Michele Di Gregorio
Michele Di Gregorio
Inbox

Caso rifiuti chemioterapici, ecco la “verità” dell’assessore Di Gregorio

In una nota la ricostruzione di quanto accaduto che discolpa l’Amiu e l’Amministrazione

Di seguito pubblichiamo integralmente la nota dell'assessore all'ambiente Michele Di Gregorio in risposta ad un comunicato stampa inviatoci dalla consigliera comunale del movimento Trani a Capo, Mariagrazia Cinquepalmi. Nella nota l'assessore ricostruisce molto precisamente quanto avvenuto ma dimentica di usare il "garbo istituzionale" che solitamente si addice a chi ricopre questo tipo di ruoli. Da parte della testata giornalistica Traniviva, che è stata la prima e unica a riportare questa notizia, non c'è mai stata la volontà di effettuare una "caccia alle streghe" nei confronti né dell'assessore Di Gregorio né dell'intera Amministrazione comunale né di Amiu. La notizia da noi pubblicata non riportava falsità in quanto, come detto dallo stesso assessore, il caso è realmente esistito seppur non imputabile ad Amiu che però è stata comunque costretta ad intervenire. Detto ciò vi invitiamo a leggere attentamente la nota di seguito che riporta molto puntualmente la ricostruzione dell'accaduto.

«Oramai è certo l'onestà intellettuale non è dote di tutti. Ad agosto una testata giornalistica locale, richiamando una "fonte attendibile" (per chi?) ha diffuso la notizia che"…Alcuni mezzi dell'AMIU di Trani sarebbero stati bloccati e tenuti sotto osservazione dopo che il rilevatore di radiazioni avrebbe segnato il valore del 102% su rifiuti chemioterapici trasportati negli stessi camion tranesi dell'AMIU".

Nel comunicato si continuava ancora così: "..Da oggi abbiamo un nemico in più contro il quale combattere per la difesa della nostra salute: i rifiuti chemioterapici e le conseguenti radiazioni".
La lettura dell'"articolo" dava adito ad una unica interpretazione: I mezzi dell'Amiu trasportano illecitamente rifiuti chemioterapici esponendo i cittadini ed i lavoratori alle radiazioni. AMIU e l'amministrazione non vogliono che si sappia niente.

Oggi a distanza di mesi sui maledetti social riappare la notizia in cui si riparla di "mezze verità" e si parla invece di "rifiuti contaminati" con lo sberleffo dell'autore dell'articolo che con molto autocompiacimento si dice "..forte di quello che dicevo e riferivo ai lettori..", affermando di avere reso "..informazione veritiera e utile in esclusiva…Utile per la tutela della salute dei Tranesi!" e di "..non temere smentite…". Errare è umano, perseverare è diabolico! La notizia data "in esclusiva" era, è e rimane completamente falsa. Amiu non ha mai trasportato rifiuti speciali chemioterapici, ne' qualsiasi altro tipo di rifiuto speciale!

La verità, come già ad agosto trasparentemente comunicata a smentita della informazione falsa di agosto, è questa: tutti i mezzi di tutte le ditte che conferiscono rifiuti solidi urbani in tutti gli impianti della Puglia all'ingresso dell'impianto passano al di sotto di un portale per la rilevazione delle anomali radiometriche.

Orbene è capitato che il giorno 2 maggio a seguito delle segnalazioni di anomalia radiometrica i carichi del mezzo di AMIU sono stati ispezionati dall'esperto qualificato della CISA che ha identificato anomalie radiometriche come originate dall'isotopo Iodio (I131). Il giorno 7 maggio sono state effettuate dalla ditta incaricata dall'AMIU, con il coordinamento dell'esperto di CISA, le operazioni di identificazione recupero e confezionamento delle sorgenti radioattive contenute nel mezzo di AMIU.

E' stato accertato che "..le anomalie radiometriche sono risultate causate da un sacchetto contenente rifiuti domestici probabilmente prodotti da pazienti sottoposti a terapia metabolica o a diagnostica e risultati contaminati da IODIO 131."Tutti i rifiuti contaminati sono stati confezionati in sacchi di plastica chiusi e inseriti in un fusto che è stato sottoposto a verifiche radiometriche per determinare il rateo di dose emesso e poi, verificata l'assenza di contaminazione esterna, trasportato al deposito autorizzato. Il restante materiale, è stato attentamente misurato e verificata la inesistenza di anomalie radiometriche smaltito regolarmente dopo che anche il mezzo era stato sottoposto nuovamente al controllo del portale.

Per gli audaci riportiamo i valori: valori del peso del fusto confezionato Kg 1,420 – dose misurata a contatto 1,16E-03 – dose misurata ad un metro 0,80E-04 – stima di attività di I131 presente 1,20E-03 – concentrazione apparente espressa in Bq/g 1,23E+04. Si tratta di valori bassissimi. Il valore del 102% riportato da dove è uscito?

In sostanza è successo, come altre volte e come succede per tutte le aziende che raccolgono RSU, che nel cassonetto stradale, incautamente, qualcuno ha conferito oggetti (fazzoletti, magliette, scarpe etc) utilizzati da persone che seguono i protocolli medici oncologici e non rifiuti chemioterapici, come falsamente affermato, che invece seguono per legge procedure di smaltimento specifici.

Amiu non ha mai trasportato rifiuti chemioterapici nè ha mai fatto traffico illecito di rifiuti ne' l'amministrazione ha mai voluto nascondere chissa' quale oscuro fatto.Chi assume vesti censorie e titoli fuori luogo dovrebbe avere il dovere ed il buon senso di dare corrette informazioni e soprattutto non usare mai il condizionale (già di per sè sintomo di incertezza). Chi invece fa politica dovrebbe avere la pazienza di leggersi bene le carte ed evitare di offendere. Piango per tanta sciatteria ma con la forza di una coscienza pulita».
  • Michele Di Gregorio
Altri contenuti a tema
Sversamento di percolato, Di Gregorio: «Non ci sono prove che l'insozzamento sia stato causato da mezzi Amiu» Sversamento di percolato, Di Gregorio: «Non ci sono prove che l'insozzamento sia stato causato da mezzi Amiu» La verità dell'assessore dopo la denuncia della consigliera Barresi
Camion tranese e manici di scopa Camion tranese e manici di scopa Mazza e panella di Giovanni Ronco
5 Deiezioni canine in città: il Comune di Trani sottoscrive una convenzione con l'Oipa Deiezioni canine in città: il Comune di Trani sottoscrive una convenzione con l'Oipa L'assessore Di Gregorio: «Stanco di ricevere continue lamentele della cittadinanza»
Cava fumante e discarica, Di Gregorio risponde a Trani a Capo: «Solo chiacchiere e pettegolezzi» Cava fumante e discarica, Di Gregorio risponde a Trani a Capo: «Solo chiacchiere e pettegolezzi» L'assessore: «Si sta lavorando per porre rimedi a disastri provocati da altri»
Addio sosta selvaggia in via Pola, installati i paletti contro gli incivili Addio sosta selvaggia in via Pola, installati i paletti contro gli incivili Palmieri (Uildm): «Ringraziamo quando un amministratore si adopera per risolvere un problema»
3 Tutte le "insufficienze" della politica di questa settimana, si salvano in due Tutte le "insufficienze" della politica di questa settimana, si salvano in due Le Pagella del prof. Giovanni Ronco
Cava fumante a rischio esplosione, Di Gregorio: «Stiamo programmando la bonifica» Cava fumante a rischio esplosione, Di Gregorio: «Stiamo programmando la bonifica» Ma precisa: «Intervento delicato, sbagliare potrebbe causare danni»
Mobilità casa-scuola, Trani beneficiaria di 200mila euro Mobilità casa-scuola, Trani beneficiaria di 200mila euro Tra i progetti anche la realizzazione di una pista ciclabile in via Falcone
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.