Storie di città

«In Italia, attualità e politica hanno superato la satira»

Rosa Barca e le nostre storie di città

La kermesse de I dialoghi di Trani quest´anno si fregia di un inedito workshop sulla satira e il giornalismo disegnato, curato e condotto dal vignettista tranese Giuseppe del Curatolo. «Italiano medio» è un laboratorio che scruta il tanto affascinante e incantatorio mondo della satira, accendendo i riflettori sui meccanismi che si muovono alla base della realizzazione di una vignetta o di un testo satirico. «Il workshop - dice del Curatolo - ha la presunzione di creare una micro-redazione di giornalismo disegnato e satira lavorando direttamente con i fatti del giorno, con notizie fresche dei quotidiani e con il tentativo finale di realizzare delle vere e proprie vignette». Saranno trattati a colpi di matita anche i temi caldi di questi giorni, dal referendum allo scandalo scommesse nel calcio.

«Il grosso potere della satira è l´immediatezza. Colpisce con uno sguardo», spiega Del Curatolo. Con lui, nel Castello svevo, penne e matite illustri del settore: Carlo Gubitosa, Nico Pillinini (vignettista de La Gazzetta), Ugo Delucchi, Giovanni Bruzzo, Vincenzo Sparagna e Pino Creanza. L'Italia e la satira, quale rapporto? Del Curatolo sgombra il campo da equivoci e porta in evidenza uno strano caso tutto italiano: «Da noi si può fare satira, non viviamo con terrore lo spettro della censura. Il problema serio è che gli eventi di tutti i giorni spesso superano la satira stessa, mettendola in crisi. L'attualità, insomma, ci sta togliendo il mestiere. In passato, durante gli anni di piombo e nel periodo di tangentopoli, la satira ha vissuto il suo boom, cavalcando l'onda degli eventi in maniera più che brillante. Il berlusconismo ha invece spiazzato tutti. Oggi, a mio avviso, dobbiamo studiare con attenzione la realtà e ritrovare una formula vincente per colpire l'opinione pubblica».



Del Curatolo ha sempre vissuto con una matita in mano. «La mia passione - racconta il vignettista tranese - è diventata un mestiere. Iniziai a scarabocchiare da piccolo, poi sui banchi del liceo, divertendomi a fare le caricature dei miei compagni di classe e dei miei professori». Le fumetterie erano la sua seconda casa. Iniziò ad inventare storie con le sue prime caricature e a quindici anni partecipò ad un concorso che gli cambiò la vita. «Inviai per caso le mie storie con i miei disegni da dilettante ad un concorso, non sapendo si trattasse di uno dei concorsi più importante per giovani autori di fumetto». Si trattava del concorso di Prato Pierlambicchi da cui sono partiti tanti autori professionisti. Quello fu il suo trampolino di lancio. Conobbe, infatti,il grande maestro di satira Sergio Angeletti (in arte Agnese), scomparso un paio di anni fa, un maestro di satira, uno dei fondatori della rivista Il male, il settimanale che tra il 1978 e il 1982 fu la fucina della satira politica italiana. «Mi portò con lui a Perugia dove divenni suo assistente. Ero un autodidatta, grazie a lui cominciai ad approfondire la tecnica e ben presto collaborai al mensile L'eco della carogna, guidato dallo stesso Angese».

A quel periodo è legato uno dei momenti più gratificanti dell'esperienza professionale del vignettista tranese. «L'eco della carogna esplose grazie ad uno scoop giornalistico in perfetto stile Striscia. Erano da poco stati immessi sul mercato i Gratta e vinci. Io e Agnese ci chiedemmo di cosa fosse fatta la polverina che si grattava. La facemmo analizzare e scoprimmo che era tossica. Lavorammo per diversi numeri su questo caso, facendo del vero giornalismo disegnato. L'argomento fece scalpore, ne parlò tutta Italia ed alla fine lo Stato intervenne per riparare».

Del Curatolo ha avuto anche esperienze locali ai suoi inizi. «Collaboravo con Il giornale di Trani, occupandomi della politica tranese. Erano gli anni della sindacatura di Tamborrino che diventò un personaggio fisso dei miei disegni. Il generale sapeva accettare col sorriso le mie vignette, si divertiva, era curioso di vedere le evoluzioni del suo personaggio. Qualcun altro invece prendeva malissimo i miei disegni. Ermanno Iacobellis, ad esempio, all'inizio me le chiedeva espressamente poi si arrabbiò molto per una vignetta concepita quando cambiò casacca e passò all'Udeur».

Del Curatolo adesso collabora con la storica rivista Frigidaire (un mensile con 20 pagine tabloid a colori diretto da Vincenzo Sparagna) e con la casa editrice Il coniglio di Roma per la quale ha anche creato un personaggio molto strambo (Mr Thumb-nut), un metalmeccanico del futuro che vive avventure comiche e fantascientifiche.
4 fotoGiuseppe Del Curatolo
Inaugurazione Dialoghi di Trani 2011Inaugurazione Dialoghi di Trani 2011Inaugurazione Dialoghi di Trani 2011Inaugurazione Dialoghi di Trani 2011
  • Dialoghi di Trani
Altri contenuti a tema
Dialoghi di Trani: Megamark, Eni e UniCredit mettono in moto l’edizione 2020 Dialoghi di Trani: Megamark, Eni e UniCredit mettono in moto l’edizione 2020 Dal 23 al 27 settembre a Palazzo delle Arti Beltrani
I Dialoghi di Trani oggi al quarto Forum del libro Italia-Spagna I Dialoghi di Trani oggi al quarto Forum del libro Italia-Spagna Rappresentanti e direttore artistico nel prestigioso Istituto italiano di Cultura per parlare di saggistica
La solidarietà del mondo del commercio ai Dialoghi di Trani La solidarietà del mondo del commercio ai Dialoghi di Trani Savino Montaruli (Unibat): «E pensare che il tema di quest’anno era la Responsabilità. Che beffa!»
Dialoghi di Trani, Corrado, De Toma, Ferrante: le pagelle Dialoghi di Trani, Corrado, De Toma, Ferrante: le pagelle Tutti i voti della settimana di Giovanni Ronco
Trani, il mondo del commercio continua a finanziare "I Dialoghi" Trani, il mondo del commercio continua a finanziare "I Dialoghi" Montaruli (Unibat): "Troppo pochi 4mila euro per una manifestazione del genere"
Concita De Gregorio ai Dialoghi: il potere veglia sempre su di noi Concita De Gregorio ai Dialoghi: il potere veglia sempre su di noi Focus sulle mille entità che muovono le nostre vite, le scrutano, le orientano
Dialoghi di Trani, oggi ospite l'attrice inglese e Premio Oscar Helen Mirren Dialoghi di Trani, oggi ospite l'attrice inglese e Premio Oscar Helen Mirren Attesi anche il direttore della Fondazione Pirelli ed il presidente della Fondazione del Corriere della Sera
I Dialoghi arrivano in carcere con la Corte Costituzionale e Marta Cartabia I Dialoghi arrivano in carcere con la Corte Costituzionale e Marta Cartabia In serata cerimonia Premio Megamark con Serena Dandini e i finalisti dell'edizione 2019
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.