Rifiuti
Rifiuti
Inbox

Trani, Capitale della Cultura “differenziata”

Lettera in redazione di un cittadino

Ho letto qualche giorno fa che il Comune di Trani intende presentare la candidatura a capitale della cultura per il 2021. L'iniziativa è da considerarsi senz'altro lodevole, ma prima di candidarsi sarebbe opportuno, a nostro modesto avviso, domandarsi se la città presenti tutte le caratteristiche e i requisiti per tale candidatura. Innanzitutto, è il caso di sottolineare che cosa si intende per cultura. Stando alla definizione che troviamo nei vari vocabolari, la parola "cultura" sta a indicare un insieme di conoscenze che concorrono a formare la personalità e le capacità ragionative di un individuo, nonché l'insieme di costumi e comportamenti di una comunità.

Ora, vien da chiedersi: "quale cultura la città di Trani può presentare agli occhi dell'Europa?" Da un lato, la città può mostrare un centro storico di grande valore artistico costituito dalla maestosa cattedrale, dal castello Svevo, dal palazzo del tribunale, nonché prima corte d'appello della Puglia, dalle quattro sinagoghe, dal monastero di Colonna e da qualche altro palazzo che sicuramente sono la parte migliore della città. Dall'altro, tuttavia, la città presenta e vive in uno stato di degrado culturale e ambientale da far rabbrividire i più incalliti incivili.

Quale cultura può presentare una città che come qualità della vita risulta agli ultimi posti delle classifiche redatte da riviste specializzate e da alcune università? E non a torto è tra le ultime. Basta girare per la città per rendersi conto dello stato di notevole degrado. Numerose strade e piazze dissestate o rattoppate alla meno peggio, marciapiedi accidentati, aiuole piene di rifiuti, strisce pedonali sbiadite o del tutto assenti, tabelloni elettronici degli orari dei mezzi pubblici inutilizzati, un tasso di raccolta differenziata (20-21%) tra i più bassi in Italia. Che dire del lungomare che avrebbe potuto rappresentare un altro fiore all'occhiello e invece presenta ancora dei siti industriali che deturpano l'ambiente e il panorama? Possiamo definire cultura il comportamento dei venditori ambulanti che vendono prodotti ittici o agroalimentari a ogni angolo di strada in spregio a ogni norma di igiene e di legge? Come definire il comportamento degli incivili che, imperterriti, conferiscono rifiuti a tutte le ore del giorno, spesso posizionandoli davanti ai cassonetti?

A nostro avviso serve ben altro per ottenere la nomina a capitale europea della cultura. Occorre una gestione amministrativa particolareggiata, una responsabilità di tutti, una piena consapevolezza dei problemi che attanagliano la città e una partecipazione attiva di tutta la cittadinanza. In definitiva occorre un profondo e radicale cambiamento dei comportamenti, delle credenze e della mentalità. Occorre, in definitiva una nuova cultura se si vuole sperare di ottenere il tanto prestigioso riconoscimento.

Pasquino,
cittadino tranese

  • Rifiuti
Altri contenuti a tema
Il vero volto della quarantena durante la fase 2 a Trani Il vero volto della quarantena durante la fase 2 a Trani Strade ricoperte di rifiuti, mascherine, gratta e vinci e bottiglie di birra
Stop all'inquinamento in mare, a Trani installati tre raccoglitori di rifiuti galleggianti Stop all'inquinamento in mare, a Trani installati tre raccoglitori di rifiuti galleggianti Bottaro: «Puntiamo a migliorare l’aspetto di uno dei luoghi simbolo della città, il porto»
Rifiuti, per la città di Trani si chiude un anno «infausto» Rifiuti, per la città di Trani si chiude un anno «infausto» Lettera in redazione del Comitato Bene Comune
Isola ecologica, giorni di chiusura in vista delle festività natalizie Isola ecologica, giorni di chiusura in vista delle festività natalizie Tutte le informazioni utili
Rifiuti urbani, in città cambiano gli orari di conferimento e raccolta Rifiuti urbani, in città cambiano gli orari di conferimento e raccolta Nuova ordinanza del sindaco di Trani. Tutto quello che c'è da sapere
Quella pericolosa sovrapposizione tra Cultura e percolato Quella pericolosa sovrapposizione tra Cultura e percolato Mazza e panella di Giovanni Ronco
1 Da Bisceglie a Trani per conferire rifiuti: incivile bloccato da un vigile cittadino Da Bisceglie a Trani per conferire rifiuti: incivile bloccato da un vigile cittadino La video denunciata pubblicata sui canali social per sensibilizzare la popolazione
Rifiuti ingombranti abbandonati in città, Amiu ricorda che il servizio di ritiro è gratuito Rifiuti ingombranti abbandonati in città, Amiu ricorda che il servizio di ritiro è gratuito Nuovo episodio di inciviltà tra via Pisa e corso don Luigi Sturzo
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.