Dr Hauze

Irregolarità? No, illegalità

Dottor Hauze 72

In questi giorni, mentre prosegue il teatrino della politica sull'individuazione dei candidati a sindaco (primarie si, primarie no, candidati giovani o candidati esperti, candidati provenienti dai partiti o candidati della società civile, con tutte le variazioni sul tema), i problemi della città continuano a rimanere tutti, tanto che ormai, più che partecipanti ad un teatrino, i politici sembrano assomigliare sempre più all'orchestra del Titanic, che continuava imperterrita a suonare, mentre la nave stava affondando.

Ho avuto modo di leggere le ultime dichiarazioni del sindaco, il quale ha dichiarato di preferire le accuse di irregolarità alle accuse del non far niente. In verità sull'amministrazione comunale sono piovute entrambi i tipi di contestazione, dato che a Trani, in verità, si agisce poco e male. Poco, perché le incompiute tranesi sono talmente tante che solo ad elencarle si potrebbe quasi scrivere un libro (strade dissestate, opere pubbliche incompiute, appalti in perenne regime di proroga, lavori pubblici più volte annunciati e mai cominciati). Male, perché ormai non c'è quasi deliberazione o determinazione che non venga contestata perché irregolare o addirittura illegale. E qui occorre aprire una parentesi: il sindaco parla di irregolarità, ma spesso siamo di fronte a vere e proprie illegalità. La differenza non è affatto di poco conto. Qualche sporadica irregolarità si può considerare come peccato veniale, ma se le irregolarità diventano frequenti, allora ciò è un palese sintomo, nella migliore delle ipotersi, di inefficienza della macchina amministrativa comunale, cui si deve porre necessariamente e prioritariamente rimedio.

Ancor più gravi sono le situazioni di vera e propria illegalità di taluni atti amministrativi, che il più delle volte, nella migliore delle ipotersi, portano a danni patrimoniali per le casse comunali. Ed ancora più grave è la politica dello struzzo attuata da questa amministrazione, che di fronte a circostanziate segnalazioni di irregolarità e illegalità, anziché porvi rimedio nelle forme previste dalla legge, persevera nei propri errori, senza far nulla ed anzi bollando come strumentali le critiche che vengono formulate da più parti.

Che le accuse non siano sempre e solo strumentali, è dimostrato da alcune recenti provvedimenti o dichiarazioni politiche. Sulla vicenda Ici, la giunta ha approvato un preciso atto di indirizzo, peraltro non ancora pienamente recepito dal nuovo dirigente, che pure ha relazionato sulla vicenda. Non spetta a me valutare se vi siano responsabilità nella gestione degli accertamenti Ici, tuttavia ritengo che alcune domande siano lecite: è normale che praticamente tutti gli anni ci si riduca a notificare gli accertamenti Ici a ridosso del termine di prescrizione e forse anche oltre? È normale che il Comune di Trani non disponga di una banca dati tributaria aggiornata, sia in relazione ai beni soggetti a tassazione, sia in relazione alla titolarità di tali beni, sia in relazione agli indirizzi dei contribuenti?

Ancora. Sulla vicenda Contratto di quartiere, dopo il convegno tenuto da Forza Trani, l'amministrazione comunale si è affrettata a chiedere nuove polizze fidejussorie ai soggetti attuatori, ma a due mesi e mezzo da tale richiesta, non solo i soggetti attuatori non hanno provveduto, ma, cosa ancora più grave, l'amministrazione comunale non ha provveduto a revocare le convenzioni sottoscritte. Tant'è! Invito inoltre il caro consigliere Corrado, che ha riconosciuto, sia pure in parte, la fondatezza di quanto da tempo sostenuto sul Contratto di quartiere, di approfondire le cause per le quali taluni soggetti attuatori, che pure hanno incamerato cospicue caparre, non hanno ancora avviato la costruzione degli edifici in edilizia convenzionata. Come pure lo invito a maggior prudenza sui tempi di avvio delle opere pubbliche previste dal Contratto di quartiere, atteso che non risultano ancora acquisite, se non in minima parte, le aree per le urbanizzazioni secondarie, e non risultano ancora pubblicati i bandi per appaltare le opere pubbliche in questione. Per cui…

Concludo infine con un paio di domande veloci, veloci: che ne è stato del piano degli impianti pubblicitari? Ed a che punto è la rimozione degli impianti abusivi? Quanto si dovrà ancora aspettare perché Amet attivi, finalmente, i parcheggi a pagamento (possibilmente conformi alle prescrizioni del codice della strada, se non è chiedere troppo)?

E per questa volta è sufficiente. Hauze.
Nel Comune di Trani a che serve a tutt'oggi un nutrito ufficio per gli invalidi civili? La competenza in materia è da oltre un anno passata all'Inps. Inoltre, addirittura, il 31 marzo, cesserà il necessario collegamento informatico. E allora? Cosa si intende fare dei dipendenti? Boh! E se l'ufficio doveva da tempo essere eliminato, perché è stata fatta la targa che pare costi 100 euro? Poveri soldi nostri!
  • Contratto di quartiere II
  • Cartelli pubblicitari
  • ICI e IMU
Dr Hauze

Dr Hauze

La rubrica a firma di Roberto Visibelli

Indice rubrica
Altri contenuti a tema
7 Quartiere Sant'Angelo, pubblicato l'avviso per l'assegnazione di 23 alloggi Quartiere Sant'Angelo, pubblicato l'avviso per l'assegnazione di 23 alloggi Saranno affidati a nuclei famigliari disagiati con non più di tre persone
5 Selva di pali in città: nuovi cartelloni pubblicitari abusivi? Selva di pali in città: nuovi cartelloni pubblicitari abusivi? Sono comparsi a decine dal centro alla periferia
La pubblicità in città tra cartelloni abusivi e contratti scaduti La pubblicità in città tra cartelloni abusivi e contratti scaduti La denuncia di un cittadino: «Troppi impianti vecchi e pericolosi»
"Sparito" l'impianto pubblicitario pericoloso sulla provinciale Trani-Andria "Sparito" l'impianto pubblicitario pericoloso sulla provinciale Trani-Andria Dopo la nostra segnalazione qualcosa si è mosso
Settimana "nera" per Trani, tante insufficienze nelle pagelle del prof. Ronco Settimana "nera" per Trani, tante insufficienze nelle pagelle del prof. Ronco Si salva solo Annacondia. Poi contratto di quartiere, romeno "tranese", Luciana Capone e casa Bovio
Contratto di quartiere, bando pubblico per assegnare gli alloggi Contratto di quartiere, bando pubblico per assegnare gli alloggi Sono 23 gli immobili che il Comune darà in locazione
Contratto di quartiere, cinque indagati: due ex dirigenti comunali e tre imprenditori Contratto di quartiere, cinque indagati: due ex dirigenti comunali e tre imprenditori Truffa, abuso d’ufficio e corruzione le ipotesi del pm Ruggiero
Contratto di Quartiere, Trani#ACapo all'attacco dell'amministrazione comunale Contratto di Quartiere, Trani#ACapo all'attacco dell'amministrazione comunale Ennesima denuncia da parte del movimento sugli oneri aggiuntivi
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.