Apatheia

Caro Silvio...

Spero che ti diano la grazia o l'affidamento al servizio sociale

Caro Silvio, spero che ti diano la "Grazia" o l'affidamento al "Servizio Sociale" o qualsiasi altra cosa che t'impedisca di entrare in carcere, perché la galera, specialmente quella italiana, non si augura a nessuno. Nell'inferno delle nostre Patrie Galere scopriresti che ci sono alcuni detenuti che si tolgono la vita perché si sta così male che preferiscono morire che vivere, perché dalla sofferenza puoi tentare di scappare, ma non puoi cancellarla. Scopriresti che dentro queste mura persino i sorrisi sanno di tristezza, perché ci sono uomini che non accarezzano da decenni le donne che amano. Scopriresti che in carcere i piedi non si alzano, si trascinano perché non si può andare da nessuna parte, c'è sempre un muro davanti a noi.


Scopriresti che molti detenuti da ragazzi non hanno mai ricevuto nessuna educazione e istruzione come invece hanno ricevuto molte persone "perbene" ladre e molti politici corrotti. Questa cosa dovrebbe essere un'attenuante per i primi e un'aggravante per i secondi, invece i delinquenti poveri e ignoranti sono sempre considerati più criminali e cattivi di quelli istruiti e ricchi. Scopriresti che un carcere che non funziona è criminogeno, ti fa sentire innocente per qualsiasi reato che hai commesso e ti dimostra che gli altri sono più cattivi di te. Scopriresti che il carcere in Italia non ha solo una funzione diseducativa, ma ti fa passare anche la voglia di vivere. Per questo sarebbe meglio una giustizia riparativa, che non aggiungere male ad altro male.

Caro Silvio, nelle nostre prigioni scopriresti che ci sono uomini ombra, murati vivi, condannati a essere cattivi e colpevoli per sempre, condannati all'ergastolo senza benefici, che non usciranno mai, fino alla loro morte fisica. Ombre che si muovono attorno al nulla aspettando la morte, osservando un mondo che non vedono e non sentono più. Scopriresti che ci sono funzionari dell'Amministrazione Penitenziaria che maltrattano i prigionieri. E poi forse alla domenica s'inginocchiano in chiesa e pregano Dio, convinti che basti pregare per essere innocenti. Scopriresti che se anche molti detenuti sono colpevoli, a differenza di molte persone perbene, hanno ancora l'anima pulita.

Scopriresti che quello che manca di più in carcere, a parte l'amore, è la fiducia dei buoni. E che in questi luoghi si vive di nulla e si pensa al nulla perché anche la speranza in questo inferno si consuma. Scopriresti che l'Assassino dei Sogni, il carcere come lo chiamano i detenuti, ti ruba l'anima, la mente, la memoria e la vita. E oltre a non funzionare, crea un essere vendicativo perché trasforma il colpevole in una vittima. Poi quando ricevi del male tutti i giorni ti dimentichi di avere fatto a tua volta.

Caro Silvio, mi dimenticavo di dirti un'ultima cosa: incredibilmente, il carcere è ancora uno dei pochi luoghi dove si può ancora sentire l'odore di umanità.

Ti auguro buona vita e di non finire in galera.
T'invio anche un sorriso fra le sbarre.
Carmelo Musumeci
Carcere di Padova, Settembre 2013

  • Inchieste Berlusconi
Altri contenuti a tema
Inter-detto tra noi Inter-detto tra noi Da oggi mi vergogno un po' meno di essere italiano
Indagine su Berlusconi, bufera sul pm Ruggiero Indagine su Berlusconi, bufera sul pm Ruggiero Non informò per tempo il procuratore Capristo: chiesta la condanna
Berlusconi, Roma chiede di archiviare l’inchiesta partita da Trani Berlusconi, Roma chiede di archiviare l’inchiesta partita da Trani «Non si può contestare l’abuso d’ufficio»
Il pm Michele Ruggiero finisce sotto processo disciplinare Il pm Michele Ruggiero finisce sotto processo disciplinare Indagò Berlusconi, il magistrato davanti al Csm
Gli orfani del caimano Gli orfani del caimano Chiaro e Tondo 197
«Berlusconiani: egoisti, falsi moralisti, incoerenti» «Berlusconiani: egoisti, falsi moralisti, incoerenti» Intervento di Rino Negrogno
La Trani ignara crede alla "San Vincenzo De' Paoli" Berlusconiana La Trani ignara crede alla "San Vincenzo De' Paoli" Berlusconiana Chiaro e tondo 194
«Chi comanda dia segni di etica, i cattivi modelli disorientano» «Chi comanda dia segni di etica, i cattivi modelli disorientano» Caso Ruby, parla l’Arcivescovo Pichierri
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.