Amet
Amet
Vita di città

Dal Ministero 11 milioni di euro all'Amet

Serviranno per rafforzare l'attività di distribuzione di energia

La società "Amet Spa" è destinataria di un finanziamento ministeriale di 11.000.00,00, questo è quanto si evince dalla lettura del decreto di approvazione dei progetti ammessi alle agevolazioni pubblicato dal "Ministero dell'ambiente e della sicurezza energetica".

Il progetto proposto dalla società "Amet spa" ammesso e totalmente finanziato è finalizzato alla sostituzione dei 3 trasformatori in cabina primaria, la realizzazione di una seconda cabina primaria ed il ribaltamento di parte delle linee di distribuzione, interventi finalizzati ad ottenere un incremento della capacità della rete di distribuzione ad accogliere nuove utenze passive.

Il progetto nel momento in cui sarà completato non solo rafforzerà l'attività di distribuzione di energia ma aprirà nuovi scenari di sviluppo per il settore elettrico di "Amet Spa" con la concreta possibilità di sviluppo in nuovi ambiti operativi in linea con le nuove esigenze del mercato e nel rispetto dell'ambiente.

Il risultato ottenuto è il frutto della forte sinergia tra management aziendale, risorse professionali ed umane interne, professionisti esterni molto competenti nel settore, e del socio unico che ha stimolato, creduto e supportato tutto il lavoro dimostrando di credere nelle potenzialità dell'azienda mostrando con fatti concreti di considerare la società "Amet spa" una risorsa della città da valorizzare nel rispetto delle stringenti normative che pongono vincoli inderogabili alle attività delle società partecipate.

In questa ottica il socio Unico ha concordato con il CdA e i responsabili del settore trasporti le modalità di proroga del servizio TPL e di partecipazione al bando regionale di prossima pubblicazione per l'acquisto di nuovi mezzi che possano permettere l'evoluzione del servizio di trasporto in modo da renderlo più consono alle esigenze della città
  • Amet
Altri contenuti a tema
Dimissioni Cda Amet: Nigretti ha "dubbi sulla genuinità delle reali motivazioni" Dimissioni Cda Amet: Nigretti ha "dubbi sulla genuinità delle reali motivazioni" E annuncia: "Provvederò a convocare una conferenza stampa"
Blackout nel Cda di Amet: dimessi Piazzolla e Caputo Blackout nel Cda di Amet: dimessi Piazzolla e Caputo La querelle tra Nigretti e il sindaco Bottaro ha animato le cronache nei giorni scorsi
Ancora black out mattutino: corrente a singhiozzo da stamattina a Capirro Ancora black out mattutino: corrente a singhiozzo da stamattina a Capirro Molti problemi per congelatori, allarmi impazziti, semafori in tilt
E-bike sharing: il servizio ritorna a Trani E-bike sharing: il servizio ritorna a Trani Lunedì il completamento delle procedure e il via all’utilizzo
Blackout di prima mattina: dal centro a Pozzo Piano e Colonna continue interruzioni di energia elettrica Blackout di prima mattina: dal centro a Pozzo Piano e Colonna continue interruzioni di energia elettrica Niente buio nella città ma un continuo risuonare di allarmi e molti disagi
Amet, Angelo Nigretti non si dimette: «Resto al mio posto» Amet, Angelo Nigretti non si dimette: «Resto al mio posto» Dopo lo scontro con il sindaco, l'amministratore delegato non rinuncia al suo incarico
«Il Sindaco confonde il ruolo di amministratore delegato con quello di commissario politico sovietico» «Il Sindaco confonde il ruolo di amministratore delegato con quello di commissario politico sovietico» Solidarietà all’avvocato Nigretti dal centrodestra
Caso Amet, Piazzolla e Caputo «costretti a dissociarsi dal comportamento dall'avvocato Nigretti» Caso Amet, Piazzolla e Caputo «costretti a dissociarsi dal comportamento dall'avvocato Nigretti» «Ha interpretato il ruolo assegnatogli dall'Amministrazione comunale in modalità "uomo solo al comando"»
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.