La NarraVita

Michele e il Cammino di Santiago

Questa settimana una NarraVita spirituale…

Il cammino di Santiago è un cammino ormai famoso, un lungo percorso che i pellegrini fin dal Medioevo intraprendono, attraverso la Francia e la Spagna, per giungere al santuario di Santiago di Compostela a visitare la tomba di San Giacomo. Un percorso di 800 km per la durata di un mese da fare da soli o in compagnia, da fare a piedi o in qualunque modo possibile ed immaginabile, un viaggio in cui ci si deve preparare a tutto. Ogni uomo, ogni pellegrino interpreta il cammino seguendo un proprio percorso di coscienza e consapevolezza, dalle motivazioni alla scelta del percorso medesimo, ma una cosa li accomuna tutti: l'importanza del cammino non è rappresentata dalla meta che si raggiunge, ma è insita nel cammino stesso e nella trasformazione personale che ne deriva.

Michele Altieri è uno che il cammino l'ha percorso e che afferma di riuscire a guardare il mondo con occhi più maturi, occhi forgiati dal sacrificio che il viaggio ha imposto, dalla spettacolarità degli scenari che ha trovato dinnanzi a sé e forse anche dal consapevolezza di poter contare solo su se stesso e sulla sua bici. Il cammino di Santiago coincide con la scoperta di luoghi, di culture e di tradizioni totalmente differenti dalle nostre ma è soprattutto un viaggio di natura introspettiva e psicologica, di conoscenza delle proprie qualità ma anche di presa di coscienza dei propri limiti.

Un viaggio cominciato il 30 agosto dello scorso anno ma che lascia un segno indelebile visibile negli occhi profondi di questo giovane tranese. Arrivare finalmente a Saint Jean Pied De Port, città in cui si incontrano i pellegrini di tutto il modo per intraprendere il Cammino è la prima tappa di un viaggio lunghissimo, pedalare immerso in un paesaggio mozzafiato, senza nuvole, senza paure e tensione, circondato da distese di prati verdi invasi dai mille colori dei fiori.

Poi incominciare il viaggio. Quello vero. Non importa se durante il viaggio ti rubano la bici, non importa se ti trovi di fronte a malviventi che poco si interessano della spiritualità di quello che stai facendo. Importa invece il pellegrino che ti soccorre e aiuta, il coraggio e la forza di andare avanti, la necessità che ti porta ad inventare mille modi per sopravvivere. Importa arrivare a Santiago de Compostela una città piena d'arte, piena d'amore, piena di opportunità e possibilità che a Michele mancano le parole per raccontarla.

Miche è convinto che il sacrificio e le difficoltà siano l'unico modo per affrontare questo viaggio e purificarsi dalla superficialità di cui siamo quotidianamente protagonisti, un viaggio che ti purifica l'anima, la pelle, gli occhi. Cosa abbia spinto questo giovanissimo ad intraprendere questo viaggio credo non lo sapremo mai ma una cosa è sicura, Michele ne è uscito profondamente cambiato, sicuramente maturato e anche se non lo dice credo sia la prima di una serie di avventure di siffatta natura.

«Durante questo viaggio, ho capito cosa significa vivere giorno per giorno, guadagnarsi un pezzo di pane e un materasso, due cose fondamentali per vivere. Inoltre, in quel mese di cammino, ho saputo riscoprire la natura rispettandola e ammirandola per la sua bellezza e completezza». Complimenti ragazzo!
Michele Altieri - il cammino di SantiagoMichele Altieri - il cammino di SantiagoMichele Altieri - il cammino di SantiagoMichele Altieri - il cammino di Santiago
  • La "NarraVita"
  • Giovani
Altri contenuti a tema
A Trani la giornata diocesana della gioventù A Trani la giornata diocesana della gioventù Si svolgerà sabato 13 aprile
Università di Bari, gli alunni del master in giornalismo volano a Bruxelles Università di Bari, gli alunni del master in giornalismo volano a Bruxelles Dieci giovani vivranno due giornate ricche di visite e appuntamenti con le istituzioni europee
Le opportunità del digitale: nuovo seminario di Informagiovani Le opportunità del digitale: nuovo seminario di Informagiovani L'iniziativa il 1 aprile nella sede della Cgil Trani
Sergio Porcelli: quando un videogioco ti trasforma in game manager  Sergio Porcelli: quando un videogioco ti trasforma in game manager  Il giovane tranese dirige, a poco più di vent’anni, tutti gli eventi Fifa per il team Qlash
Il tranese Mirko Chietri è "Il più bello di Barletta 2018" Il tranese Mirko Chietri è "Il più bello di Barletta 2018" Con 410 voti porta a casa la fascia del concorso organizzato da Man Hair Group
Giuseppe Sinisi: «La mia vita fra musica e televisione» Giuseppe Sinisi: «La mia vita fra musica e televisione» Il giovane tranese ora redattore televisivo di "Portobello" condotto da Antonella Clerici su Rai Uno
Sergio Altomare: raccontare la realtà con una fotografia Sergio Altomare: raccontare la realtà con una fotografia Nel nuovo progetto di rinascita del brand americano Zoo York gli scatti del giovane tranese
Francesco Cioffi e i Medison: storie di vita ed emozioni trasformate in musica Francesco Cioffi e i Medison: storie di vita ed emozioni trasformate in musica La storia della band tra dischi,tour e nuovi progetti
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.