Dr Hauze

La classe politica si divide in colposa e dolosa

Dottor Hauze 38

Valorizzazione beni comunali
In un recente Consiglio Comunale è stato approvato il cosiddetto Piano di Valorizzazione del patrimonio immobiliare comunale. Tale piano prevede l'alienazione di taluni beni e la locazione di altri beni. Ex multis, vi è la "porcata" della previsione di vendita del terreno di Villa Guastamacchia. Vergogna. Sono proprio curioso di vedere i Bassotti all'opera! Ma, in generale, quel che lascia perplessi è l'alto numero di immobili occupati senza titolo. Se può essere comprensibile l'occupazione abusiva da parte di soggetti in stato di necessità (e che in ogni caso va regolarizzata), non è altrettanto comprensibile l'utilizzo di taluni beni da parte di soggetti giuridici, che non possono certamente definirsi "indigenti". Il caso più clamoroso è l'occupazione della casa natale di Giovanni Bovio da parte dell'Ordine degli Ingegneri della provincia BAT. Premetto che l'immobile fu comprato negli anni ottanta con autorizzazione prefettizia e sono stati fatti costosi lavori di restauro per farci un museo dedicato all'illustre concittadino. Anzi. L'oggi compianto Michele Ladogana, ricordo bene, aveva più volte chiesto (inutilmente) di allocarci il Circolo G. Bovio di cui era il Presidente. Niente! OK! Andiamo avanti.

Sembra impossibile ma non è dato sapere in base a quale atto amministrativo tale Ordine Professionale (che riscuote dai propri iscritti, oltre alle quote annuali, anche i diritti per i visti sulle parcelle) occupi l'immobile in questione, né se le utenze relative all'immobile siano a carico del Comune o dell'Ordine. Mistero! Come pure vi è un terreno in via Valdemaro Vecchi occupato da anni e sine titulo da una Società che oltre a non pagare niente vi ci tiene anche "auto storiche", almeno secondo le recenti cronache giornalistiche. Anche qui mistero! Nello stesso piano di valorizzazione, altresì, si può leggere che sono tuttora in corso (heuz!) numerosi casi nei quali è necessario accertare lo stato di diritto degli immobili. Ancor dò stam! Il riferimento, penso, sia, in particolare, agli immobili sede di AMET e AMIU, di cui non è chiara la proprietà. Tale circostanza non è affatto banale: se gli immobili dovessero risultare di proprietà comunale, il Comune di Trani vanterebbe un ingente credito per canoni di locazione verso le citate aziende e queste avrebbero, di fatto, approvato bilanci falsi, avendo omesso il relativo debito verso il Comune di Trani (voglio solo ricordare che nella redazione dei bilanci NON è ammessa la compensazione di partite, ma eventuali crediti e debiti incrociati, vanno esposti separatamente). Mala tempora currunt per i Revisori dei Conti e Collegi Sindacali. Auguri!

Infine una considerazione: è emerso recentemente che il Comune di Trani vanta crediti per canoni non pagati da esercizi commerciali e gestori di telefonia per circa 455.000 Euro. Io dico che sono di più. Ma non è questo il fatto. Chiedo ai SS.RR.CC.: è così difficile attivare i competenti Uffici comunali ogni qual volta la morosità superi le due mensilità, in modo da sollecitare il pagamento delle somme dovute e, persistendo la morosità, attivare tempestivamente le procedure di sfratto? Eppure dovrebbe essere chiaro che attivare tempestivamente le procedure di legge sarebbe un formidabile deterrente nei confronti dei furbetti di turno, amici degli amici. Per la verità non è solo il Comune di Trani ad adottare, inspiegabilmente, la linea morbida. Già nel 2008 avevo denunciato alla Procura della Repubblica ed alla Corte dei Conti la morosità (di una consistente entità) in capo ad un operatore commerciale (e l'inerzia dell'Amministrazione Comunale), ma non mi risulta che gli Organi Giudiziari si siano attivati. Tant'è!

Fitto casa
Come già segnalato, nonostante la Regione Puglia abbia già deliberato, con atto n° 260 del 25 giugno 2010, di pagare al Comune di Trani la somma di € 1.275.517,27 per i contributi 2008 a sostegno dell'accesso alle abitazioni in locazione (fittocasa), a Trani tutto tace… Buon riposo! Nel frattempo sia il Comune di Bari, a partire dal 6 luglio (si veda la news sul sito web comunale del 1° luglio http://www.comune.bari.it/portal/page/portal/bari/novitaPortale/notizie?idn=4895), sia il Comune di Barletta, a partire dall'8 luglio (si veda il comunicato in pari data dal sito web comunale http://www.comune.barletta.bt.it/retecivica/avvisi10/fittocasa_casa_antic.html), hanno iniziato a pagare i contributi 2008. Voglio sapere: al Comune di Trani hanno contezza della deliberazione regionale? Qualcuno si è preoccupato di informarsi dello stato dell'arte presso la Tesoreria Comunale (anch'essa scaduta e gestita in regime di prorogatio, dalla cara Banca Popolare di Bari) della data di accredito dell'ingente somma? Gli uffici competenti hanno cominciato a predisporre i mandati di pagamento per i cittadini? Atteso che siamo quasi a metà luglio, non vorrei che, con la scusa del personale in ferie, il pagamento di quanto dovuto ai cittadini tranesi, slittasse molto in là con i tempi… e qualcuno al Comune, così, si prende gli schiaffi in faccia da chi giustamente pretende i soldi propri!

Demanio Marittimo
Nel maggio 2009, a margine della vicenda del ristorante al Fortino, prendendo spunto dal contenzioso sorto in merito al rilascio di una concessione demaniale marittima, era emerso che la competenza per il rilascio di tali concessioni era della Regione (con delega di tale funzione, in base alle norme vigenti, ai Comuni). Per cui chiedemmo: quale fosse l'Ufficio Comunale specificatamente preposto al rilascio delle Concessioni Demaniali marittime; quale fosse l'Ufficio specificatamente preposto a richiedere, per conto del Comune di Trani, il rilascio e/o il rinnovo delle concessioni demaniali per le aree già concesse o a concedersi al Comune di Trani stesso. A distanza di oltre un anno, non solo la predetta nota di Forza Trani è rimasta (more solito) senza risposta, ma quel che è molto peggio, pare non sia stato né istituito un ufficio preposto alla gestione delle domande di rilascio/rinnovo delle concessioni demaniali marittime, né tantomeno sia stato individuato un funzionario responsabile per i relativi procedimenti. In altre parole: un imprenditore che volesse ottenere il rilascio o il rinnovo di una concessione demaniale marittima, non saprebbe a chi rivolgersi presso il Comune di Trani. Per cui, anziché comunicare informalmente, per mezzo di un comunicato a firma di un consigliere comunale, sarebbe molto più produttivo che i SS.RR.CC. attivino un ufficio specifico e competente, cui inoltrare le domande di proroga delle concessioni demaniali in essere. Per il rilascio di nuove concessioni demaniali invece, occorrerà attendere, come evidenziato da un (esperto) utente del forum di Traniweb, che la Regione Puglia approvi il piano regionale della Costa, salvo revisioni della normativa, in applicazione del federalismo demaniale. Grazie Seadevil!

Varie
Possibile che i gestori dell'AMET e i loro danti causa della politica tranese non abbiano ritenuto di comunicare agli interessati e all'opinione pubblica cittadina quali siamo i gravi motivi che hanno determinato la sospensione della selezione per gli addetti ai parcometri? Per caso ci sono problemi giudiziari? Sig. Sindaco, cosa aspetta a nominare il nuovo CdA? Ed un nuovo A.D. che respiri? Ci sono degli importanti atti da fare e non credo che sia opportuno farli fare da questi amministratori "bolliti" ed in prorogatio! Comunque, faccia, al solito, come meglio Le aggrada.

Che bello: si è svegliato il PD che scopre a luglio che all'AMIU fanno i "ciambotti" come Forza Trani ed il Dr. Hauze evidenziano dall'inizio dell'anno! E pensare che anche i Verdi si erano già attivati (http://www.traniweb.it/trani/informa/13313.html) sulle "anomalie" AMIU, riproponendo il già evidenziato "ciambotto" de La Rosa Blu di Bitonto, vicenda sulla quale vi è il menefreghismo più assoluto anche da parte di chi non dovrebbe passare le proprie giornate solo ad ascoltare quello che dice Berlusconi e compagnia cantando. Comunque, meglio tardi che mai! Si vede che i tapini non sono tra i 23 lettori della rubrica e pertanto non ne sanno niente di quello che succede nella P.A. tranese. Comunque, va riconosciuto che questa opposizione è "brava": in occasione dell'ultimo consiglio comunale non riceve i bilanci delle aziende comunali e, con grande fair play, va avanti lo stesso. Impossibile? Controllare! Ma forse più che di fair play è la paura di andare a casa, perdere i mille euro mensili, dover fare nuove votazioni di cui non si conosce il risultato, ecc. Ma va! Dinnanzi a tali questioni esistenziali cosa si vuole che siano i bilanci di Amet e Amiu, i loro piani industriali, e quant'altro che viene custodito dai SS.RR.CC. meglio della formula (ultrasegreta) della Coca Cola, tenuta nelle casseforti della multinazionale solo ad Atalanta (USA)!
AMET: esposto alla Corte dei Conti ad opera di un autorevole consigliere di maggioranza (mentre l'opposizione dorme) sull'incarico legale dato ad un attuale assessore, gara parcometri contestata da Forza Trani ed ora in mano alla Procura, selezione addetti alla mobilità misteriosamente sospesa, bilanci in perdita, acquisto di nuova sede, ecc. ecc. Ma non c'era un autorevole controllo? Sì, mi ricordo http://www.traniweb.it/trani/informa/10584.html.E allora che si dice?

Nell'ultimo Dr. Hauze avevo lamentato che era passato un anno ma la situazione degli Uffici Giudiziari era rimasta immutata. Giorni fa (evviva!) il Sindaco ha scritto a chi di competenza una lettera ove, mutatis mutandis, riprende la nostra precedente riflessione. Bene! No, male! Perché oltre a tante pepate "notiziole" non ci ha fatto sapere anche a che punto sono i lavori di Palazzo Carcano? E già che c'era perché non ci ha illuminato sulla ex Distilleria, sui lavori di bonifica e sulle previsioni operative sul sito? A me che "l'Ingegnere" dia i soldi alla squadra (di pallone, ovviamente!) non me ne può fregare di meno. I Tranesi esigono che il sito della Distilleria venga bonificato, come da sentenza, e utilizzato. Senza se e senza ma!

Nessuna nuova sul Contratto di Quartiere? I chiarimenti richiesti da sei mesi, perdurando il Vs. silenzio, devo andare a chiederli altrove? Non è che Vi arrabbiate come per il caso dei gettoni di presenza? Vado?
P.S. ai SS.RR.CC. in tema di pallone, quale squadra di Trani si è iscritta al Campionato di serie D? E per la gestione dello stadio come è finita?
  • Roberto Visibelli
  • Contratto di quartiere II
Dr Hauze

Dr Hauze

La rubrica a firma di Roberto Visibelli

Indice rubrica
Altri contenuti a tema
7 Quartiere Sant'Angelo, pubblicato l'avviso per l'assegnazione di 23 alloggi Quartiere Sant'Angelo, pubblicato l'avviso per l'assegnazione di 23 alloggi Saranno affidati a nuclei famigliari disagiati con non più di tre persone
Settimana "nera" per Trani, tante insufficienze nelle pagelle del prof. Ronco Settimana "nera" per Trani, tante insufficienze nelle pagelle del prof. Ronco Si salva solo Annacondia. Poi contratto di quartiere, romeno "tranese", Luciana Capone e casa Bovio
Contratto di quartiere, bando pubblico per assegnare gli alloggi Contratto di quartiere, bando pubblico per assegnare gli alloggi Sono 23 gli immobili che il Comune darà in locazione
Contratto di quartiere, cinque indagati: due ex dirigenti comunali e tre imprenditori Contratto di quartiere, cinque indagati: due ex dirigenti comunali e tre imprenditori Truffa, abuso d’ufficio e corruzione le ipotesi del pm Ruggiero
Contratto di Quartiere, Trani#ACapo all'attacco dell'amministrazione comunale Contratto di Quartiere, Trani#ACapo all'attacco dell'amministrazione comunale Ennesima denuncia da parte del movimento sugli oneri aggiuntivi
Asilo nido a Sant'Angelo, pronto entro l'estate Asilo nido a Sant'Angelo, pronto entro l'estate Ultima proroga già scaduta, manca l'allaccio alla rete del gas
Via Giachetti, le imprese saldano: ripartono i lavori Via Giachetti, le imprese saldano: ripartono i lavori Graziano srl e Gramc srl pagano la sanzione e promettono 105 mila euro in un anno e mezzo
Via Giachetti, il Comune blocca i lavori Via Giachetti, il Comune blocca i lavori Le imprese di costruzioni avrebbero compiuto un abuso edilizio
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.