Ragazzi
Ragazzi
Inbox

A Trani un nuovo percorso verso la "cultura dell'incontro"

L'Omi propone l'adesione ideale a quattro principi

A Trani si sta avviando un nuovo percorso cittadino fatto di "cultura dell'incontro"'. I tranesi (solo alcuni di noi, ma si sta crescendo) hanno deciso di impegnarsi nel favorire la cultura del dialogo su un piano di rispetto e di parità di ciascuno, lasciando trasparire la disponibilità ad ascoltare e recepire ciò che l'altro offre per poter camminare insieme facendo un passo più avanti, e poi ancora un'altro, verso una meta comune. La consapevolezza, infatti, dell'importanza di ristabilire e conservare una vivibile e durevole armonia sta diventando un sogno culturale che si realizza.

Dialogo che non significa che si finisce in compromissione verso il basso. Dialogo che significa "camminiamo insieme" e tutti si può influire sul bene comune cittadino che è di tutti ed appartiene a tutti. Per permettere a questo nuovo percorso di vita cittadina di durare a lungo in modo che il dialogo avviato sia anche molto fruttoso Omi Trani propone l'adesione ideale a questi quattro principi:
1) il tempo del dialogo da considerare deve essere il medio lungo periodo;
2) l'unità vale di più del conflitto e la realtà va accettata nella sua poliedricità e complessità, in modo che la diversità sia fonte di ricchezza condivisa;
3) la realtà è più importante dell'idea, ossia avere la consapevolezza del sano realismo senza tracciare confini rigidi tra bianco e nero che non rendono ragione della varietà e complessità della situazione odierna;
4) il tutto è superiore alla parte, cioè occorre coltivare la visione del bene comune. Infatti, una visione attenta alla situazione particolare diventa alla fine limitata, se perde di vista il concetto di insieme. Se non ci sono in gioco questioni e difficoltà assolutamente insuperabili, nella soluzione dei problemi particolari è giusto tenere conto del bene più ampio e complessivo, anche a costo di qualche rinuncia. In tal modo la visione d'insieme permette di raggiungere il bene comune da cui tutte le parti traggono le condizioni più efficaci per raggiungere il vero fine che è quello del miglioramento della vita cittadina.

In tutto questo soprattutto i buoni cristiani possono fare la differenza: il cristianesimo, infatti, valorizza il rispetto della ragione e dell'altro in generale, promuove il dialogo, rifiuta la paura e la violenza anche verbale non soltanto per la propria famiglia o per il proprio gruppo.

Il dialogo permanente permette di raggiungere un obiettivo da tempo chiaro a tutti e cioè che la fede non è una forma di sentimentalismo vago e arbitrario o un rifugio fantastico davanti alla crisi odierna. E, soprattutto in questo periodo storico permette a ciascuno di trovare le risorse morali per migliorare la realtà. Per evitare che la religione, anche per i tranesi, possa significare di fatto la trasformazione del cristianesimo in una realtà insignificante. In questo sistema di riferimento le opere, soprattutto quelle che restano nel lungo termine, sono quelle che testimoniano la capacità di saper costruire un futuro migliore per tutta la comunità per il bene individuale e collettivo. Il bene comune condiviso.

Mauro Spallucci,
fondatore Omi Trani
  • Mauro Spallucci
Altri contenuti a tema
Trani, il cambiamento parte da un assessorato alla bellezza Trani, il cambiamento parte da un assessorato alla bellezza La lettera in redazione di Mauro Spallucci
Trani può fare di più, avanzata la proposta di una nuova Accademia del Mediterraneo Trani può fare di più, avanzata la proposta di una nuova Accademia del Mediterraneo Lettera in redazione di Mauro Spallucci (Omi)
L'Omi Trani aderisce alla Carta di Assisi L'Omi Trani aderisce alla Carta di Assisi Ecco i criteri utili per una corretta informazione
Guarire dalla corruzione, anche a Trani si può Guarire dalla corruzione, anche a Trani si può Nuova riflessione di Mauro Spallucci (Omi)
Trani, alla guida della città serve la democrazia dei "migliori" Trani, alla guida della città serve la democrazia dei "migliori" Lettera in redazione di Mauro Spallucci (Omi)
Servizio civile universale, disponibili olre 53mila posti Servizio civile universale, disponibili olre 53mila posti Mauro Spallucci (Omi Trani): «Esperienza consigliata a tutti i tranesi»
Trani: una città bella ma senza anima Trani: una città bella ma senza anima Nuova riflessione di Mauro Spallucci (Omi Trani)
Trani un tempo al centro del Mediterraneo, ma ora? Trani un tempo al centro del Mediterraneo, ma ora? Per lo sviluppo del territorio Spallucci (Omi Trani) propone un'assessorato all'Innovazione
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.