Porto di Trani
Porto di Trani
Inbox

Sporcizia, urla e consumo di Marijuana: ecco la movida tranese

Lettera in redazione del cittadino Francesco Troisi

A Trani ormai vige l'anarchia. Non bisogna contare solo le presenze, bisogna dare al turismo una forma, una regola, altrimenti è il caos. Piazza Quercia, Piazza Tiepolo, Via Statuti Marittimi, il molo Sant'Antuono, il sottoportico Fortino trasformati da luoghi di passeggio a discoteche all'aperto, con musica esasperata, sparata senza limitazione alcuna, autorizzazioni parziali sul suolo pubblico divenute di fatto acquisizioni di vaste aree, anche demaniali. Ci sono queste autorizzazioni? Vengono rispettati i decibel? I controlli vengono effettuati?

Da cittadino tranese mi trovo spesso davanti a situazioni apparentemente del tutto prive di legalità. Passeggiando per strada ti ritrovi in una casbah dove trovi tutto tranne che la città Slow di cui porta il blasone, ma non i fatti. Sporcizia, urla, spinte, luoghi affollatissimi e privi di sicurezza, consumi di marijuana ormai alla luce del sole, alcool a più non posso, difficoltà enormi addirittura ad uscire dai locali, gente compressa a rischio di incolumità, nessun rispetto per le leggi e per il prossimo, con un unico comune denominatore, il profitto.

Questa è la movida tranese, un calderone di maleducazione, maleodorante, buia, zozza, caotica. Con il benestare indiretto e forse impotente di chi è preposto ai controlli per il rispetto delle leggi di sicurezza e amministrative. Per la cronaca, ore 02,00, per uscire da un locale iperaffollato fino alla follia, ci ho messo mezz'ora, a rischio della mia stessa incolumità. Questo non è turismo, Questa è un'orda barbarica.

Francesco Troisi, cittadino tranese
  • Turismo
Altri contenuti a tema
Alla scoperta degli approdi di Federico II, weekend tra Trani e Andria Alla scoperta degli approdi di Federico II, weekend tra Trani e Andria Organizzato dal Consorzio Terre di Castel del Monte nell'ambito di InPuglia365
Boom agriturismo in Puglia, Coldiretti: «Pernotti fino a 14 giorni» Boom agriturismo in Puglia, Coldiretti: «Pernotti fino a 14 giorni» Il turismo enogastronomico è il traino dell'economia turistica pugliese
Turismo e cultura, dalla Regione 50 milioni per supportare aziende in gravi difficoltà Turismo e cultura, dalla Regione 50 milioni per supportare aziende in gravi difficoltà Varata la nuova misura a fondo perduto per piccole e medie imprese
Sottoscritto a Trani un protocollo per formare manager del turismo Sottoscritto a Trani un protocollo per formare manager del turismo Presto al via il corso biennale di formazione
Presenze tricolore in agriturismi pugliesi, mancano gli stranieri: una perdita di 150 milioni Presenze tricolore in agriturismi pugliesi, mancano gli stranieri: una perdita di 150 milioni Anche per i vip italiani la Puglia è la meta dell’estate 2020
Benessere contagioso, 11 comuni pugliesi uniti da uno spot: c'è anche Trani Benessere contagioso, 11 comuni pugliesi uniti da uno spot: c'è anche Trani Un’iniziativa di Music Platform per far conoscere le bellezze del territorio
Turismo in Puglia, calano le prenotazioni negli agriturismi: -12% Turismo in Puglia, calano le prenotazioni negli agriturismi: -12% A preoccupare è anche l'effetto valanga sulle esportazioni Made in Italy
Fase 3, chiesta la revisione dell'ordinanza sugli spostamenti in Puglia Fase 3, chiesta la revisione dell'ordinanza sugli spostamenti in Puglia La proposta per rendere serena la permanenza per chi sta raggiungendo la regione
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.