Apatheia

Il barbone della stazione

Il barbone è uno come tanti, senza un posto dove andare, senza sogni

Al tramonto s'incamminava lentamente verso la stazione ferroviaria trascinando i suoi piedi gonfi, dentro scarponi smangiati da marciapiedi senza fine, i suoi capelli lunghi e crespi s'indoravano al crepuscolo arrotolandosi come una sciarpa di seta adagiata sulla giacca marrone di velluto. Portava a tracolla uno zaino rattoppato da dove fuoriusciva una bottiglia di plastica piena di vino e una coperta di lana marrone come quelle delle caserme e degli ospedali. Giunto alla stazione stropicciava i suoi occhi intorpiditi dalla luce gialla della sala attesa, racimolava dei mozziconi abbandonati da viaggiatori frettolosi, pensava ai suoi che erano rimasti immobili dietro le palpebre e facevano bene a vergognarsi di lui, pregava perché non finissero male e bestemmiava il freddo che tra le rotaie e nelle sale d'attesa corre già a settembre. Finalmente era sulla sua panchina, gli sembrava un salotto come tanti, solo senza pareti, un saluto ed un brindisi senza occhi con i compagni di tante notti intermittenti, le pietre riflesse e sfocate sui finestrini dei rapidi in transito che volano via come la speranza giorno dopo giorno. Il vino è finito non resta che aggranchirsi sotto la coperta troppo corta e vedere come passa un'altra notte e se i piedi si sgonfieranno almeno un po' fino a domani. Ascolta. I cani passano leggeri fiutando valige reboanti e le zanzare sul soffitto restano incerte ma senza bisogno di nascondersi. Il barbone è un poeta come tanti, senza le parole, senza il tempo, solo con lo sguardo e solo con la sua barba.

Questa notte la stazione è chiusa perché il barbone è sporco e non è piacevole da guardare, poi, la stazione è dei viaggiatori, è dei treni in ritardo, di quelli zeppi che non ti fanno respirare, è dei treni che non si fermano più. Il barbone resta immobile insieme ai suoi compagni per qualche minuto dinanzi al cancello chiuso come per loro chiuso è sempre stato il mondo, con la sua fretta da barba rasata e dopobarba ogni mattina. Si guardano, vanno via in silenzio. Peppino riamane un passo indietro, si domanda: "Ma come non dicono niente? Va bene per me che sono qui un po' per scelta un po' per caso. Ma Giovanni che è qui perché ha perso il lavoro e Vincenzo che ha perso la casa. Non dicono niente?" Poi va via anche lui, con quella rassegnazione tipica di chi conta i sassi tra le rotaie. "Ci sarà qualcuno che si preoccuperà per loro" pensa già distratto. Il barbone è uno come tanti, senza un posto dove andare, senza sogni, solo con se stesso e solo con la sua barba.
  • Stazione di Trani
Altri contenuti a tema
Rete ferroviaria, la stazione di Trani inserita nel circuito Sala Blu Rete ferroviaria, la stazione di Trani inserita nel circuito Sala Blu Dal 10 dicembre servizi dedicati alle persone con disabilità e a ridotta mobilità
Stazione, arrivano i nuovi ascensori. Bottaro: «Ora tocca al cittadino custodirli» Stazione, arrivano i nuovi ascensori. Bottaro: «Ora tocca al cittadino custodirli» Saranno attivi tutti i giorni, dalle 6 alle 22. C'è anche la rete wifi pubblica
Stazioni di Trani, Bisceglie e Molfetta: più accessibili e tecnologiche Stazioni di Trani, Bisceglie e Molfetta: più accessibili e tecnologiche Ascensori, monitor e rete Wi-fi con un investimento di 9 milioni
2 Stazione di Trani, spariscono gli impianti pubblicitari abusivi Stazione di Trani, spariscono gli impianti pubblicitari abusivi Niente più totem dopo i controlli della polizia locale
Basta ai viaggi della speranza, il M5S lancia la petizione Basta ai viaggi della speranza, il M5S lancia la petizione Oggi la raccolta firme in stazione
1 De Leonardis, Vigor e Scagliarini promossi, non mancano i bocciati De Leonardis, Vigor e Scagliarini promossi, non mancano i bocciati Le pagelle del prof. Giovanni Ronco
24 Sul treno senza biglietto: giovane migrante sferra pugno al capotreno Sul treno senza biglietto: giovane migrante sferra pugno al capotreno Il fatto è accaduto questa mattina nella stazione di Trani
Stazione, installati gli ascensori. Ma è scomparso il verde Stazione, installati gli ascensori. Ma è scomparso il verde Rfi: «Eliminati solo alberi che interferivano con la sicurezza ferroviaria»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.