Dr Hauze

Emergency room nel Comune di Trani

Dottor Hauze 6

Recenti news dal Palazzo di città, determinano questo Dr. Hauze. In breve. Con sincero piacere apprendo della nomina a capitano della polizia municipale locale degli amici Michele Ruggiero, Nicola Covelli e Isabella Ferreri, a cui a brevissimo si aggiungerà Mimmo Miccoli (che mi auguro di vedere per San Sebastiano con la nuova divisa). Se ne è andato in pensione lo storico operatore di polizia municipale Maurino Mannatrizio. Prima ha ricevuto una raccomandata a casa con cui gli si comunicava il pensionamento e, il giorno in cui lasciava il Corpo, veniva nominato Maresciallo. Sì, d'Italia!

Nell'atrio del Comune vi è stato un blitz dei vigili (pare chiamati insistentemente da un assessore), che hanno contravvenzionato non solo chi non era del Comune o era parcheggiato in doppia o tripla fila, ma anche chi aveva il tagliando non in vista, le ruote sulla striscia delimitante lo spazio, le macchine comunali di servizio. Pare che ad un dirigente di multe ne hanno fatte due di fila, non per antipatia ma perché prima è passato un vigile e gliene ha fatta una e, nel mentre un messo l'aveva presa e portata a vedere al dirigente, un altro vigile, vedendo che l'auto non era contravvenzionata, ne metteva un' altra!

Ribadisco la sincera contentezza nel vedere riconosciuti il merito e l' impegno dei neo capitani, con qualcuno dei quali ho anche avuto modo di collaborare strettamente durante l'esperienza assessorile (mi riferisco a "Big Mike" Ruggiero con il quale abbiamo fatto - e per noi, Trani - bella figura in occasione delle riunioni in Prefettura ove andavamo a discutere di pubblica sicurezza e videosorveglianza). Non posso, però, astenermi dal far presente che un plotone di 28 unità di vigili ha un colonnello, 4 capitani e, se si applica il regolamento, un drappello di marescialli (anche se più di uno, nel tempo, ha fatto da sé!). Questa cosa mi ricorda "I ragazzi della via Pal" dove Nemecek (se non ricordo male) mentre stava per morire si preoccupava per come avrebbero fatto gli altri senza di lui perché era l'unico soldato mentre tutti gli altri erano ufficiali!

Certo, si alleggerirà l'impegno firmaiolo del comandante, ma per il resto, gattopardescamente, rimarrà tutto come prima con i capitani impegnati a fare quello che facevano prima, con i problemi dei turni, delle ferie, delle malattie, dei permessi per 104, delle inabilità al servizio esterno, insomma con i problemi di un organico "anziano" ed ai minimi storici.

Stesso discorso, invero, è per l'Ufficio tecnico comunale dove vi è stata la promozione del mitico geometra Di Lernia a D1 (con seguito di ricorso al Tar) e altri colleghi in pole position per lo scatto che, spesso, non significa niente in termini economici, anzi. In realtà, è un riconoscimento (doveroso) per chi, seriamente, si è impegnato per mandare avanti la macchina comunale, spessissimo svolgendo compiti e funzioni non attinenti e superiori al livello d'assunzione e di retribuzione. E non mi si venga a dire che sono situazioni che rinvengono dal passato e a cui ora, finalmente, si mette riparo. No! Si continua ancor oggi a creare situazioni di illegalità, che causeranno sfruttamento di lavoratori e future (e giuste) pretese. Se qualche animella comunale "vol fè u scimmiator" dicendo di non sapere e di non capire, glielo spiego subito.

"Ufficio stampa" dice niente ai SS.RR.CC.? Il figliolo dei miei amici Osvaldo e Teresa, omonimo di un mio scomparso amico del ginnasio-liceo, viene inestito, diciamo irritualmente, del compito di addetto stampa. La persona è preparata, qualificata, laureata, simpatica, disponibile, è di sinistra, ecc. ecc. I primi giorni, addirittura, viene posizionato su una scrivania altrui, poi in uno stanzino liberato, viene munito di telefonino di servizio, e così via. E allora? Dov'è il problema? Il nostro, che è stato fuori del Comune tantissimi anni e non ha partecipato a nessuna selezione, è rimasto al minimo di livello pur essendo… "massimo"... di qualità! Si dice che in un futuro (più o meno prossimo) verrà tutto risolto e che, comunque, così facendo, non si può accusare l'Amministrazione di centrodestra di clientelismo. I sindacati tacciono, l'opposizione (?) pure e tutti vissero felici e contenti. E no! Il lavoratore non ha la giusta mercede e prima o poi busserà a denari. Certo, nel frattempo, ha scritto belle cose nei confronti di esponenti dell' Amministrazione di centrodestra e nessuno può dire niente attesa la fonte opposta, proveniente, di recente, dall'Italia dei Valori. Ma questo è un comportamento da "Penelope de noantri": tessere la mattina e sfilare la notte. Si aggiustano vigili, geometri ed affini e si… Ci siamo capiti!

La verità è che al Comune l'età media è (molto) alta e non si fanno nuove assunzioni, al massimo qualche mobilità. Scrivevo prima del plotone dei 28 alla polizia municipale (per incidens: nell'Esercito, un plotone - una ventina di unità - è comandato da un ufficiale–sottotenente che, come sottufficiale, ha un sergente). Ora mi chiedo: si può operare con così poche unità in una città come Trani e con i compiti delegati dalla Magistratura? Chiedo ai SS.RR.CC.: cosa intendete fare, più subito di subito per rimpolpare gli organici? Non solo della polizia municipale ma anche, ad esempio, dell'ufficio tecnico dove vi è un'anomalia tutta tranese: un solo ingegnere mentre, tra ingegneri ed architetti, a Corato ve ne sono 5 o a Bisceglie 7. Una sola persona deve reggere, altra anomalia tranese, l'urbanistica, i lavori pubblici, l'ambiente, lo Sportello unico delle attività produttive, ed ora, momentaneamente, anche lo sport, il personale, l'elettorale, i demografici ed il contenzioso. Ci rendiamo conto? L'amministrazione dovrebbe immediatamente assumere ingegneri ed architetti all'ufficio tecnico e scindere l'urbanistica dai lavori pubblici. Ne guadagnerebbe l'occupazione e la funzionalità. E per questa volta è sufficiente. Hauze!

P.S. Alcune rispettose domande ai Sommi Reggitori Comunali:

1. Servizio pubblicità e affissioni: novità?
2. Locali comunali occupati dal Consorzio Bonifica: novità?
3. Piazza Libertà, pulizia del piedistallo della statua della Madonnina e pavimentazione sconnessa: novità?
4. Rete del metano cittadino a circa 2 mesi dalla scadenza dell'appalto Italcogim: novità?
5. Gli impianti pubblicitari installati nello stadio comunale da chi sono stati autorizzati? E quando? E quanto incassate per gli stessi?
Chiedo scusa se disturbo con questa mia curiosa impertinenza.
  • Roberto Visibelli
  • Italcogim - Gdf Suez
Dr Hauze

Dr Hauze

La rubrica a firma di Roberto Visibelli

Indice rubrica
Altri contenuti a tema
Forniture gas metano, i Verdi chiedono un aggiornamento sulla situazione Forniture gas metano, i Verdi chiedono un aggiornamento sulla situazione Laurora e di Gregorio, in coro: «Cosa è stato fatto?»
SForza Italia e la ballata dell'illegalità SForza Italia e la ballata dell'illegalità Maretta Ferrante-Laurora, gli affidamenti diretti e il ricordo di Roberto Visibelli
Dall'ufficio al totem: come cambia l'assistenza Gdf Suez a Trani Dall'ufficio al totem: come cambia l'assistenza Gdf Suez a Trani A breve sarà avviato un programma per l’installazione di colonnine interattive
Pubblicità, spuntano autorizzazioni del comandante di Pm Pubblicità, spuntano autorizzazioni del comandante di Pm Le richieste di installazione dei parapedonali risalgono al 2011
Lavori nel Comune: indagati Modugno e l'ex Guidotti Lavori nel Comune: indagati Modugno e l'ex Guidotti Nel mirino della procura l'appalto per la realizzazione della sede interforze di polizia giudiziaria
«Gdf Suez non c'entra con la rete di distribuzione di Trani» «Gdf Suez non c'entra con la rete di distribuzione di Trani» Nota della società: in Italia opera solo come produttore e venditore di energia e gas
Gas, Comune intenta causa a Italcogim per recupero crediti Gas, Comune intenta causa a Italcogim per recupero crediti Negli ultimi 3 anni l’azienda del gas non ha versato nulla nelle casse comunali
Distribuzione del gas a Trani, Verdi all’attacco Distribuzione del gas a Trani, Verdi all’attacco Da anni si attende l’indizione della gara d’appalto
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.