Inbox

Deiezioni canine e marciapiedi sporchi... Con chi prendersela?

Lettera in redazione di Raffaele Paradiso

Non è certo una novità, ma il problema della "deiezioni canine" sui marciapiedi, termine raffinato per definire le "cacche di cane", si aggiunge a tutti gli altri problemi presenti da tempo a Trani. Prima di tutto è bene chiarire di chi sono le principali responsabilità, per poi capire meglio, cosa si può e si deve fare. Con chi prendersela? Non certo con i cani che, poverini non fanno altro che fare i loro normali bisogni fisiologici.

Sicuramente con quei proprietari di cani che, portando a passeggio il loro "migliore amico" al guinzaglio (o almeno così dovrebbero fare!) non si preoccupano di raccogliere i "ricordini" che il simpatico quadrupede lascia qua e là lungo i marciapiedi; a questo proposito ricordiamo a costoro che esistono delle palette fatte proprio per svolgere questo poco simpatico, ma assai utile, "compito". C'è anche chi - i più maleducati - non ha voglia di andare in giro in compagnia del suo amato animale e lo manda fuori di casa da solo a svolgere in piena libertà la sua quotidiana tappa fisiologica.

A tutti questi signori "campioni di educazione civica" sarebbe bene ricordare una elementare norma che è sempre utile per la vita civile in qualsiasi società: "La libertà di ciascuno finisce dove inizia quella degli altri". Tradotta nel nostro caso diventa: la libertà dei proprietari di cani di far fare la "cacca" al loro animale finisce dove inizia la libertà degli altri cittadini di poter camminare tranquillamente sui marciapiedi della propria città. Insomma, non ci sembra poi così difficile: il cane la fa, il padrone che lo accompagna la raccoglie con l'apposita paletta e la butta .......e tutti sarebbero felici e contenti. Ma i proprietari di cani, fatte le dovute eccezioni per quelli educati e rispettosi del prossimo, non sono certo gli unici ad avere le responsabilità in merito.

Se i marciapiedi rimangono sporchi, è perché chi dovrebbe occuparsi della loro pulizia- e cioè l'Amiu - lo fa troppo di rado o con scarsa cura. Lo sanno bene i cittadini che abitano in Via Bonomo, Via Caposele o in Piazza Cezza che di rado hanno visto i loro marciapiedi lindi e puliti. Ma lo sanno anche coloro che passano abitualmente sui marciapiedi antistanti la Scuola Media "Giustina Rocca" e su quelli di Piazza della Repubblica che hanno potuto ammirare le aiuole ricolme di ogni sorta di escrementi e rifiuti in avanzato stato di decomposizione, nonostante siano state installate apposite recinzioni per evitare che l'animale entri nell'aiuola.

Inoltre lo sanno anche coloro che si recano in Ospedale e notano che le aiuole che delimitano il parcheggio delle auto (Viale Padre Pio) sono costellate di "deiezioni canine" e di ogni sorta di escrementi di animali in stato di putrefazione. Ricordiamo che per quanto concerne le deiezioni canine esistono delle leggi che obbligano i proprietari dei cani a provvedere alla loro rimozione dai marciapiedi, sanzionando con multe salate i trasgressori. (Ordinanza del sindaco 251 del 09/11/2000). Pertanto si invitano coloro che sono istituzionalmente designati a far rispettare tale legge - cioè la Polizia Municipale - ad agire con maggiore attenzione, multando i trasgressori.

A Trani si dovrebbero multare i proprietari di cani "disattenti", ma ciò non avviene: chi scrive non ha mai incontrato un vigile pronto a multare i padroni che accompagnano il loro cane "a mani vuote", cioè sprovvisti degli attrezzi adatti alla rimozione degli escrementi, per la loro passeggiata quotidiana. A tal proposito sarebbe interessante sapere se e quante infrazioni in merito sono state elevate nell'anno 2013 dai Vigili Urbani del Comune di Trani. Certo sarebbe bello che i padroni dei cani capissero da soli che è necessario, da parte loro, un maggior senso civico (per fortuna qualcuno c'è, purtroppo sono ancora troppo pochi); ma dove non arriva il senso civico è bene che giungano le multe! Per tale motivo la Polizia Municipale deve fare la sua parte.

Dalla esperienza personale di un viaggio a Singapore, ho potuto constatare che le persone che gettano per terra cicche di sigarette, gomme da masticare, ect, vengono multate con l'ammenda di mille dollari. E non è questa una sanzione teorica, perché ho visto personalmente il vigile intransigente applicare inflessibilmente la sanzione. Di conseguenza Singapore è conosciuta come una delle città più pulite del mondo. Pertanto mi domando perché a Trani non si fa altrettanto, potremmo essere conosciuti come "il Comune più pulito d'Italia". In molti comuni del Nord Italia sono state create apposite "aeree per cani", dove i proprietari dei cani conducono diligentemente e correttamente i loro animali per i normali bisognini fisiologici. Al Comune di Trani, quindi, spetta il compito di fare operazioni di educazione civica e di informazione.

Rendere più vivibile ed accogliente la nostra città è un dovere morale e civico di tutti: cittadini ed istituzioni. Fino ad ora ci sembra che si sia fatto troppo poco. E' necessario, quindi, un maggiore impegno da parte di tutti, pertanto è bene che si provveda alla periodica ed accurata pulizia dei marciapiedi e delle aiuole dalle deiezioni canine; all'affissione, in diversi punti della città,di cartelli che ricordano le varie norme vigenti in materia; ad una maggiore attenzione ed impegno da parte degli Operatori della Polizia Municipale, nel far rispettare le norme vigenti, sanzionando pesantemente chi non le rispetta.
  • Deiezioni canine
Altri contenuti a tema
Deiezioni canine, questa mattina controlli in zona Sant'Angelo Deiezioni canine, questa mattina controlli in zona Sant'Angelo Dieci le persone finite sotto la lente degli agenti in servizio
Cani in villa, tutto come previsto: escrementi abbandonati ovunque Cani in villa, tutto come previsto: escrementi abbandonati ovunque Il Comune lavora alla modifica dell'ordinanza per bloccare gli incivili
Deiezioni canine, oggi controlli nella zona Nord della città Deiezioni canine, oggi controlli nella zona Nord della città Quindici le persone controllate, due fermate e sanzionate
Deiezioni canine, al via una campagna di sensibilizzazione Deiezioni canine, al via una campagna di sensibilizzazione Cartelli in città per invitare a non lasciare escrementi
Deiezioni canine: storia d'inciviltà senza tempo Deiezioni canine: storia d'inciviltà senza tempo I proprietari dei cani sono ancora poco "ammaestrati"
Cani e rom in piazza: ecco i Rangers Cani e rom in piazza: ecco i Rangers Parte il progetto sperimentale per evitare disordini e scene di inciviltà
«L'appalto per pulire le strade dalle deiezioni? Flop totale» «L'appalto per pulire le strade dalle deiezioni? Flop totale» L'associazione Cambiare Trani davvero chiede più oculatezza nelle spese comunali
Cooperative: a gara deiezioni, pulizia di sterpaglie e caditoie Cooperative: a gara deiezioni, pulizia di sterpaglie e caditoie In mattinata nuova protesta in Comune: intervengono Polizia e Carabinieri
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.