Chiaro e Tondo

Chi sbaglia non paga

Chiaro e Tondo 99

Una volta l'economista Tito Boeri, altro rappresentante delle cosiddette "elites di merda", come le ha definite il raffinatissimo ministro "conte" Brunetta, scrisse che le amministrazioni di governo incapaci di gestire i conti al meglio, incapaci di tenerli in attivo, dovrebbero sottostare ad una nuova legge, un meccanismo nuovo e "automatico", che le faccia immediatamente decadere nel momento in cui questo accadesse, permettendo ai cittadini di scegliersi politici in grado di tenere quei conti in ordine.

Cosa direbbe Boeri se leggesse le ultime peripezie, ricostruite in modo spietato da stampa e opposizione (vedi ultima nota di Nicola Sandokan Cuccovillo) e purtroppo veritiero, le contorsioni e le scivolate su varie bucce di banana delle nostra amministrazione comunale, proprio su questi benedetti conti? Se quel meccanismo fosse in vigore credo che a Trani avremmo dovuto votare un paio di volte all'anno … Altro che continuare a chiedersi per un anno, anzi due, come degli ebeti: "Ma il debito c'è oppure no?" Altro che andare una decina di volte in tv con barbe incolte e visi tesi e paonazzi (vedi vari rappresentanti dell'opposizione) a ripetere in trasmissioni fiume che l'amministrazione Tarantini aveva sperperato bellamente. Con un bel taglio e zac e via, in caso di conti in disordine o losche società di servizi speciali (attenti con queste espressioni riconducibili all'altro Tarantini, quello barese), ci saremmo risparmiati un sacco d'inchiostro, tempo e fatica.

Mi chiedo come mai la società italiana riservi tanta severità e controllo in caso di questioni finanziarie in altri ambiti, piuttosto che in quello politico-amministrativo nel quale, il "meccanismo Boeri", molto probabilmente, per ovvi motivi, non verrà mai adottato.

Molti dirigenti scolastici, ad esempio, in nome della quadratura dei conti annuale, pena il loro allontanamento o sospensione dall'incarico, hanno da tempo rinunciato alla loro funzione educativa, trasformandosi in pignolissimi manager, che, per non sforare sul bilancio, temendo di perdere la poltrona, risparmiano anche sulla carta igienica e non autorizzano un'ora in più di un progetto didattico, per non pagarlo di più. Tanto per fare un esempio. Alle amministrazioni politiche pizzicate col debito in saccoccia, tutto, prima o poi, si perdona. O si dimentica. O si fa dimenticare, agli elettori, in special modo, con sapiente uso di media e varie amenità. Parafrasando Brunetta e, per esigenze di finale, scendendo al suo livello lessicale, concludo dicendo. "Che sistema politico di merda!". Chi sbaglia non paga.
  • Politica
Altri contenuti a tema
Andrea Cozzolino eletto ancora parlamentare europeo per il Pd, Biancolillo: «Auguri di buon lavoro» Andrea Cozzolino eletto ancora parlamentare europeo per il Pd, Biancolillo: «Auguri di buon lavoro» Il componente direzione provinciale Pd della Bat ringrazia amici e simpatizzanti che hanno sostenuto la candidatura
La politica dei "crepati" La politica dei "crepati" Mazza e panella di Giovanni Ronco
Si presenta alla città la lista civica Trani Sociale Si presenta alla città la lista civica Trani Sociale Nella sala del circolo Walter Tobagi si è tenuto il primo incontro cittadino
Le vite parallele dei sindaci indagati Le vite parallele dei sindaci indagati A quando una Trani senza troppi lacci politici esterni e capace di camminare sulle sue gambe?
Roberto Gargiuolo candidato sindaco? Roberto Gargiuolo candidato sindaco? Ritorno di fiamma forte da parte di più d'un partito del centro destra tranese
Carlo Laurora nel CDA del Gal, privati volenterosi e Amet: le pagelle Carlo Laurora nel CDA del Gal, privati volenterosi e Amet: le pagelle I voti della settimana di Giovanni Ronco
Amministrative 2020, domenica la presentazione della lista civica "Trani Sociale" Amministrative 2020, domenica la presentazione della lista civica "Trani Sociale" Esposizione del programma elettorale e del coordinatore cittadino
Sergio De Feudis: «Dopo 5 anni il giudice mi ha dato ragione» Sergio De Feudis: «Dopo 5 anni il giudice mi ha dato ragione» L'ex assessore e dipendente comunale: «La crudeltà viaggia sempre con il biglietto di ritorno in tasca»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.