Tribunale di Trani
Tribunale di Trani
Inbox

Muore dopo un intervento al colon, il figlio presenta esposto alla Procura di Trani

L'uomo era ricoverato nel reparto di "Chirurgia generale" dell'ospedale di Andria

Entrare in ospedale carichi di speranze, pensando di migliorare la propria vita ed uscirne, dopo soli quattro giorni, senza vita. A presentare l'esposto presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Trani, questa volta, è il giovane Gianluca Di Lernia, figlio del cinquasettenne tranese, Giovanni Di Lernia, deceduto nel mese di ottobre 2018, dopo soli quattro giorni dall'intervento di asportazione della neoplasia al colon, da cui affetto. Non si rassegna il giovane Gianluca Di Lernia che, alla luce degli esposti presentati - nell'ultimo mese - dai famigliari di altri due pazienti deceduti presso il medesimo reparto di "Chirurgia generale" dell'Ospedale "Bonomo" di Andria, pretende chiarezza sulla morte del padre.

Il giovane tranese è determinato e chiede l'intervento dell'Autorità Giudiziaria, affinché sia fatta luce sulle ragioni che gli hanno strappato via il genitore, nonostante i medici non avessero mai manifestato il rischio di morte del paziente.

"Mio padre – dice Gianluca – a maggio dell'anno appena trascorso, ha scoperto di avere un tumore al colon e, sin da subito, si è sottoposto ai vari trattamenti sanitari consigliati per allungare ed migliorare la qualità della propria vita. Dopo l'intervento di stomia ed i trattamenti chemio e radioterapici – continua – dovevano semplicemente asportargli il tumore, con una prospettiva di vita, di ulteriori cinque o sei anni almeno. Invece, l'intervento di asportazione del tumore al colon, gli è stato fatale. Non ho compreso cosa sia andato storto – si dispera Gianluca – perché sia morto dopo solo quattro giorni dall'intervento, eppure i medici ci avevano detto che sicuramente il Natale lo avrebbe passato a casa con noi."

Conclude Gianluca: "So soltanto che al momento della morte di papà, dopo l'ultimo intervento per frenare la sepsi in corso, nessuno dei medici è venuto nella sala d'aspetto, dove eravamo in attesa, per comunicarci personalmente il decesso, ma ci hanno notiziati, contattando mia madre sul suo telefono cellulare, sebbene stessimo a pochi metri da loro. L'altra cosa che so è che il Natale, l'abbiamo passato da soli."

E' determinato Gianluca, che nonostante la sua giovanissima età vuole conoscere la verità sulla perdita del padre. Si affida completamente alla giustizia ed ai Magistrati di Trani, perché facciano chiarezza, accertando eventuali responsabilità.
  • Tribunale di Trani
Altri contenuti a tema
Sospeso l'ex presidente del Tribunale di Trani, Bortone. E' accusato di falso e truffa Sospeso l'ex presidente del Tribunale di Trani, Bortone. E' accusato di falso e truffa Secondo gli inquirenti avrebbe faatto redigere ad altri le sentenze raggirando il ministero dell'Economia
Corruzione nel Tribunale di Trani, Savasta collabora: rivelati nuovi nomi e fatti Corruzione nel Tribunale di Trani, Savasta collabora: rivelati nuovi nomi e fatti Le dichiarazioni dell’ex Pm tranese aprono altri scenari nella vicenda
Giudici arrestati, Nardi e Di Chiaro rispondono al Gip ma respingono ogni accusa Giudici arrestati, Nardi e Di Chiaro rispondono al Gip ma respingono ogni accusa L'ex magistrato ha rivelato nuovi dettagli e il suo rapporto conflittuale con Savasta
Giudici arrestati, Antonio Savasta si avvale della facoltà di non rispondere Giudici arrestati, Antonio Savasta si avvale della facoltà di non rispondere Questa mattina l'interrogatorio di garanzia dinanzi al gip di Lecce
11 «Nardi mi chiedeva 500 euro al giorno. Ho pagato anche 600 mila euro per i lavori di ristrutturazione di una villa a Trani» «Nardi mi chiedeva 500 euro al giorno. Ho pagato anche 600 mila euro per i lavori di ristrutturazione di una villa a Trani» Parla Flavio D'Introno, l'imprenditore coinvolto nell'indagine contro i due ex magistrati tranesi
«Non chiedermi a chi è destinato, lo scoprirai dai telegiornali», shock dopo gli arresti per possesso di tritolo «Non chiedermi a chi è destinato, lo scoprirai dai telegiornali», shock dopo gli arresti per possesso di tritolo S'indaga per scoprire l'obiettivo, non si esclude fosse diretta ad un palazzo istituzionale
Nuovo sostituto procuratore al Tribunale di Trani: arriva Maria Isabella Scamarcio Nuovo sostituto procuratore al Tribunale di Trani: arriva Maria Isabella Scamarcio Originaria di Andria, s'nsedierà il prossimo 17 dicembre in sostituzione della collega Valentina Botti
Caso Chiarello, i difensori: «La collega non ha posto in essere alcuna condotta che le si possa rimproverare» Caso Chiarello, i difensori: «La collega non ha posto in essere alcuna condotta che le si possa rimproverare» Parlano i difensori dell'avvocato tranese condannata a nove mesi di reclusione per reati di falso e truffa
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.