Inbox

Il torrone natalizio a due facce

Lettera di Federico Pilagatti, segretario regionale Sappe

Mi permetto di intervenire per offrire qualche spunto di riflessione inerente la vicenda del torrone offerto ai detenuti ristretti nel carcere di Trani nelle festività natalizie. Tale precisazione si rende necessaria, poiché a nostro parere, pubblicizzando delle lettere dei familiari dei detenuti, senza conoscere le dinamiche di una struttura penitenziaria, si distorce la realtà, offrendo un immagine negativa dell'intera organizzazione.

In primo luogo vogliamo rammentare che un carcere è un posto ove, secondo le leggi italiane, vengono rinchiusi i soggetti che si sono macchiati di reati, in alcuni casi, assai gravi per scontare delle pene. In questo contesto, in ossequio a quanto previsto dalla costituzione italiana, vengono fatti enormi sforzi da parte di tutti gli operatori che lavorano all'interno del carcere, per offrire occasioni di reinserimento dei detenuti, una volta scontata la pena.

Il sistema carcere perciò ha delle regole molto precise poiché mentre da una parte deve cercare di reinserire il detenuto, dall'altra deve garantire sicurezza, rispetto dei diritti e delle leggi. Per questo si rimane sconcertati nel leggere che grazie ad un intuizione di un detenuto (peraltro molto pericoloso) si è potuto offrire del torrone ai familiari dei detenuti, durante le festività natalizie.

Come innanzi detto, il percorso di rieducazione non nasce da intuizioni di detenuti, ma da regole ben precise portate avanti da educatori, assistenti ecc.ecc. che sono demandati proprio a questi compiti. A trani invece tutto ciò non sarebbe avvenuto, poiché abbiamo notizia che a seguito di ciò, l'amministrazione regionale avrebbe disposto delle indagini per verificare tutta una serie di violazione che avrebbero addirittura messo a repentaglio la sicurezza del carcere.

Certo possiamo immaginare che per i familiari dei detenuti l'offerta del torrone sia stato un fatto positivo, e lo crediamo anche noi, anche se pensiamo che i vertici del carcere abbiano il dovere e l'obbligo di far fare alcune attività nel rispetto delle leggi. Peraltro se grazie sempre all'intuizione di qualche detenuto, con l'aiuto dei vertici del carcere, si fosse offerta la possibilità a tutti i detenuti di trani di passare il natale con le loro famiglie, pensiamo che tutti sarebbero stati ancora più contenti. Purtroppo ciò non è possibile per cui sarebbe auspicabile, ogni qual volta si parla di carcere, di valutare in maniera responsabile eventuali comunicazioni, poiché talune questioni potrebbero avere sfaccettature diverse quelle prospettate.


Federico Pilagatti (segretario regionale Sappe)
  • Carcere di Trani
Altri contenuti a tema
Ancora violenza nel carcere di Trani: poliziotto insultato e colpito con schiaffi e pugni Ancora violenza nel carcere di Trani: poliziotto insultato e colpito con schiaffi e pugni Il Sappe denuncia: «Chiediamo che al personale vengano dati in dotazione spray urticanti e taser»
Sicurezza in Puglia, il M5S chiede «Nuove tecnologie e stanziamenti per rafforzare le carceri» Sicurezza in Puglia, il M5S chiede «Nuove tecnologie e stanziamenti per rafforzare le carceri» La proposta della senatrice coratina pentastellata, capogruppo in commissione Giustizia
"Mad(r)e in carcere", per la festa della mamma realizzata 30mila presine "Mad(r)e in carcere", per la festa della mamma realizzata 30mila presine Un progetto di responsabilità sociale sostenuto dal Gruppo Megamark con un contributo di oltre 30mila euro
Dal carcere ai giardini, nuovo progetto formativo per dieci detenuti di Trani Dal carcere ai giardini, nuovo progetto formativo per dieci detenuti di Trani Il percorso insieme agli operatori della comunità Oasi2 San Francesco
Carcere maschile, ecco l'occasione di riscatto per 10 detenuti Carcere maschile, ecco l'occasione di riscatto per 10 detenuti Nasce il percorso formativo "Operatore per la realizzazione e manutenzione dei giardini"
"Ripartiamo dalla pasta", questa mattina la cerimonia di consegna degli attestati "Ripartiamo dalla pasta", questa mattina la cerimonia di consegna degli attestati Obiettivo del progetto il reinserimento dei detenuti nella società e nel mondo del lavoro
Ripartiamo dalla pasta, domani la premiazione di dieci detenuti nel carcere di Trani Ripartiamo dalla pasta, domani la premiazione di dieci detenuti nel carcere di Trani Il progetto di riqualificazione sociale della Granoro e Factory del Gusto
Morte Gregorio Durante, necessaria una "superperizia" Morte Gregorio Durante, necessaria una "superperizia" La Corte d'Appello chiede maggiore chiarezza e nomina tre nuovi consulenti
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.