Giovanni Ronco
Giovanni Ronco
Inbox

Solidarietà alla Dirigente della scuola De Amicis

LA lettera di Giovanni Ronco: "A nome dei tranesi, mi scuso"

Ho letto con molta attenzione e sconcerto la lettera aperta della dirigente della scuola De Amicis, Valeria Gasbarro al sindaco Bottaro. Invito anche voi a leggerla, se non l'avete ancora fatto, perché è un grido di dolore di una professionista che lavora nel mondo della scuola, contro un sistema istituzionale che fa del rinvio e della superficialità, della vaghezza e del pressapochismo le proprie linee guida. Rinvio e attesa, tenuta in campana: la gran parte della gestione della cosa pubblica viene mandata avanti in tal modo, con questi ingredienti acidi.

Anche i partiti, specie quelli al governo, che speriamo, dopo il 4 marzo, abbassino un po' la cresta e rivedano il loro modo di rapportarsi con la realtà. Rinviare e prendere tempo. Nella morsa di questi comandamenti distorti nell'amministrazione della vita pubblica (vedi la gestione del verde ad esempio) viene soffocato anche un settore che più degli altri entra in sofferenza quando le istituzioni si muovono in questa maniera: la scuola. Dalla lettera della Gasbarro traspare tutta l'amarezza di una comunità lasciata sola. L'annuncio sulla stampa (la dirigente chiama in causa anche i media, che a questo punto appaiono "correi", che danno spazio ai comunicati – litania del Comune) non segue l'atto ufficiale, la comunicazione tra istituzioni, quella amministrativa e quella scolastica. Il passaggio più tremendo della lettera è quello in cui si fa riferimento al "sottodimensionamento indotto", la DS spiega chiaramente cosa vuole dire (vi rimando ancora alla lettura della lettera), che quindi profilerebbe, secondo noi, un'intenzione malevola.

Come si fa a lasciare un'intera comunità in balia delle onde? Un gruppo di persone nella scuola, che oggi, lo so perché ci lavoro ed ho osservato sempre da vicino il lavoro dei dirigenti, così come di colleghi ed alunni, rappresenta un delicato meccanismo di equilibri e programmazione, dialogo e impostazione a lungo e medio termine. Non una cooperativa qualsiasi, non un'associazione, ma un ente che forma persone e cittadini, la famosa futura classe dirigente, viene letteralmente snobbata: una Ds che si ritrova ad "elemosinare" un incontro, quando questo dovrebbe essere prassi, famiglie lasciate in sospeso tra una situazione ricca d'incognite e comunicati insulsi e vuoti proclami a base di "faremo, vedremo". Cari amministratori, per favore, prendetevi in giro fra di voi, tra i vostri ridicoli partiti nei quali non siete in grado nemmeno di formare un gruppo dirigente, o uno straccio di segreteria, prendetevi in giro fra di voi quando dovete spartirvi le nomine e gli assessorati "a la carte", per arrotondamenti vari tra gettoni e commissioni. Continuate a pubblicare smentite in cui mentite sapendo di mentire, fate tutti i sopralluoghi "paraculi" che volete. Ma per favore: rispettate il personale della scuola, che contribuisce pure a formare i vostri figli. A nome dei tranesi, mi scuso con la DS per quanto ha dovuto vivere, lavorando nella nostra città.
  • Scuola
  • Scuola De Amicis
Altri contenuti a tema
Scuole superiori riaperte al 50% e Dad, la Uil scende in piazza Scuole superiori riaperte al 50% e Dad, la Uil scende in piazza "La scelta se mandare o meno i propri figli a scuola non può essere delegata ai genitori"
Dad nella scuola, Cgil e Cisl: «Nuova ordinanza, lesiva del lavoro e della dignità di tutto il personale scolastico» Dad nella scuola, Cgil e Cisl: «Nuova ordinanza, lesiva del lavoro e della dignità di tutto il personale scolastico» Critici i sindacati della scuola sulle modalità di scelta della didattica da parte della famiglie
Notizia positiva: tutti negativi alla "De Amicis", bimbi e insegnanti di una classe tornano a scuola Notizia positiva: tutti negativi alla "De Amicis", bimbi e insegnanti di una classe tornano a scuola E un "padre/insegnante" ringrazia tutto il personale per l'impegno
Puglia, scuola elementare e media in presenza. Chi vuole può scegliere la didattica a distanza Puglia, scuola elementare e media in presenza. Chi vuole può scegliere la didattica a distanza Il presidente Emiliano ha firmato l'ordinanza in mattinata, ecco il testo completo
Scuola, prorogata l'ordinanza: didattica digitale integrata sino a sabato Scuola, prorogata l'ordinanza: didattica digitale integrata sino a sabato Non è escluso un ulteriore prolungamento della decisione
Scuola in Puglia, Emiliano: «Andare in presenza rischia di diventare atto di egoismo» Scuola in Puglia, Emiliano: «Andare in presenza rischia di diventare atto di egoismo» Il presidente della Regione è intervenuto in collegamento su SkyTg 24 e ha ribadito la sua posizione
Edilizia scolastica, proseguono le attività negli istituti Bovio e Beltrani Edilizia scolastica, proseguono le attività negli istituti Bovio e Beltrani Previsti anche finanziamenti per manutenzione e adeguamenti delle strutture
Covid-19, Lopalco: «Scuole sicure? Sì con vaccino» Covid-19, Lopalco: «Scuole sicure? Sì con vaccino» L'assessore alla sanità propone di partire subito dopo la fase 1 con la vaccinazione per il personale scolastico
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.