Porto
Porto
Vita di città

Qualità della vita 2018, la Bat è (ancora) una delle Province dove si vive peggio

Tra le ultime 10 posizioni in classifica. Per la prima volta Milano sul podio

Puntuale come ogni anno, è tornata la classifica del Sole 24 ore sulle città di Italia per qualità della vita. Dal 1990, i parametri sono gli stessi, 42 indicatori raggruppati in sei macro-aree (Ricchezza e consumi, Affari e lavoro, Ambiente e servizi, Demografia e società, Giustizia e sicurezza, Cultura e tempo libero). L'edizione 2018 racconta la vivibilità, la sicurezza e la ricchezza dei capoluoghi, attraverso una serie di dati che "consentono di rappresentare il benessere come fenomeno economico-sociale a più dimensioni".

La Provincia di Barletta-Andria-Trani, con Taranto e Foggia, è tra le ultime 10 in classifica. È una delle province, dunque, dove si vive peggio. In controtendenza - nella performance rispetto all'anno scorso - solo Lecce, che sale di 12 posizioni (al 92esimo posto), e Bari che guadagna nove posizioni.

Per la prima volta a guadagnare il podio della classifica è Milano, vorticosa smart city: poco sicura ma vivace dal punto di vista occupazionale e della spesa pro-capite per gli eventi culturali, il capoluogo lombardo condiziona in positivo anche la vivibilità delle altre province della regione. Risultati positivi anche per il Triveneto e l'estremo nord della penisola, dove spiccano Bolzano e Aosta. La mitezza del clima meridionale evidentemente non migliora la qualità della vita al Sud, soprattutto in Puglia: Taranto e Foggia sono fanalini di coda, battute in negativo soltanto da Vibo Valencia, dove la spesa pubblica per minori, disabili e anziani è molto bassa. In Calabria si respira sfiducia, soprattutto tra i giovani, e si registra un numero altissimo di imprese confiscate per infiltrazioni mafiose.
Qualità della vita 2018
    © 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.