Conservatorio ex san Lorenzo
Conservatorio ex san Lorenzo
Vita di città

Ex conservatorio San Lorenzo, solo abbandono e degrado

La denuncia di Andrea Moselli: «Iniziamo a programmare azioni concrete»

«In questi ultimi giorni sono sotto i riflettori i fitti del comune di Trani, dal sito ufficiale è possibile scaricare l'elenco completo dei fitti attivi, quelli che a quanto pare dovremmo riscuotere ma non riscuotiamo e i fitti passivi che corrispondono alle somme che come collettività versiamo. Scorrendo le voci dei fitti passivi mi son soffermato sugli 11.680 euro annui che paghiamo per il centro per l'impiego a pozzo piano, quasi mille euro al mese. Spostiamoci al centro storico e analizziamo insieme l'ex conservatorio San Lorenzo, immobile di proprietà comunale di diverse centinaia di metri quadri». È la denuncia di Andra Moselli, che punta l'attenzione sul degrado e lo stato di abbandono del centro storico di Trani, con particolare attenzione alla situazione inccui versa l'ex conservatorio San Lorenzo.

«La struttura ospitava dei plessi scolastici e oggi? Parte del piano terra è interessato dall'Oasi 2 invece il primo piano, come possiamo vedere dalle foto, è da troppi anni in completo stato di abbandono. Le immagini parlano da sole: vetri rotti che lasciano intravedere scritte sui muri, cospicue infiltrazioni ormai visibili dall'esterno e la parietaria rigogliosa. Scenario di completo abbandono che comporta il deperimento della struttura e il conseguente futuro aumento dei costi per il ripristino. A proposito quando si penserà a recuperare questi spazi direi ampiamentedimenticati visto che non vengono mai menzionati?».

«Una parte di questo fabbricato - continua Moselli - nello specifico alcune stanze al piano terra con accesso in via Nigrò, è stato restaurato grazie alla ricezione di fondi europei per allestire un centro giovanile lo "You and Me". Il progetto ha fatto il suo corso e i locali, dotati fra l'altro di accessi e bagni per disabili, sono inutilizzati ormai da tempo. Attenzione questi ambienti celano un particolare direi "curioso": la scala per accedere al piano superiore si trova proprio in queste stanze ma non è accessibile e neanche visibile è stata accuratamente nascosta dal cartongesso, forse in attesa di tempi migliori? Si parla molto della riqualificazione del nucleo antico, s'invoca la totale chiusura ma la vera fruizione tarda ad arrivare. Perché? Semplice, i centri storici che prendiamo a modello hanno spesso una differenza piccola ma sostanziale equivalgono al centro stesso della città. Cosa vuol dire? Che pullulano di uffici di attività commerciali, sono vivi tutto il giorno a differenza del nostro. Siate sinceri chi di voi si reca nel quotidiano al centro storico? Nessuno!».

«In questo quartiere - incalza Moselli - ormai non abbiamo quasi nulla e il tranese medio, che di base usa l'auto per fare 50 metri, non ha oggettivamente motivo per venirci, al massimo vive di sporadiche passeggiate domenicali o serali che si concentrano al porto. Lo spostamento negli ultimi anni di una nota e storica attività la dice lunga. Forse sbaglio ma non potremmo provare a riqualificare il centro storico cogliendo un'occasione di risparmio? Qualora condizioni e normative lo permettano perché non trasferire il Centro per l'impiego nei locali del ex Conservatorio? Il contratto del Centro scade a metà di quest'anno non ho elementi per affermare se sarà rinnovato ma di sicuro siamo in tempo per recedere e trasferirlo».

«Entriamo nell'ottica di un centro storico realmente vivo e cominciamo a programmare azioni concrete - continua Moselli -. Innegabile, uffici e studi comportano un flusso di persone che di riflesso potrebbero permettere l'apertura di attività commerciali e sarebbe ora che ci si prefigga di creare misure specifiche per spingere la zona antica. Il tessuto oggi è reso vivo dai tribunali e dall'agenzia del territorio e chi realmente conosce l'area in questionesa bene che dal pomeriggio inizia quasi il coprifuoco. Chi come me conduce i turisti a scoprire Trani e gli altri centri storici del circondario è ben conscio del valore aggiunto apportato dai tribunali che di certo non sfugge ai turisti. Se poi riuscissimo a riqualificare l'ex Monastero degli Agostiniani (a proposito a che punto è il contenziosocon la Asl? Nessuno ne parla? ) con una sede universitaria che però funga da reale attrattore almeno per le province vicine - conclude Moselli - riuscite a immaginare cosa finalmente diventerebbe o meglio tornerebbe a essere il nostro centro storico? Spesso dico #siamosolocustodi quindi vogliamo cominciare realmente insieme a custodire e a recuperare?».
Degrado all'ex conservatorio San LorenzoDegrado all'ex conservatorio San LorenzoDegrado all'ex conservatorio San LorenzoDegrado all'ex conservatorio San Lorenzo
  • Andrea Moselli
Altri contenuti a tema
Oggi volontari in azione per ripulire l'Epitaffio della Disfida in contrada Sant'Elia Oggi volontari in azione per ripulire l'Epitaffio della Disfida in contrada Sant'Elia L'iniziativa di Andrea Moselli estesa ad amministratori e cittadini
1 #siamosolocustodi, ripulito anche quest’anno l’epitaffio della Disfida #siamosolocustodi, ripulito anche quest’anno l’epitaffio della Disfida Sul sito tra Trani e Corato il gruppo di volontari guidato da Andrea Moselli
Epitaffio della Disfida, anche quest'anno sarà ripulito dai volontari Epitaffio della Disfida, anche quest'anno sarà ripulito dai volontari Si rinnova l'appuntamento annuale di "Siamo solo custodi"
#siamosolocustodi, ripulito anche quest’anno l’epitaffio della Disfida #siamosolocustodi, ripulito anche quest’anno l’epitaffio della Disfida Sul sito tra Trani e Corato il gruppo di volontari guidato da Andrea Moselli
Di Lernia, Moselli, Laurora, Ventura, Lima e Ferrante, promossi e bocciati della settimana Di Lernia, Moselli, Laurora, Ventura, Lima e Ferrante, promossi e bocciati della settimana Le pagelle del prof. Giovanni Ronco
Omaggiato e ripulito l'epitaffio della Disfida di Barletta Omaggiato e ripulito l'epitaffio della Disfida di Barletta Andrea Moselli: «Dobbiamo essere custodi della nostra storia»
Disfida di Barletta, il campo della contesa oggi sarà pulito Disfida di Barletta, il campo della contesa oggi sarà pulito Il terreno è in territorio di Trani. Spedizione guidata da Andrea Moselli
"Racconta Storie", partono oggi le visite guidate natalizie "Racconta Storie", partono oggi le visite guidate natalizie Quattro appuntamenti con la storia di Trani nel centro città
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.