Amedeo Bottaro
Amedeo Bottaro
Politica

Gli ultimi mesi con Amedeo "nell'imbuto"

I pro e i contro del suo mandato. Un punto a favore? Il risanamento dei conti

Stanno per cominciare gli ultimi mesi del mandato di Amedeo Bottaro e della sua "ipertesa" amministrazione. Ora è in una posizione alquanto scomoda perché molta parte dell'opinione pubblica è risentita ed un po' incattivita per i tre anni e mezzo passati in una specie di pantano, con poche sortite, poche risposte ai cittadini da parte della stessa amministrazione, ed ora quasi spiazzata, l'opinione pubblica stessa, dall'attivismo febbrile, dalla smania di comunicare anche le inezie inerenti l'ordinaria amministrazione, da un presenzialismo a tutto campo da parte di chi è al governo.

Nell'imbuto finale c'è dunque una posizione scomoda e poco piacevole per il sindaco ed i suoi seguaci: come la fanno, raccolgono mugugni: se fanno molto e comunicano tutto, sono accusati di fare campagna elettorale e di strumentalizzare e sfruttare l'ultimo tragitto per fare un lungo spot. Se dovessero rallentare o non comunicare più con la smania odierna, verrebbero comunque accusati di lassismo finale, o di non saper comunicare quello che si fa . Assodato che i punti programmatici posti un anno fa si sono persi di vista e gli ultimi rimpasti sono stati l'equivalente di una bombola del gas utile a nin "schiattare".

A monte di questa situazione c'è uno scotto da pagare, una colpa originaria: nei primi anni ed in quelli centrali del mandato, l'amministrazione Bottaro non ha avviato veri programmi e politiche di carattere culturale, economico- finanziario, ma ha preferito vivacchiare e tappare le falle di volta in volta. L'unico punto a favore, oggettivo e che si può effettivamente rivendicare, è un risanamento dei conti, trovati, ad inizio mandato, in profondo rosso.

Ma non è un alibi sufficiente, quello dei conti, a giustificare il mancato avvio di ciò che questa amministrazione aveva promesso: politiche turistico- culturali, politiche economiche, stimolo alle occasioni di lavoro, svolta vera rispetto al passato. Questo ampio orizzonte è mancato e potrebbe essere, il suo raggiungimento, come uscendo da una lunga linea d'ombra, parafrasando Joseph Conrad, l'unico motivo di una ricandidatura, se la gente vorrà crederci.

Perché per il resto, abbiamo assistito a vecchie logiche politiche, tra spartizioni, uomini della destra più vecchia e accattona continuamente accontentati e pronti a ricattare ed un partito come quello democratico (la minuscola è voluta) che si mostra, a Trani, in tutto il suo anacronismo ed in tutto il suo lento disfacimento.
  • Amedeo Bottaro
Altri contenuti a tema
Quei difensori dannosi a Bottaro Quei difensori dannosi a Bottaro Mazza e panella di Giovanni Ronco
Convivenza d'istituzioni e d'idee, presentato il concept di Trani capitale della cultura 2021 Convivenza d'istituzioni e d'idee, presentato il concept di Trani capitale della cultura 2021 Bottaro: «Il nostro tema è diverso, spero sia vincente»
Amministrative 2020, il centrosinistra compatto a sostegno di Bottaro Amministrative 2020, il centrosinistra compatto a sostegno di Bottaro Ufficializzate le prime nove liste
Parco in via delle Tufare, avviati i lavori. Il sindaco: «La buona politica ha davvero vinto» Parco in via delle Tufare, avviati i lavori. Il sindaco: «La buona politica ha davvero vinto» Nei prossimi giorni cantieri aperti anche per i parchi di via Grecia e dei 5 sensi
Candidatura a capitale della cultura 2021, Bottaro: «Spero si arrivi presto ad una decisione» Candidatura a capitale della cultura 2021, Bottaro: «Spero si arrivi presto ad una decisione» Il commento del primo cittadino all'indomani dell'incontro in Provincia
Capitale della cultura 2021, Bottaro: «Candidatura dell'intera Bat con Trani Comune capofila» Capitale della cultura 2021, Bottaro: «Candidatura dell'intera Bat con Trani Comune capofila» Cannito: «Valuterò questa sua proposta con maggioranza ed opposizione»
Trani e Barletta candidate a Capitale della Cultura 2021, Bottaro: «Scelta ridicola e rischia di danneggiare entrambe» Trani e Barletta candidate a Capitale della Cultura 2021, Bottaro: «Scelta ridicola e rischia di danneggiare entrambe» Cannito: «Non devo chiedere il permesso a nessuno, non si fa sistema solo quando conviene»
Trani di nuovo sul Tg1 con l'omaggio della città a Federico Fellini Trani di nuovo sul Tg1 con l'omaggio della città a Federico Fellini Nel servizio l'incontro con Angelucci e lo spettacolo della compagnia Baccalà
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.