Associazioni

1ª danza della solidarietà: raccolti 1000 euro per la ricerca

Quasi sessanta artisti per sostenere la ricerca

La gara su esibizione tenutasi venerdì 8 dicembre '06 presso il palazzetto dello sport di Trani ha segnato un grande momento di solidarietà per la nostra città. Vi hanno partecipato quasi sessanta artisti che hanno concorso per le scuole d'appartenenza alla prima gara caraibica della città di Trani segnando momenti di grand'emozione in un eccezionale connubio tra solidarietà, arte e divertimento. Grazie alla danza della solidarietà si sono raccolti oltre mille euro che verranno versati in favore della ricerca contro le malattie genetiche. Il presidente dell'Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare di Trani, Gennaro Palmieri ha espresso sentiti complimenti a Niky Battaglia ed all'Associazione Ragazzi alla Seconda
Al termine delle esibizioni Niky Battaglia ha espresso i ringraziamenti alla gente che ha partecipato affermando: «La danza caraibica è, nella nostra società, un importante mezzo d'unione e condivisione d'intenti. Oggi più che mai abbiamo bisogno di stare insieme, di fare gruppo, di condividere passioni e scelte. In un contesto tecnologico che tende ad isolare la persona, la danza caraibica in quanto attività semplice da apprendere ed imparare è in questo momento storico la disciplina che più semplicemente accomuna e fa' condividere passioni alla gente. Vivere esperienze "insieme" è la cosa più importante che esista».

Rivolgendosi poi al presidente dell'UILDM ha continuato: «Oggi è nato un grande evento per la Città di Trani, un evento che già nella sua prima edizione ha riscontrato un gran successo; Oggi ufficialmente c'impegnamo da qui a 10, 20, 30… anni a riproporre ogni anno l'8 dicembre nel palasport della città di Trani la Danza della Solidarietà. La faremo crescere insieme esponenzialmente, continuando a dare lustro all'arte della nostra Città, ed all'ottimo connubio che si crea con il momento della raccolta Fondi del Telethon».

Prima di effettuare la premiazione e di pronunciare i vincitori, Niky Battaglia, ha invitato al centro del Palasport tutti i concorrenti alla gara. In cerchio sulle note di "Abre que voi" di Miguel Erriquez è partita una stupenda "rueda de casino" ballata da più di 60 artisti al centro del palasport. "Il ballo, la danza il divertimento, non ha alcun colore, è espressione innata di ognuno di noi e ci aiuta a stare bene insieme".



Si è proceduto poi alla premiazione così assegnata in merito alla votazione dei giudici: Primi in assoluto si sono classificati i bambini della CUCARACHA di Bisceglie a cui è andato il premio "Speciale" prof. Franco Valente offerto dalla Famiglia Valente. Niky Battaglia ha invitato la figlia del prof. Valente, Adriana, ed a ricordato ai presenti la passione con cui il prof. Francesco Valente insegnava la vita ai propri discepoli, nello sport e nelle danze caraibiche, il 1° premio "Mastrorocco Corredi" è stato assegnato alla scuola Corazon Latino di Bisceglie, il 2° premio "Giannelli Sport" è stato assegnato alla scuola Clave Latina di Trani il 3° premio "Laboratorio di Ortodonzia Moderna" alla scuola 100% Latino di Corato ed il 4° premio "Stampe Express" al Centro Sportivo Valente il Premio Air Copy su volontà, condivisa da tutti, del presidente della UILDM di Trani Gennaro Palmieri è stato consegnato a Giulio e Alessia rispettivamente di 8 e 6 anni che si sono rivelati le più giovani promesse artistiche della manifestazione. L'appuntamento al pubblico ed ai partecipanti è stato rimandato all'8 dicembre 2007 per la danza della solidarietà mentre a venerdì 15 e a sabato 16 dicembre '06 per la maratona Telethon in P.za della Repubblica a Trani sempre con Niky Battaglia l'UILDM e l'associazione R2 Trani.
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.