Apatheia

Leucemie, record nella morente BT

Investire denaro e personale per la prevenzione

La leucemia è un tumore delle cellule del sangue ed è causato da una proliferazione incontrollata delle cellule staminali che si trovano nel midollo osseo. Può essere di forma acuta o cronica. La forma acuta si manifesta soprattutto nei primi dieci anni di vita mentre quella cronica si diffonde maggiormente dopo i quarant'anni fino a raggiungere picchi di più elevata insorgenza intorno agli ottant'anni. La sopravvivenza, nelle forme acute, è molto bassa.

Con delibera n.880 del 12 maggio 2010 la Direzione Generale della Asl BT ha istituito il registro tumori. Lo scopo di questo registro è di rilevare tutti i nuovi casi di tumori, diagnosticati nella BT, dal 2006 al 2008 così da poter avere una mappa completa dei dati di incidenza della patologia tumorale, degli indici di prevalenza e di sopravvivenza, capire quanti individui sviluppano il cancro dalla prima comparsa dei sintomi. Dai dati del 2006 di questo registro, anche se si tratta di dati preliminari e non definitivi, si evince che i malati di leucemia nella BT, sia tra i maschi che tra le donne, dovrebbero essere superiori a quelli registrati non solo nelle altre parti della Puglia ma anche nelle altre regioni del nord. Ma anche se non dovessimo detenere questo doloroso record i dati sono comunque allarmanti.

Vogliamo parlarne?

Le cause che provocano la leucemia non sono ancora del tutto chiare, si parla solo di fattori di rischio e tra questi ne cito solo alcuni: le radiazioni ionizzanti, il benzene che è presente nel petrolio e nella benzina ed è stato parecchio utilizzato in passato come solvente per vernici, il fumo di sigaretta, alcune malattie dove vi sono delle mutazioni genetiche.

Non essendo un oncologo né uno studioso non ho la pretesa di entrare nel merito per quanto concerne l'eziologia di questa grave malattia. Ciò che mi preme è il dato sconcertante che emerge dal registro tumori della BT: siamo tra i primi posti, abbiamo anche questo triste primato. Non sono uno studioso ma sono un padre ed ho, dopo aver appreso questa notizia, una paura fottuta.

Cosa possiamo fare?

Il nostro compito, come cittadini, come padri e come madri, deve essere, senza esitazioni, quello di invitare i nostri governanti, i nostri sindaci ad investire nella ricerca per migliorare la prognosi, ma soprattutto nello studio delle possibili cause, nell'analisi di dati certi per capirne l'incidenza città per città, nel promuovere il monitoraggio continuo per capire perché nella nostra terra c'è un'incidenza maggiore di questo fenomeno, capire cosa non ha funzionato e cosa non funziona. Dobbiamo pretendere che venga investito denaro e personale per la prevenzione. Dobbiamo far presto, dobbiamo parlarne, dobbiamo combattere per i nostri figli.
  • Asl Bat
  • Salute
Altri contenuti a tema
Bufera nella Procura di Lecce, finisce ai domiciliari anche l'ex direttore generale Asl Bat Ottavio Narracci Bufera nella Procura di Lecce, finisce ai domiciliari anche l'ex direttore generale Asl Bat Ottavio Narracci Coinvolti magistrati e primari. L'accusa è di corruzione in atti giudiziari
Liste d’attesa, sanità e prevenzione nella Bat: incontro con il dirigente Delle Donne Liste d’attesa, sanità e prevenzione nella Bat: incontro con il dirigente Delle Donne Oggi focus sullo stato d’attuazione del protocollo d’intesa tra Cgil, Cisl, Uil e Asl Bat
Asl Bat, contratti in scadenza per infermieri: i sindacati chiedono proroghe Asl Bat, contratti in scadenza per infermieri: i sindacati chiedono proroghe Appello al presidente Emiliano e a Delle Donne. Pronti alla mobilitazione
Stabilizzazioni Asl Bat, Fp Cgil: «Che fine fanno gli operatori rimasti fuori?» Stabilizzazioni Asl Bat, Fp Cgil: «Che fine fanno gli operatori rimasti fuori?» Esubero di 160 infermieri, preoccupazione da parte della segreteria provinciale
Cup Asl Bat: a breve il potenziamento del servizio su tutto il territorio Cup Asl Bat: a breve il potenziamento del servizio su tutto il territorio Previsti miglioramenti nei servizi di prenotazione e call center
Stabilità per i lavoratori Asl, felice la senatrice di Barletta Messina Stabilità per i lavoratori Asl, felice la senatrice di Barletta Messina «Dopo tanti anni di lavoro precario, in tempi come questi la notizia è doppiamente importante»
Assunzione precari Asl/Bt, Zinni (ESP): «Oggi è il momento di esultare» Assunzione precari Asl/Bt, Zinni (ESP): «Oggi è il momento di esultare» La soddisfazione del consigliere regionale per la stabilizzazione di 103 dipendenti
1 Una firma che vale una vita: addio precariato per 103 dipendenti dell'Asl Bat Una firma che vale una vita: addio precariato per 103 dipendenti dell'Asl Bat Grande festa al San Nicola di Trani. Michele Emiliano: «Giornata storica»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.