Ambiente è salute
Ambiente è salute
Mazza e panella

Una città nel torpore cronico: la partecipazione non è il nostro forte

Mazza e panelle di Giovanni Ronco

Siamo alle solite. Dinanzi alla richiesta di mobilitazione per un qualsiasi motivo, grave o meno grave che sia, la nostra città non riesce proprio a smuoversi da quel torpore cronico, quel timore di esporsi. Lo vedo anche dai raffronti con i miei articoli: migliaia e migliaia di clic, ma pochi commenti, specie per i pezzi di politica e specie dopo la scelta della nostra testata di eliminare il forum vigliacco e banditesco e di optare per la trasparenza del filtro social e del nome e cognome sotto il commento. Io non credo che la ritrosia alle manifestazioni nasca effettivamente dal menefreghismo in sé verso la causa.

Che pure questa di domenica era seria e pesante: la discarica farabutta. Secondo me qui il cittadino medio pensa: "E se poi vengo ripreso in qualche foto e servizio televisivo e poi un domani metti che mio figlio deve affrontare un concorso e mi serve l'aiuto di qualcuno e si ricordano che ho osteggiato da cittadino i progetti sulla discarica?". È stato triste vedere, infatti, la scarsa partecipazione della città al sit-in organizzato dall'associazione "Chiudiamo la discarica". Inutile dire che anche il sottoscritto si schiera per la stessa causa e ci mette qui sopra nome e cognome.

Ma come si fa a mobilitare la città attanagliata dall'eterno "tengo famiglia" pure per una semplice manifestazione? Le contraddizioni e l'allungamento dei tempi per la risoluzione dei nodi delle discariche è una piaga che credo dovremo portarci dietro per un po'; magari finché non arriverà il colpo di bacchetta magica che sbloccherà le situazioni. Magari da Bari arriverà un suggerimento risolutivo alla fine? Per fortuna che possiamo distrarci anche con assunti più leggeri: nelle ultime ore la sezione di Barletta di Liberi e uguali, su input di quella regionale, ha avanzato una proposta indecente alla nostra giovane pulzella Francesca Zitoli per una candidatura alle prossime elezioni. Invito respinto al mittente da parte dell'interessata perché vogliosa di concentrarsi sulle problematiche del territorio. E bisognosa di farsi le ossa come aggiungiamo noi. Magari con prospettive allettanti per il futuro. Magari, secondo noi, con salto in ambito regionale.
  • Discarica
Altri contenuti a tema
Percolato batte Cannavacciuolo 1 a 0 Percolato batte Cannavacciuolo 1 a 0 Mazza e panella di Giovanni Ronco
Discarica, Legambiente: «Deve essere ricolmata affinché possa definitivamente chiudere» Discarica, Legambiente: «Deve essere ricolmata affinché possa definitivamente chiudere» Questo l'obiettivo da proseguire per una concreta e duratura messa in sicurezza
1 Discarica, dalla Regione sei milioni e mezzo di euro. Bottaro: «Serviranno per la copertura del terzo lotto» Discarica, dalla Regione sei milioni e mezzo di euro. Bottaro: «Serviranno per la copertura del terzo lotto» Santorsola: «Finalmente si potrà sanare una ferita che da anni offende la città di Trani»
1 Sei milioni e mezzo per la discarica: una vera svolta per la politica ambientale Sei milioni e mezzo per la discarica: una vera svolta per la politica ambientale Ora tocca ad una raccolta differenziata "hard" dopo una sana e consapevole bonifica
Discarica di Trani, importanti novità in arrivo Discarica di Trani, importanti novità in arrivo Oggi conferenza stampa con il sindaco Bottaro e l'assessore Di Gregorio
Discarica di Trani, dalla Regione in arrivo i finanziamenti per la messa in sicurezza Discarica di Trani, dalla Regione in arrivo i finanziamenti per la messa in sicurezza Contributo totale di 69 milioni per i Comuni pugliesi con aree inquinate e degradate
2 Finanziamento regionale per la discarica, Amedeo Bottaro gioca al "Rischiatutto" Finanziamento regionale per la discarica, Amedeo Bottaro gioca al "Rischiatutto" Sei milioni di euro per ribaltare le sorti ambientali della città di Trani
Discarica, il M5S: «Da anni combattiamo come leoni per la chiusura di un sito altamente inquinante» Discarica, il M5S: «Da anni combattiamo come leoni per la chiusura di un sito altamente inquinante» I portavoce: «Siamo stati derisi per le nostre proposte serie e concrete»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.