Inbox

Trani e la sua reputazione: «Tutti siamo chiamati a difenderla»

Il pensiero di Mauro Spallucci (Omi)

La reputazione della nostra città è una risorsa limitata e noi, tranesi di oggi, non possiamo sciuparla. Per accrescerla abbiamo bisogno di questa consapevolezza: abbiamo bisogno di una visione d'insieme. Forse sarà il caso di elaborarla prima che sia troppo tardi. La storia, la bellezza, la cultura, la qualità della vita, le persone che si impegnano, se prese singolarmente non sono bastevoli. Serve una visione d'insieme perché Trani possa essere un brand, un motore motore di una crescita fondata su delle "certezze" per attrarre idee, talenti, investimenti, imprese.


Trani deve saper coltivare le proprie molteplici vocazioni in un insieme che diventa un moltiplicatore economico e sociale, lungo un percorso che ha radicato cultura, competenze, lavoro, imprese, beni pubblici e privati. Bisogna operare delle scelte per diventare la città del domani, capace di essere centro di attrazione, polo e motore di una crescita anche per tutto il territorio di riferimento. Trani può avere questa saba ambizione: motore della ripresa, fonte di spinta positiva, attorno ai cardini chiave dei processi di creazione di valore economico, territoriale, sociale, di bellezza. Bisogna essere capaci di sintetizzare questa sintesi e bisogna saperla fare insieme.

In questa direzione di lungo cammino: coesione e alleanze. Questi due elementi producono insieme propulsione ed energia. Questo in insieme è capace di prendere slancio prendendo i punti di forza della nostra città e li proietta con decisione verso il futuro. Bisogna che insieme si utilizzino al meglio le seguenti levi strategiche: innovazione, imprenditorialità e attrattività. Definendo quanto prima le traiettorie prioritarie di sviluppo: arte e cultura, manifattura, economia sostenibile, uso equilibrate delle risorse. Risorse tangibili ed intangibili da saper utilizzare al meglio da subito e da non sprecare mai. La prima. La nostra reputazione. Siamo tutti invitati a difenderla nei fatti concreti della vita quotidiana. Iniziando a pulire la città ed a mantenerla pulita. Iniziando a sistemare le strade e le piazze. Per continuare a meglio valorizzare le aree urbane, recuperando gli spazi pubblici dismessi che rappresentano un potenziale inutilizzato.

La qualità degli interventi è la cartina di tornasole della capacità di offrire una città che abbia una visione di futuro. Tutti gli attori devono essere coinvolti per arricchire questa strategia: scuole, associazioni, imprese. Gli stessi cittadini tranesi in una logica di co-progettazione e di partnership.
Coinvolgendo oltre che gli enti locali presenti in città quelli regionali e nazionali. Puranche quelli Europei, per i quali ci sono ancora fondi e risorse da utilizzare da subito".

Mauro Spallucci, fondatore Omi Trani

  • Mauro Spallucci
Altri contenuti a tema
Trani, il cambiamento parte da un assessorato alla bellezza Trani, il cambiamento parte da un assessorato alla bellezza La lettera in redazione di Mauro Spallucci
Trani può fare di più, avanzata la proposta di una nuova Accademia del Mediterraneo Trani può fare di più, avanzata la proposta di una nuova Accademia del Mediterraneo Lettera in redazione di Mauro Spallucci (Omi)
L'Omi Trani aderisce alla Carta di Assisi L'Omi Trani aderisce alla Carta di Assisi Ecco i criteri utili per una corretta informazione
Guarire dalla corruzione, anche a Trani si può Guarire dalla corruzione, anche a Trani si può Nuova riflessione di Mauro Spallucci (Omi)
Trani, alla guida della città serve la democrazia dei "migliori" Trani, alla guida della città serve la democrazia dei "migliori" Lettera in redazione di Mauro Spallucci (Omi)
Servizio civile universale, disponibili olre 53mila posti Servizio civile universale, disponibili olre 53mila posti Mauro Spallucci (Omi Trani): «Esperienza consigliata a tutti i tranesi»
Trani: una città bella ma senza anima Trani: una città bella ma senza anima Nuova riflessione di Mauro Spallucci (Omi Trani)
Trani un tempo al centro del Mediterraneo, ma ora? Trani un tempo al centro del Mediterraneo, ma ora? Per lo sviluppo del territorio Spallucci (Omi Trani) propone un'assessorato all'Innovazione
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.