Dr Hauze

Do you know the law? (vediamo se capiscono in inglese)

Dottor Hauze 31

Provo in inglese perché in italiano dall'Amiu non vengo compreso. Preliminarmente dedico agli attuali gestori dell'ex municipalizzata un pensierino che è più un consiglio: «L'uomo che ha commesso un errore e non si corregge, commette un altro errore». Capisci a me! A loro ed ai sindaci aziendali (tutti dirimpettai del cimitero) vorrei ricordare l'esistenza in vita del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture (cosiddetto codice degli appalti) approvato con il decreto legislativo numero 163 del 12 aprile 2006 ed aggiornato con le modifiche introdotte dal decreto legislativo del 12 maggio 2006 (numero 173), dal decreto legislativo del 26 gennaio 2007 (numero 6), dal decreto legislativo del 31 luglio 2007 (numero 113) e dal decreto legislativo dell'11 settembre 2008 (numero 152). Tale codice prescrive che il potere discrezionale di una stazione appaltante, per risultare legittimo, deve essere funzionalmente coerente con il complesso degli interessi pubblici e privati coinvolti dal procedimento di appalto e deve rispettare le specifiche norme del codice dei contratti, con particolare riguardo ai principi di libera concorrenza, par condicio, non discriminazione e trasparenza, di cui all'articolo 2, primo comma, del codice stesso. Intelligenti (se ce ne sono) pauca.

Ciò premesso e viste le recenti esternazioni amiutiche, mi vedo costretto a tornare sul tema dell'affidamento del servizio di raccolta differenziata del cartone. Nei giorni scorsi, infatti, anziché ricevere esauriente risposta in merito ai precisi interrogativi sollevati dal dottor Hauze il 3 maggio 2010, ho dovuto leggere una nota a firma del Popolo della Libertà Trani, in cui si è semplicisticamente affermato che coloro che osano «disturbare il manovratore», altro non sono che detrattori in cui alberga un profondo senso di frustrazione. Albert Camus scrisse: «La nostra sola giustificazione è di parlare in nome di tutti coloro che non possono farlo». Per la verità tale modo di porsi nei confronti di chiunque osi contestare l'operato dell'amministrazione cittadina sta diventando una prassi (si veda la recente querelle fra un assessore ed un consigliere comunale, reo di essere pure un pensionato).

Invero, io sono convinto che, se uno ha modo di replicare a precise contestazioni, con altrettanto precise risposte, lo fa. Se si trincera dietro risposte che non sono tali o dietro (sollecitati) comunicati di stima, tanto generici quanto inutili, quasi certamente è perché non ha valide argomentazioni da contrapporre. Sic est. Ma vi è di più.

Pochi giorni fa, vi è stato l'annuncio che l'Amiu avrebbe affidato alla cooperativa sociale la Rosa Blu di Bitonto anche il servizio di raccolta differenziata della plastica e del vetro, con decorrenza dall'inizio di giugno. Uso il condizionale perché tale notizia apparsa sul web non è stata data con un comunicato degli amministratori di Amiu Spa, né è stata pubblicizzata nell'apposita sezione del sito web di Amiu, ma è stata pubblicata, unitamente ai commenti, da un consigliere comunale il quale ha definito tale operazione «un passo fondamentale per l'incremento della raccolta differenziata a Trani» ed ha aggiunto che «con l'affidamento del servizio di raccolta del cartone, nei primi tre mesi la quantità degli imballaggi raccolti è stata costantemente sempre più che triplicata rispetto agli stessi periodi dello scorso anno». Mi farebbe oltremodo piacere sapere dove tale consigliere abbia attinto le notizie in merito alla raccolta del primo trimestre, atteso che sul sito web di Amiu, per noi comuni mortali (pubblici contribuenti), sono disponibili, per il 2010, i soli dati relativi al mese di gennaio. Per la verità, come è stato fatto rilevare da altri, tali affermazioni rappresentano un autogol per Amiu Spa, in quanto certificano l'incapacità di eseguire in proprio una efficace raccolta differenziata.

Inoltre a tanti non è sfuggita una totale inversione ad U del consigliere (neodelegato all'Amiu?) in merito ai subappalti di Amiu. Poco più di un anno fa, infatti, lo stesso consigliere tuonava contro Amiu arrivando a definire illegittimo l'affidamento a cooperative sociali di taluni servizi affidati in house dal Comune di Trani ad Amiu (per coloro che hanno poca memoria, http://www.traniweb.it/trani/informa/8842.html).

Ad essere maliziosi (il senatore Andreotti sosteneva che a pensare male si fa peccato, ma…) forse il problema non è l'affidamento a terzi di taluni servizi, ma è l'affidatario di tali servizi. Per la verità le tesi sostenute un anno fa dal consigliere comunale trovano maggiore attinenza con i servizi recentemente affidati da Amiu alla cooperativa sociale La Rosa Blu di Bitonto. Occorre, infatti, considerare che il core business di Amiu è, appunto, la gestione del ciclo dei rifiuti (dalla raccolta al riciclo ed allo smaltimento). Se può avere un senso l'esternalizzazione di servizi complementari all'attività principale (servizi di pulizia, gestione del verde pubblico, ecc.), per i quali Amiu non era organicamente attrezzata, non si può dire altrettanto dei servizi connessi con il ciclo dei rifiuti, che caratterizzano la mission stessa di Amiu. Lo so: con tutti questi anglicismi sto rischiando di assomigliare all'amico Tony D'Ambrosio quando in giunta allentava, ad esempio, il famoso brand(y).

Peraltro negli anni scorsi Amiu ha effettato ingenti investimenti in macchinari, attrezzature e risorse umane per incrementare la raccolta differenziata (ad esempio macchine monooperatore, nuovi maxi cassonetti per le zone periferiche, mini contenitori per il centro storico), ed altri progetti sembravano in procinto di essere varati (http://www.traniweb.it/trani/informa/10184.html). Inoltre recentemente Amiu ha visto il proprio organico aumentare di ben otto unità a seguito dell'assunzione dei lavoratori ex San Marco Sud. Nonostante ciò, negli ultimi mesi, si sta assistendo all'esternalizzazione dei servizi connessi alla raccolta differenziata, strategici per lo sviluppo di Amiu, che pure presentano ampi margini di miglioramento, attesa la scarsa percentuale di raccolta differenziata fin qui conseguita.

Se si dovesse accettare supinamente questo modus operandi dell'attuale management, esternalizza oggi, esternalizza domani, Amiu Spa diventerebbe una scatola vuota che non avrebbe nemmeno più ragione di esistere. O sbaglio? Oppure è questo che si vuole? Tornando all'estensione del servizio in capo alla cooperativa sociale La Rosa Blu di Bitonto, gradirei conoscere l'importo stimato sia del servizio originariamente affidato (raccolta carta e cartone), sia dell'estensione annunciata (raccolta della carta e del vetro). Ribadisco ancora una volta, se mai ce ne fosse bisogno, che nel caso non giungessero risposte esaurienti, non mancherei di interessare della vicenda gli organi competenti, ai quali Amiu non potrà non rispondere. E per questa volta è sufficiente.

Hauze

P.S. Dedico cordialmente questo dottor Hauze a Raffaella che oggi compie gli anni. L'ho confezionato come ogni volta lei me lo consiglia (invano): breve, succinto e compendioso. Io, invero, per la solitaria uscita settimanale sono, purtroppo, costretto, per le tante cose che ci sono da scrivere e da spiegare, a cucinare la ronchiana parmigiana. Ok. Così passa la vita. Comunque, cara Raffaella, auguri affettuosi da me e da tutti gli amici del movimento di Forza Trani. Tu, cara Raffa, tra l'altro, hai dimostrato e dimostri quotidianamente che se si crede in una causa si rimane al proprio posto di combattimento, senza dare ascolto a prezzolati sireni tentatori. Per tanti, purtroppo, la coerenza e la fedeltà sono optional. Per taluni (e tu Raffa sei tra questi), sono il proprio onore. E sì. Invero, come si suol dire: nelle botti piccole c'è il vino buono.

N.B. Ad oggi nessun cenno di riscontro su quanto ripetutamente scritto in merito al Contratto di Quartiere II. Eppure non erano rilievi di poco conto. Mah! La prossima settimana ritornerò sull'argomento per trattare aspetti… terreni. Ai sommi reggitori comunali: attenzione che la tromba d'aria di Barletta non arrivi a Trani!
  • Roberto Visibelli
  • Contratto di quartiere II
Dr Hauze

Dr Hauze

La rubrica a firma di Roberto Visibelli

Indice rubrica
Altri contenuti a tema
7 Quartiere Sant'Angelo, pubblicato l'avviso per l'assegnazione di 23 alloggi Quartiere Sant'Angelo, pubblicato l'avviso per l'assegnazione di 23 alloggi Saranno affidati a nuclei famigliari disagiati con non più di tre persone
Settimana "nera" per Trani, tante insufficienze nelle pagelle del prof. Ronco Settimana "nera" per Trani, tante insufficienze nelle pagelle del prof. Ronco Si salva solo Annacondia. Poi contratto di quartiere, romeno "tranese", Luciana Capone e casa Bovio
Contratto di quartiere, bando pubblico per assegnare gli alloggi Contratto di quartiere, bando pubblico per assegnare gli alloggi Sono 23 gli immobili che il Comune darà in locazione
Contratto di quartiere, cinque indagati: due ex dirigenti comunali e tre imprenditori Contratto di quartiere, cinque indagati: due ex dirigenti comunali e tre imprenditori Truffa, abuso d’ufficio e corruzione le ipotesi del pm Ruggiero
Contratto di Quartiere, Trani#ACapo all'attacco dell'amministrazione comunale Contratto di Quartiere, Trani#ACapo all'attacco dell'amministrazione comunale Ennesima denuncia da parte del movimento sugli oneri aggiuntivi
Asilo nido a Sant'Angelo, pronto entro l'estate Asilo nido a Sant'Angelo, pronto entro l'estate Ultima proroga già scaduta, manca l'allaccio alla rete del gas
Via Giachetti, le imprese saldano: ripartono i lavori Via Giachetti, le imprese saldano: ripartono i lavori Graziano srl e Gramc srl pagano la sanzione e promettono 105 mila euro in un anno e mezzo
Via Giachetti, il Comune blocca i lavori Via Giachetti, il Comune blocca i lavori Le imprese di costruzioni avrebbero compiuto un abuso edilizio
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.