Anna Maria Barresi
Anna Maria Barresi
Inbox

Dal lungomare alle partecipate, la lunga lettera di Barresi e Merra al sindaco

Le consigliere di opposizione: «E' in arrivo un'altra estate e Trani sarà ancora una volta mortificata»

Egr. Sig. Sindaco.
abbiamo sentito il dovere di scriverLe questa pubblica lettera, perché crediamo ci sia la necessità oggi, a circa tre anni dal Suo insediamento di fare chiarezza. Avvertiamo l'esigenza di esprimerLe pubblicamente il nostro disappunto in merito ad alcuni eccessi comportamentali che, nostro malgrado, siamo state costrette a rilevare sia durante le molte sedute di Consiglio Comunale che nella quotidianità.

Ci siamo candidate per il Consiglio Comunale con tanto entusiasmo perché ritenevamo di poter dare, il nostro contributo per la crescita e lo sviluppo della nostra Città. Purtroppo Lei non è riuscito, ripetiamo, a distanza di circa tre anni dal suo insediamento, a dare le giuste risposte che noi ed i cittadini si aspettavano dalla Sua Amministrazione.
Raffaella Merra
Purtroppo dobbiamo constatare, con la morte nel cuore, che le risposte non sono arrivate e continuano a non arrivare, a noi Consiglieri ed ai Cittadini che le avevano dato fiducia, con il proprio voto. E' in arrivo un'altra estate e Trani, sarà ancora una volta mortificata e darà, ancora, una pessima immagine gestionale sia ai residenti che ai turisti.

1) Siamo ormai a fine Febbraio ed il nostro lungomare è in totale stato di abbandono, ad eccezione delle attività intraprese da quei pochi imprenditori, che stanno rischiando di tasca propria, per attrezzare una piccola parte del lungomare.
2) Senza parlare dei parcometri che non ci saranno ancora, e vedremo ancora una volta, gli automobilisti alla ricerca disperata del grattino, perché Lei ha deciso così (forse perché pensava ad un nuovo financial- project, forse ad ulteriore gestione privata ?).
3) Il 12 Febbraio l'incompiuto parcheggio sotterraneo di Piazza "XX Settembre" ha festeggiato i primi 25 anni ed è ancoraabbandonato all'illegalità.
4) Vogliamo parlare dell'ultima follia che porterà alla scomparsa dell'interoQuartiere Stadio! Quando avete pensato di realizzare, un solo passaggio pedonale e ciclabile invece di quello veicolare per via Corato, (siamo rimasti basiti nel constatare che i cittadini del quartiere, non sono ancora insorti, forse perché non ancora bene informati, per evitare che il quartiere stadio si trasformasse in "quartiere dormitorio" con la conseguenziale perdita di tutta l'economia della zona).
5) Piazza Teatro, salotto della città ma sporca da tempo ed ostaggio di bande di bulli incontrollate, una piazza sciatta ed in stato di abbandono in pieno centro storico;
6) La strettoia di Pozzo Piano (muro Telesio), che impone il senso unico, avete pensato di allargarla con la semplice promessa, di procedere ad un esproprio, ma siete ancora alla ricerca del fatidico finanziamento.

Vogliamo fare un breve cenno anche alle attività svolte dalle Aziende partecipate dal nostro Comune: AMIU S.p.A.

1) Il Commissario Straordinario, quando a luglio 2015, firmò il contratto di servizio con AMIU, nel quale era stato proposto l'obiettivo di raccolta differenziata per l'anno 2015 al 40%, DISPOSE che la raccolta differenziata doveva aumentare, per "l'anno 2015, inderogabilmente al 65% per ridurre i costi di smaltimento assolutamente ed esageratamente onerosi". L'Amministratore unico di AMIU con la propria firma accettò e la TARI per l'anno 2015 aumentò del 40% e così anche per gli anni 2016 e 2017 ed i bene informati, parlano di un ulteriore aumento per l'anno corrente. Oggi la raccolta differenziata a Trani è ancora al 20% mentre Bisceglie è al 61%, Andria al 65%, Barletta 68%, Corato 77%. Anche in questo Trani fanalino di coda.

2) L'AMIU ancora oggi naviga a vista senza obiettivi. L'Amministratore unico di AMIU in un recente incontro, ha affermato che fino dal 2015 aveva inviato al Comune il piano industriale e che il Comune non l'ha ancora approvato. In realtà si tratta di "Linee Guida per il Piano Industriale 2015 - 2020"totalmente privo di dati, obiettivi ecc., ci si rende conto che non dice nulla di concreto. Ci chiediamo cosa poteva approvare il Comune. Il fatto grave è che dal 2015, Lei Sig. Sindaco, continua a fare gestire l'AMIU a consuntivo, ovvero a portafoglio aperto, con costi fuori controllo.

3) Ah! Lei Sig. Sindaco non parla ? Vedi questione fallimento Daneco, richiesto dall'Amministratore Unico e che dei circa € 3.500.000,00 l'AMIU vedrà arrivare, tra anni, solo poche briciole ! e dei prelevamenti arbitrari dal fondo post-esercizio di circa €5.000.000,00 ! e degli incarichi professionali a go-go, quasi sempre a professionisti non di Trani che faranno lievitare la tassa sull'immondizia -TARI 2018!

4) Sig. Sindaco e della Discarica ? grande nota dolente, una farsa, una grande confusione all'interno della quale, noi cittadini, siamo sballottati fra mille verità ed un milione di bugie ? Per non parlare dei circa € 800.000,00 all'anno per la depurazione del percolato che il Comune paga dal 2016 per Sua volontà. In discarica in oltre tre anni non è stato fatto nulla di serio, per ridurre che la pioggia si trasformi in percolato, ed il Comune Paga ! E del Piano di caratterizzazione che doveva essere messo in atto entro 60gg. dalla chiusura della discarica e che a tutt'oggi, è ancora fermo! Trani, non è mai stata così sporca, cassonetti rotti e puzzolenti, rifiuti ovunque e questo malcontento lo si percepisce tra i cittadini.

AMET S.p.A.

1) Non possiamo poi non parlare della cara AMET, sì proprio cara perché a volte, ci ha fatto pagare bollette stratosferiche e per ben due volte, la stessa bolletta, con letture dei contatori inesistenti.

2) AMET, dove l'Amministratore Delegato, da Lei nominato, ha bisogno di nominare un avvocato che lo affianchi, non avendo il tempo da dedicare all'Azienda (ed io pago! Diceva Totò).

3) Per questa partecipata Lei ha dei progetti che non vuole comunicare, forse è per questo che da tempo l'Amet langue ed il 1° Luglio 2019 si avvicina, data in cui si estinguerà il mercato di maggior tutela e spariranno forse, gran parte dei 27.000 utenti, oggi gestiti dall'AMET.

Siamo sicuramente convinte che per migliorare la salute delle due aziende, sarebbe stato sufficiente sostituire gli attuali due amministratori, affidandole aprofessionisti del territorio che provano vero attaccamento alle stesse. Purtroppo quando qualcuno glielo ha proposto, Lei sembrava incarnare la pubblicità di un famoso orologio: " toglietemi tutto, ma non i miei amministratori".

STP -Trasporti S.p.A.

Constatiamo con notevole disappunto, quanto sta accadendo oggi in STP, dove la rimozione di un amministratore che in otto anni ha portato a navigare in acque calme e sicure l'azienda, rendendola più competitiva sul mercato, con risultati economici importanti, oggi la vediamo precipitare, in uno stato confusionale, con una gestione direzionale improntata alla creazione di problemi, anche nella gestione dei singoli utenti (vedasi il duo sigg.Fortunato-Piazza e le famose riunioni segrete, rivelate da una testata giornalistica).

Per ultimo, non perché sia un argomento meno importante, parliamo della macchina amministrativa e dei suoi lavoratori, problema dimenticato da Lei Sindaco, che fa parte di un'amministrazione di sinistra, e che avrebbe dovuto tenere in debita considerazione, fin dal giorno del suo insediamento.

Alla luce di ciò riteniamo che la dialettica politica sia il sale della democrazia, sempreché fondata su idee e proposte da qualsiasi parte esse provengano. Solo allora potrà generare le migliori soluzioni. La nostra amata città signor sindaco, la si deve difendere facendo chiarezza politica, nell'interesse dei circa 56.000 residenti e non assecondando chi sta consumando un vero "delitto sociale" perinteressi di partito e/o personali. E' giunto il momento di dire basta ! Non c'è più tempo da perdere ! Trani è divenuta una Città dormitorio !

Le attività commerciali chiudono ! La disoccupazione è dilagante ! Chi può scappa via !

Sindaco, lo faccia il bene dei tranesi, lasci il timone di questa barca che sta inesorabilmente affondando.

Anna Maria Barresi - Raffaella Merra
Consigliere Comunali di opposizione
  • Raffaella Merra
  • Anna Maria Barresi
Altri contenuti a tema
1 Riscaldamento nelle scuole, Barresi: «Attacco all'assessore Laurora solo per strumentalizzare la questione per scopi politici» Riscaldamento nelle scuole, Barresi: «Attacco all'assessore Laurora solo per strumentalizzare la questione per scopi politici» La consigliera replica dopo il duro attacco di alcuni colleghi di maggioranza
Sprechi e spreconi: dove finiscono i soldi dei cittadini tranesi? Sprechi e spreconi: dove finiscono i soldi dei cittadini tranesi? I dubbi della consigliera Barresi su alcune spese impegnate dall'Amministrazione Bottaro
1 Sosta a pagamento, ausiliari del traffico e parcheggiatori abusivi: parla ancora Anna Maria Barresi Sosta a pagamento, ausiliari del traffico e parcheggiatori abusivi: parla ancora Anna Maria Barresi La consigliera ripercorre fatti ed eventi dal 2016 fino ai giorni nostri
"Caro amico ti scrivo", Anna Maria Barresi scrive al primo cittadino "Caro amico ti scrivo", Anna Maria Barresi scrive al primo cittadino Ragioneria implosa, Scoglio di Frisio e partecipate: «Tutti questi risultati negativi»
Sosta a pagamento, ausiliari del traffico e parcheggiatori abusivi: torna a parlare Anna Maria Barresi Sosta a pagamento, ausiliari del traffico e parcheggiatori abusivi: torna a parlare Anna Maria Barresi La consigliera ripercorre fatti ed eventi dal 2015 fino ai nostri giorni
Amet come "poltronificio", Barresi: «Con quali criteri sono state effettuate le nomine?» Amet come "poltronificio", Barresi: «Con quali criteri sono state effettuate le nomine?» Anche la consigliera replica alle affermazioni di Bottaro sulla partecipata tranese
3 Dissesto politico e idrologico: un altro zero in pagella Dissesto politico e idrologico: un altro zero in pagella Tutti i voti della settimana di Giovanni Ronco
Terreni comunali in preda al degrado: la denuncia della consigliera Barresi Terreni comunali in preda al degrado: la denuncia della consigliera Barresi «L'Amministrazione ha il dovere d'intervenire subito per evitare multe»
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.