Apatheia

I comici, la disperazione e l'alieno Sant’Orsola

La rivoluzione si può anche cominciare da Trani

Ve lo ricordate Totò? «Ma mi faccia il piacere!» Quante risate. Fa ridere ancora e farà ridere sempre. I comici di oggi che già nel pieno del loro splendore non fanno molto ridere, continuano a parlar male di Monti e Berlusconi che lo so già da me quel che sono, non ho bisogno di pagare un canone ad un servizio pubblico per poter elargire loro cospicui compensi. Se non fanno più battute su Monti e Berlusconi, dopo un po' di anni smettono di fare i comici, diventano seri anzi tristi, non fanno più ridere anzi fanno piangere. Così fanno film seri, riflessivi, depressi, tristi oppure imparano la Divina Commedia e ce la spiegano. Nei casi più gravi, più disperati, diventano politici anzi messia ed in questi casi fanno di nuovo ridere, almeno all'inizio, parlano di nuovo di Monti e di Berlusconi - infatti i loro comizi non sono altro che spettacoli gratis - poi si ammalano di purezza, divismo, diventano gli unici possessori della verità e dell'onestà, sono quasi unti e anche loro non fanno più ridere e, quel che è peggio, siccome lo spettacolo è gratis, riempiono le piazze come se questa caratteristica fosse le misura del bene, come se poi non esistessero anche i piazzali che si riempiono come le piazze.

L'ospedale chiude, le aziende chiudono, i giovani hanno poche speranze di trovare un posto di lavoro, pura fantascienza è pensare ad un lavoro adatto alle loro competenze e quando ci riescono siccome la domanda è spropositata rispetto all'offerta, il ricatto storico della revisione dei diritti del lavoratore in cambio della speranza, il ricatto della disperazione e della paura distrugge silenziosamente i diritti conquistati in secoli di lotte. La nostra nazione muore uccisa a volte dall'incapacità dei politici ma più spesso dalla loro avidità cosicché, per soddisfare i loro interessi personali diventano complici di un sistema, quello capitalistico, che si perpetra inarrestabile quasi come la volontà cieca di Schopenhauer. Questi politici, approfittando della fame, della disperazione del popolo, possono ormai "convincere" con pochi "discorsi" a dar loro il voto, la disperazione spinge il popolo a credere che sia meglio un "discorso" da mettere nel piatto oggi che una rivoluzione domani. Così, infatti, i politici son sempre gli stessi con le loro facce satolle e sardoniche. La nostra città muore ed è tra le prime a morire, basta guardarla, all'ombra del "campanale" che ancora scalda il cuore dei nostri vecchi, un panorama poco entusiasmante, già mi vedo, nei primi mesi caldi, rotolare sospinti dal vento, dei tumbleweed o rotolacampo (pianta erbacea, la salsola, il cui cespuglio, seccato dal sole, rotola nei deserti) in viale Padre Pio dove un tempo era quasi un sogno parcheggiare una bici, in via Barletta dove un tempo camion carichi di merce ti costringevano a procedere a passo d'uomo, in via Andria dove un tempo si sentiva l'odore della colla. Stesso deserto la scena politica. Chi votare? Non votare? L'ho già detto, i comici non mi fanno ridere, mi rendono triste, ai monti preferisco il mare, preferisco la stabilità del lavoratore a quella delle banche, preferisco il sudore al pianto brutto e preficale, alle favole del buontempone preferisco la prigione (non mia).

A Trani il candidato più in alto in posizione è Santorsola, 12° in SEL, 12° in così pochi mesi di avventura politica. La posizione anche se definita di non eleggibilità, mi fa pensare che SEL stia costruendo qualcosa di serio per/con Santorsola. SEL non è il mio partito e molte scelte non le condivido ma solo un alieno, come l'ha felicemente chiamato il professor Ronco, poteva in così poco tempo piazzarsi così. Sant'Orsola, non è un alieno ed io lo conosco bene avendoci lavorato insieme, è una persona per bene che disinteressatamente ed appassionatamente, così come fa da sempre il suo lavoro, vuol fare una piccola rivoluzione. Certo, io non dovrei parlare così, da trotzkista, guevarista e soprattutto internazionalista quale sono, ora mi metto a votare il tranese solo perché è tranese. Si ma che tranese! Lo avevate mai visto un consigliere comunale così? Abbiamo il dovere di dare un futuro ai nostri figli, possiamo fare i nichilisti a vent'anni non con l'affanno.

La rivoluzione si può anche cominciare da Trani, saltando sui banchi per farsi sentire.
  • Domenico Santorsola
  • Elezioni politiche 2013
Altri contenuti a tema
Contrasto alla ludopatia, Santorsola in Commissione sanità: «La discussione entro un mese» Contrasto alla ludopatia, Santorsola in Commissione sanità: «La discussione entro un mese» Ed aggiunge: «Su questa legge saremo fermi: è una piaga sociale che va combattuta senza se e senza ma»
Ludopatia, Santorsola: «Il Consiglio regionale non deve fare nessun passo indietro» Ludopatia, Santorsola: «Il Consiglio regionale non deve fare nessun passo indietro» Il consigliere contro l'ipotesi di procrastinare l'entrata in vigore della legge
Edilizia scolastica regionale, Santorsola: «A Trani, interventi immediatamente finanziabili» Edilizia scolastica regionale, Santorsola: «A Trani, interventi immediatamente finanziabili» Il consigliere regionale: «Un importante risultato, al di là delle sterili polemiche e delle inutili critiche»
Norme contro le discriminazioni di genere, Santorsola: «Approderà presto in Consiglio regionale» Norme contro le discriminazioni di genere, Santorsola: «Approderà presto in Consiglio regionale» Tra gli obiettivi la prevenzione del bullismo motivato dall'orientamento sessuale
In pochi giorni due segnalazioni importanti, superata la sufficienza per il consigliere Lima In pochi giorni due segnalazioni importanti, superata la sufficienza per il consigliere Lima Da Trani religiosa a Mimmo Santorsola tutti i voti della settimana di Giovanni Ronco
Ospedale di Trani, Santorsola: «Termine ultimo per attuare il protocollo, settembre» Ospedale di Trani, Santorsola: «Termine ultimo per attuare il protocollo, settembre» Il consigliere regionale sul nuovo assetto del San Nicola all'indomani dell'incontro con Emiliano
Chiudono i punti di primo intervento, Santorsola: «Le Asl devono rispettare l'accordo» Chiudono i punti di primo intervento, Santorsola: «Le Asl devono rispettare l'accordo» Il consigliere regionale: «Emiliano pensi alle strutture compensatorie»
Raccolta differenziata, Santorsola: «La Regione ha fatto la sua parte» Raccolta differenziata, Santorsola: «La Regione ha fatto la sua parte» Il consigliere regionale risponde alla critiche mosse durante l'ultimo Consiglio comunale
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.