Antonio Modugno
Antonio Modugno
Cronaca

Lavori nel Comune: indagati Modugno e l'ex Guidotti

Nel mirino della procura l'appalto per la realizzazione della sede interforze di polizia giudiziaria. L'accusa: abuso di ufficio e falso ideologico

Nuovi guai giudiziari per il comandante della polizia municipale, Antonio Modugno, e l'ex dirigente delle Finanze, Domenico Guidotti. Il pm Giuseppe Maralfa, al termine delle indagini dei carabinieri, contesta loro le accuse di abuso di ufficio e falso ideologico (commesso dal pubblico ufficiale in atto pubblico) in relazione all'appalto per la realizzazione della sede interforze di polizia giudiziaria, allestita nei vecchi uffici dei tributi del Comune. La struttura attualmente è vuota, ma è già stata rimessa a nuovo per ospitare gli agenti di polizia municipale e provinciale da applicare ai compiti di polizia giudiziaria della procura.

Il punto è che i lavori da 160mila euro, secondo la procura, sono stati aggiudicati senza una gara pubblica e un indirizzo della giunta comunale. L'inchiesta parte da una denuncia del compianto senatore di Forza Trani, Roberto Visibelli, e riguarda la determina 122 del marzo 2012, che affidava i lavori alla Di Gregorio snc. Il primo illecito consiste proprio nel fatto che i lavori siano stati affidati con una "procedura ristretta" tra cinque aziende locali, sebbene si trattasse di un contratto pubblico di rilevanza comunitaria in quanto di valore superiore a 130mila euro. I lavori, inoltre, venivano affidati senza stipulare alcun contratto di appalto. Inoltre, diversamente da quanto previsto da questa determina, gli interventi sono stati eseguiti al piano terra e non al secondo piano. La determina, poi, faceva riferimento all'ordinanza 8514/2012 dell'ex sindaco Giuseppe Tarantini, che avrebbe disposto "una diversa collocazione degli uffici comunali nonché l'urgente trasferimento degli stessi". In realtà, l'ordinanza citata prevedeva solo "il mero sgombero ad horas del locale a piano terra del palazzo di città".

Come se non bastasse, la determina affermava che "con decreto dell'autorità giudiziaria (Trani-Bari), agli atti d'ufficio, è stata autorizzata la costituzione di nuovi uffici interforze di polizia giudiziaria, da collocare al secondo piano del palazzo di città". E, invece, esiste solo un decreto del febbraio 2012 con cui il procuratore di Trani, Carlo Maria Capristo, e il procuratore generale della Corte d'Appello di Bari, Antonio Pizzi, chiedevano l'applicazione dello stesso Modugno e di altri quattro ufficiali della polizia municipale di Trani alla sezione di polizia giudiziaria della procura.
  • Roberto Visibelli
  • Comune di Trani
Altri contenuti a tema
Fondo per emergenza abitativa, Martello: «Il successo dipenderà dall'impatto che avrà sui proprietari di casa» Fondo per emergenza abitativa, Martello: «Il successo dipenderà dall'impatto che avrà sui proprietari di casa» Illustrato la nuova misura del Comune per aiutare soggetti con situazioni economiche precarie
Emergenza casa, nasce un fondo sperimentale di salvaguardia delle esigenze abitative Emergenza casa, nasce un fondo sperimentale di salvaguardia delle esigenze abitative L'iniziativa grazie la costruzione di una rete tra Comune, soggetti privati ed enti del terzo settore
Buoni spesa, via alle domande sulla piattaforma dedicata Buoni spesa, via alle domande sulla piattaforma dedicata C'è tempo fino al 5 novembre
25 Buoni spesa, al via le domande a partire da lunedì Buoni spesa, al via le domande a partire da lunedì Ecco chi potrà presentare domanda
Fondi di sostegno all'editoria libraria, al Comune di Trani assegnati oltre 9mila euro Fondi di sostegno all'editoria libraria, al Comune di Trani assegnati oltre 9mila euro Riaperti i termini per integrare l'elenco degli operatori economici
L'associazione europea delle vie Francigene compie vent'anni e fa tappa a Trani L'associazione europea delle vie Francigene compie vent'anni e fa tappa a Trani Visita e scambio di saluti istituzionali con i rappresentanti dell'Amministrazione
Il Comune di Trani aderisce alla rete Dafne, il servizio di assistenza alle vittime di reato Il Comune di Trani aderisce alla rete Dafne, il servizio di assistenza alle vittime di reato Sottoscritto un protocollo di intesa per estendere le attività sul territorio locale
Dopo di noi, ancora pochi giorni per partecipare all'avviso pubblico Dopo di noi, ancora pochi giorni per partecipare all'avviso pubblico Finalità è quello di garantire a persone con disabilità il diritto al futuro e benessere
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.