avulso dalla sua solita linea, quella dell'analisi locale di costume e dintorni, ma è pienamente pertinente, perché, specialmente Trani poi, è città berlusconiana. E la città che ha avuto ed ha tra i suoi cittadini grandi "spiriti" come i fratelli Pastina, Giovanni Bovio, Domenico Di Palo, Valdemaro Vecchi, Ivo Scaringi e altri, non può restare impassibile verso le assurde mosse berlusconiane (criticate, nascostamente, anche da molti dei suoi "seguaci").

Visto che nessuno parla, nessuno fa una piega rispetto a quello che sta succedendo nella Nazione che abitiamo e che viene governata da un uomo che qui a Trani e dintorni ha sempre ottenuto maree di voti, lo facciamo noi di Chiaro e tondo, a nome di questo piccolo "luogo" meridionale, che non è fatto solo di pecore belanti e a testa bassa. Parlo per protestare contro il principio di libertà di stampa negato, a nome di chi voglia farlo come me, nel nostro piccolo, d'accordo, ma che in fatto di voti poi tanto piccolo non è… Parlo a nome di chi, anche dalla Bat, da Trani, da questo angolo di Sud, non vuole rimanere in silenzio e con le sue rassicuranti certezze da panchina in villa, televisione e gelato della sera. Chi vuole che uno Stato come il nostro, con le sue regioni, le sue tradizioni e la sua storia, la sua Costituzione, non venga da un lato ridicolizzato e dall'altro ristretto in alcuni principi di libertà come quello di pensiero e di stampa. Mi affianco dunque ai tanti, colleghi di Repubblica in testa (compresi quelli che lavorano alla redazione di Bari), che vivono in un Paese dove si querela una serie di domande, quelle poste dallo stesso giornale diretto da Ezio Mauro, sugli intrecci istituzional – sessuali di un Presidente del Consiglio, mica di uno scalzacani qualsiasi, mica di un presentatore o di un giornalista e alle quali lo stesso premier non vuole dare risposta.

L'attacco (sproporzionato) al direttore dell'Avvenire da parte del suo Giornale; la querela verso le domande di Repubblica cui non vuole rispondere; l'idea che gli italiani lo vogliano così (puttaniere?; io un Presidente così non lo voglio); il ridicolo di cui sta coprendo se stesso, la sua famiglia ed il nostro Paese (vedi stampa estera, anche non di sinistra); per non parlare dell'annoso conflitto d'interessi, (padrone delle tv e padrone politico) che lo porta a distorcere l'informazione pubblica, vedi TG1 degli ultimi tempi, in cui "spariscono" determinate notizie. Per tutto questo e molto altro ancora oggi presento un Chiaro e Tondo di protesta e di richiamo all'opinione pubblica tranese e specialmente berlusconiana e della Bat, per una riflessione su chi ha scelto per farsi rappresentare, perché rifletta su cosa sta diventando la nostra Italia, e di riflesso la nostra terra che lo vota in massa. Apri gli occhi, Trani, una volta tanto.
  • Provincia Bat
Altri contenuti a tema
Insieme per la Bat: «Sinistra autocelebrativa e bugiarda» Insieme per la Bat: «Sinistra autocelebrativa e bugiarda» Nota dei consiglieri provinciali del centrodestra
La Regione finanzia lavori per 74 scuole pugliesi ma nessuna nella Bat La Regione finanzia lavori per 74 scuole pugliesi ma nessuna nella Bat I consiglieri provinciali: «Nel 2018 forse qualcuno dormiva»
Infortuni sul lavoro, trenta i cantieri ispezionali nella provincia Bat Infortuni sul lavoro, trenta i cantieri ispezionali nella provincia Bat Il bilancio dei primi controlli della task force
Candidatura a capitale della cultura 2021, Lodispoto ringrazia Cannito e Bottaro Candidatura a capitale della cultura 2021, Lodispoto ringrazia Cannito e Bottaro «Dai sindaci della Provincia un messaggio di unità e visione d'insieme»
Impianto di biometano a Trani, Lodispoto: «Procedura nata con Nicola Giorgino» Impianto di biometano a Trani, Lodispoto: «Procedura nata con Nicola Giorgino» «Bisogna evitare di strumentalizzare la Provincia per finalità  legate alla campagna elettorale»
Presidenti delle Province pugliesi esclusi dal Comitato Permanente di Protezione Civile Presidenti delle Province pugliesi esclusi dal Comitato Permanente di Protezione Civile Ladispoto (Bt): «Profondamente rammaricato per la scelta del consigliere Mennea»
1 Provincia, la Questura a Trani? Corrado: «Si potrebbero sfruttare il plesso De Bello e i Capannoni Ruggia» Provincia, la Questura a Trani? Corrado: «Si potrebbero sfruttare il plesso De Bello e i Capannoni Ruggia» La proposta del consigliere regionale a fronte dei ritardi dei lavori nell'immobile di Andria
Zone Zes, firmato il Protocollo d’intesa in Provincia Zone Zes, firmato il Protocollo d’intesa in Provincia Al centro la proposta di un sistema territoriale integrato retroportuale
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.