Riscoprendo Trani

Santa Chiara, dal restauro riaffiorano 13 pozzi e una storia secolare

Riscoprendo Trani 2

Fra i pregevoli complessi storico-architettonici di Trani non del tutto valorizzati c'è anche la chiesa di Santa Chiara che costituisce una delle più significative testimonianze dell'architettura locale del XVI secolo. La sua storia è strettamente legata al convento edificato nel XIII secolo, oggi sede della scuola elementare Gabriele D'Annunzio. Grazie al restauro, ad opera degli architetti Francesca Onesti e Donata Di Domizio, Santa Chiara mette in mostra oggi delle bellezze nascoste che non hanno nulla da invidiare alle più famose chiese sparse per il mondo.

La nostra redazione ha il merito di far scoprire per la prima volta il lavoro degli architetti Onesti e Di Domizio. In prossimità del transetto è stata rinvenuta la parte basamentale di un portico, composto da pavimentazione in pietra a piccola pezzatura e basi di pilastri quadrati che procedono l'ingresso laterale del convento. La scoperta più interessata è il ritrovamento, lungo la navata, di tredici pozzi a campana con imbocco giacente su terreno vegetale. L'imbocco si trova ad un metro e mezzo di quota dal livello stradale ed arriva a raggiungere i nove metri. Solo in uno dei pozzi vi è dell'acqua sorgiva mentre gli altri sono completamente vuoti e puliti.

Il convento sorge in via Pedaggio Santa Chiara, toponimo non casuale poiché quell'asse viario si trovava in prossimità dell'iter vallum delle mura federiciane, vicino alla porta di Barletta. Questo fa supporre che si trattava di un punto di arrivo delle merci, le quali venivano conservate nei pozzi. La parola pedaggio fa riferimento al pagamento di una tassa dovuta per l'attraversamento da parte di coloro che entravano nel piazzale antistante il Monastero in occasione di fiere e mercati.

«Con questo restauro – spiega l'architetto Francesca Onesti - volevamo far venire fuori l'anima della chiesa, nascosta nel corso dei secoli, coperta da sovrastrutture di color marrone. Dobbiamo parte di questo restauro all'architetto Marcello Benedettelli, della Sovraintendenza dei Beni Culturali di Bari, recentemente scomparso».

La valenza delle scoperte del restauro si somma al valore storico del posto. L'edificazione del monastero di Santa Chiara, sede dell'Ordine religioso femminile francescano risale al XIV secolo. Nel XVI secolo le clarisse decisero di ampliare ulteriormente il complesso monastico con l'edificazione di una nuova chiesa per consentire alla gente del luogo di partecipare alle funzioni religiose. Nel 1599 le francescane di Santa Chiara si trasferirono con le altre monache nel convento di San Giovanni Lionello, mentre al loro posto si insediarono le benedettine dei conventi di San Paolo e Sant'Agnese. Il monastero e la chiesa presero così il nome di Sant'Agnese e Paolo. Nel 1799 i francesi della prima Repubblica saccheggiarono il monastero depredadolo dagli arredi sacri e bruciando l'archivio, motivo per cui, ad oggi, scarseggia la documentazione. Dal 1809 le monache cominciarono a diminuire. Nel 1903 il Consiglio comunale di Trani, in base alla legge del 7 luglio 1866 sulla soppressione delle corporazioni religiose, chiese al Ministro di grazia, giustizia e culti la concessione del monastero. Tale concessione fu autorizzata nel 1904 lasciando le suore al suo interno sino alla loro morte. Nel 1909 divenne parrocchia.
22 fotoRestauro del convento e chiesa di Santa Chiara
Convento di Santa Chiara (ospita la scuola D'Annunzio)Convento di Santa Chiara (ospita la scuola D'Annunzio)Convento di Santa Chiara (ospita la scuola D'Annunzio)Convento di Santa Chiara (ospita la scuola D'Annunzio)Convento di Santa Chiara (ospita la scuola D'Annunzio)Convento di Santa Chiara (ospita la scuola D'Annunzio)Convento di Santa Chiara (ospita la scuola D'Annunzio)Convento di Santa Chiara (ospita la scuola D'Annunzio)Convento di Santa Chiara (ospita la scuola D'Annunzio)Convento di Santa Chiara (ospita la scuola D'Annunzio)Convento di Santa Chiara (ospita la scuola D'Annunzio)Convento di Santa Chiara (ospita la scuola D'Annunzio)Convento di Santa Chiara (ospita la scuola D'Annunzio)Convento di Santa Chiara (ospita la scuola D'Annunzio)Convento di Santa Chiara (ospita la scuola D'Annunzio)Chiesa di Santa Chiara durante i lavori di restauroChiesa di Santa Chiara durante i lavori di restauroChiesa di Santa Chiara durante i lavori di restauroChiesa di Santa Chiara durante i lavori di restauroChiesa di Santa Chiara durante i lavori di restauroChiesa di Santa Chiara durante i lavori di restauroManifattura tabacchi nel convento di Santa Chiara
Il monastero fu adibito nel corso del tempo a sede di fanteria, di asilo infantile, di caserma militare, persino di stabilimento per la lavorazione del tabacco. Dopo anni di abbandono l'amministrazione comunale decise di destinarlo definitivamente a edificio scolastico. Rimesso a nuovo, dal 1991 ospita il terzo circolo didattico della D'Annunzio. Oggi, i bambini della scuola elementare, attraverso il progetto "Adotta un monumento" finanziato dalla Regione Puglia, trascorrono li gran parte della loro giornata: «Attraverso l'adozione di questo monumento - spiega il dirigente scolastico, Emilio Casiero - i bambini hanno preso coscienza della valenza storica della struttura che li ospita. Adottare un monumento significa adottare delle conoscenze, ed è proprio quello che si prefigge l'obiettivo pedagogico dell'istruzione»
  • Storia di Trani
  • Monastero e chiesa Santa Chiara
  • Beni architettonici
Altri contenuti a tema
Damiano Carola: ci lascia un vero custode della Storia tranese Damiano Carola: ci lascia un vero custode della Storia tranese Ex dipendente comunale si è spento all'età di 73 anni
Religione e cultura, oggi l'incontro sulla storia della chiesa di Santa Chiara Religione e cultura, oggi l'incontro sulla storia della chiesa di Santa Chiara Un appuntamento organizzato dall'associazione "Santi Agnese e Paolo"
6 Chiude "Bizzarro", resiste Vittorio! Chiude "Bizzarro", resiste Vittorio! Cessa l'attività dopo 30 anni ma l'instancabile Cassinesi è pronto a reinventarsi
Piracci e la sua ultima grande testimonianza: La storia di Trani Piracci e la sua ultima grande testimonianza: La storia di Trani STANDING OVATION – Le recensioni di Giovanni Ronco
"Racconta Storie", partono oggi le visite guidate natalizie "Racconta Storie", partono oggi le visite guidate natalizie Quattro appuntamenti con la storia di Trani nel centro città
Echi del Settecento, la storia locale entra a Santa Teresa Echi del Settecento, la storia locale entra a Santa Teresa Il nuovo volume di Maccon e Cortellino sarà presentato sabato 19 dicembre
Il Natale è alle porte, installati due ulivi all'ingresso di Santa Chiara Il Natale è alle porte, installati due ulivi all'ingresso di Santa Chiara Luminarie in via Lagalante con il contributo economico dei commercianti
Parcheggi abusivi, sul sagrato di Santa Chiara regna l'anarchia Parcheggi abusivi, sul sagrato di Santa Chiara regna l'anarchia Auto parcheggiate in divieto e in doppia fila, difficoltà d'accesso in Chiesa
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.